STORIES PLAYFUL by Carlo Collodi

The anticipated little man.

That is the story of all those kids who want to view men ahead of time.

1. Mr. Gigino.

When I knew, He had just ten years. The first name was Gigino.

It was neither good nor bad. Had a par of cerulean eyes: blond hair, of a light blond as tow: the nose a little’ stood and turned up the legs and a lean little of need.

By and large, He could be said to be a good son. At school did miracles, but the teacher was appearing happy: home was then the cuckoo of the mother and the right eye of father. Woe to the sisters and the brothers had touched a hair Gigino! It was to give birth to a kind of pandemonium.

Shall I tell you the greatest shortcoming of this guy? Durerete hard to believe, yet it is so: his greatest fault was to ashamed to pass for a boy: He wanted to force a young man opinion, a man made!

To ask him how old he was, for the usual answer:

"The father and mother say that I have ten: but they say it to make me angry…”

"O then, how old are you?”

"A little bit dir, I must have been twelve to eighteen: another year it will leverage…”

"How do you know?”

"Who knows better than I.? The years are mine, me and nobody can remove them. "

The fact is that Gigino, while he is pretending to be a young man and a little man matured before the time, He gave to know for a guy guy of many other. He was capricious, capricious, listless, glutton for sugar and pastries: a powder’ liar: overbearing and co touchy’ his classmates, and fanatical of the toys to the mark of chirping every day some money to buy a puppet or a horse terracotta whistling in the queue.

Perhaps you will ask me: "In what way, therefore, Mr. Gigino This showed his great passion to pass himself a young man?”

I tell you now: his passion was all in the desire to be able to dress men, like its big brother who had now twenty years tasks: namely, instead of the usual cap, He would have preferred a nice hat tuba: Instead of spencer, a black cloth coat, and instead of the inverted golettina, that leaves the neck, a nice golettone standing starched, like the collar of priests.

 

 

2. The top hat.

 

Among all these gallant, the most coveted for our Gigino hat was a tuba.

One day, venting with Veronica, the waitress who usually accompanied him for a walk, He came up to say: "Believe, Veronica, for a top hat I would give all my school books. "

"Or why not if it makes you buy from dad?"Longed waitress, laughing like crazy.

"And why are you laughing?"He asked angrily Gigino.

"Curtains, because to see a boy, like her, with top hat, I seem to see a porcini mushroom. "

"Poor woman! I sympathize with you…”

"The pity me what he wants, but to me the boys dressed as large hominin resemble me so many masks outside the Carnival…”

The morning after (It was precisely Thursday, days off to school) our Gigino, rummaging in the closet wardrobe, It was made to find an old hat of plush, all white dust. It was an old hat of his father.

All allegro, as if he had found a treasure, She carried him off to subterfuge; and he retired to his room, sat brush and strigliarlo, as if it were a horse.

That poor hat in some places had become whitish to cause the hair gone: ma Gigino, without losing heart, There remedied immediately, and the ink outlet phial, He returned to the hat sweatshirt its beautiful color morato.

Then she puts him in the lead: but the hat was so broad, that fell to the principle of the nose.

Gigino he not said if they intended to: and andandosi to look in the mirror, He began to say gloating with joy:

"Here it is… They are no longer the same: just another couple… even his mother would recognize me!… We must agree that the top hat opinion is what makes men… If men wore caps, like us, would so many guys… What I would pay to get me to do with this hat from my classmates!… Who knows how m'invidierebbero!… And the master?… I bet, if I went to school with this hat, even the master would have a bit’ awe of me… Oh! that great idea!…”.

No sooner said than done, Gigino was there and then a lovely idea. He rose hat, He ran to his mother and told her: "Do you happy, mamma, I go from here Cartolaro, on the corner, to buy a paper quinternino?”

"Promise me more returning soon?”

"In a flash."

"And do not stop before the windows of the shops."

"Whether you believe me a boy?”

And without bothering to say anything else, Gigino returned Room; and two minutes later it was down in the street, He led by its beautiful hat tuba, re-dyed earnings.

People turned to look at him, and he laughed: but he strutted and he was happy as a clam.

For others, the contentments in this world do not last long: so much so that before coming to the workshop of Cartolaro, our Gigino met two street urchins, that began to circle about him and asking him great reverence and great salaams, They are shouting as loud as they had in the throat:

"Sor Doctor, good morning to you!… Ben arrived sor Doctor!”

Other boys came upon squealing:

"Look what a beautiful Chapel!… Sor Chapel, SI rigiri!… Hurray Chapel!…”.

And there big laughs, screams, whistles, a pandemonium, from the rising of the brain.

The poor Gigino, He would pay God knows what for wings like a bird flying up and go home to his mother, he tried several times to make his way and to sneak away, but the boys, gathered in a circle, They were closing every way to salvation.

"I think a beautiful piece of crap!"He cried tears. "I'm going on my own, and do not bother anybody… and I do not want anyone bothered about me…”

"Bravo Chapel, He yelled a boy, most impish of others. Bravo Chapel!… you reason better than a printed book… and deserve a tip. "

And in saying so, and gave him a shot on the hat so screanzato, that the crown flew off net, and the poor Gigino remained with the only tense dangling around the head.

Imagine the burst of laughter!

Just got home, our friend closed room to bathe with cold water a nice scratch on the nose, raccapezzato in the midst of that great uproar.

 

 

3. The Goletto insaldato.

 

The scratch of the nose had not healed for good, already our friend Gigino, for the usual grulleria to dress men did, He pondered another of his.

A morning, having found the Veronica in wardrobe, that tidied linen, he said with a charming manierina:

"Tell me, Veronica, would you do me a pleasure?”

"You figure!”

"But first you have to promise…”

"What?”

"Not to say anything to Mom."

"It begins badly," said the maid, raising his head and looking in the face the guy. "It must be, therefore, a secret?”

"A secret, no… but here, vorrei…”

"Animo away: We feel what it is. "

"It is a Goletto neck of my brother Augusto."

"How does his brother Augusto?”

"You have to know that Augustus gave me one of’ His neck Goletti: but for me it is too large… and I would like you to do me the pleasure to shrink it. "

"And a kid, like her, He wants to get high like that and insaldato golettaccio, that seems a collar? those Goletti, be patient, they will become men and young men, because now fashion takes so, and with the fashion we do not reason: but the boys of his age do best shape with the schooner thrown back, and that leaves open and free, neck. The mind has to, sor Gigino, that children must be clothed boys: not, Need to exchange them for so many men remained nanerucoli and old. "

"Or it would be a shame? I feel that the father and mother, when they want to say much good to some guy, You know how they say? They always say: what is a guy who seems just a little man. "

"Very true: but do not intend to say that pairs a little man, because it brings Goletti standing and insaldati, as they use men: no way! They mean such and such other guy seems a little man, because it is not capricious, because it is not scapato, it has judgment, because it studies and do honor and because he prefers books to toys. "

"That's enough, enough, Veronica: the rest you tell me one more time. Me you do, then this pleasure?”

"But I bet if his father was so good to buy a top hat, She would not be ashamed to be seen in the street with that dome head!”

Gigino looked into the face of Veronica, and lowering his voice he asked:

"Have you heard anything?…”.

"What?”

"Del hat…”

"That is?”

"So you know nothing?… Meno male… What, therefore, you were saying?”

"I said that she would be quite capable to take the lead in a top hat and maybe going to be seen by all!…”

"Sure there anderei."

"But I think with boos and laughter of street urchins?”

"Tell me, Veronica, If you knew for anything?…”

"What?”

"Thank god: you have not heard anything!… It said then,?”

"I said that the street boys are naughty… I do not know if you only contenterebbero to laugh and whistle. "

"And what do you want them to do to me worse?”

"Who knows! They could raise their hands and feel the tickle of dropping his hat on some solemn tin…”

“Latta?… And that stuff is milk?”

"Are those hand colpacci open buckled in joke or for real on the hat of the other."

"And if some boy you pigliasse the sciuparmi confidence hat, you think I do not have the courage?…”

"The courage to do what?”

"To run away and go now to tell his mother?… For your own good, I'm not afraid of anyone. "

"I know that she is brave dimolto: so much so that in the evening, when he came to bed, Always burning candle. Woe to leave in the dark!”

"What has the candle with the courage? Courage is one thing, and the candle is another: do convieni? And then you should know that my teacher gymnastics promised in six or seven years to teach fencing… and when I know fencing… then, I tell you, I will no longer afraid of anyone. But really, Veronica, you do me this pleasure, sì o no?”

Gigino, I'm sorry to have to say, He had another flaw, very common indeed to many boys, one, namely, that when beginning to ask you something, He could not stop, so long as he had not obtained. And by dint of repeating and chirping the same thing he became so boring and so Heckler, to break through the stomach.

The proof is that Veronica, just to stand back that torment, taken spitefully the Goletto, and tagliatone a piece and ricucitolo the better with a few points, reduced him adapted to his young master neck.

Who is more blessed, those happier Gigino? Dancing and jumping ran to shut himself in his small bedroom, and there and so did much gasped, who finally he could look in the mirror with his new Goletto around the neck.

But the new Goletto was so high and so hard insaldato, that the poor boy felt cut his throat! He could not lower his head: He could not turn neither here nor there: It seemed just a hanged. Yet he was glad that giuccherello, both happy, it would be hard figurarselo!

His first idea was to ask the mom usually allowed to go from the usual Cartolaro to buy the usual pens: but then, tornandogli in mind the great misfortune touched the unhappy top hat, thought it best to go down in the garden. If if only, dodging the danger of meeting the street urchins, is the taste of being seen by the gardener would be raised, the gardener's wife and their little boy.

Upon arriving on the garden gate, the first to meet him was Melampo, a large guard dog, He began to look bad and to growl, as if he wanted to eat.

"What did Melampo?"Gigino shouted to the gardener's son. "That perhaps does not know me more? He does not recognize his master?”

"How does it face to recognize him, with Codest golettone that the band across the throat?… believe it, sor Gigino, hard hardly recognize myself… From yesterday to today, the so ugly… with all due respect!”

"ugly?… That is to say?…”

"Believe, sor Gigino, it seems to me a cockerel, when they pulled the neck… That has perhaps come a tumor, God save us all?”

"It's better for me to go, no answer… not, do you say beautiful "Gigino chewed through his teeth: and he moved toward the arbor.

But forced to walk head high and not being able to see where he was going, He stumbled a few steps in a water-filled nerd left to oblivion in the middle, and it fell flat on the avenue gravel.

And its fall was so funny, that some hens, which they were pecking there surroundings, instead of running scared, They began to flap their wings and to make cluck cluck, exactly as if they were laughing at the sight of genius that guy's so funny for his golettone insaldato. Suffice it to say that among those hens, there was one that, in the effort of laughter, Scodello unwittingly a beautiful poached fresh.

Gigino, as you can imagine it, He came home all mortified, and there is to pity! If with his Goletto he had put in a good mood only the boy gardener, patience! But to laugh chickens, it's too much! Really, it's too much!

 

 

4. Fencing.

 

And here we must return a step back, as they say the narrators of novels.

Therefore you must know, and my little dear readers, the bad case of the poor hat tuba, worn-out, beaten and divided into two parts on the public highway, He did not remain a secret for the classmates of our friend Gigino.

One scholar, coincidentally, He came to know: and when a guy knows something, you can expect that after five minutes so do all the other guys. So they knew all the Arithmetic, History and Geography!

The fact is, that among classmates Gigino once stood a certain Amerigo called by the nickname Blond, because of hair and complexion was ruddy like a torch of embers.

Biondo had only one passion (ugly passion): to have fun and laugh at the other guys. He invented some banter for all or some cheeky joke. To those who gave, and those who promised.

Imagine his delight, when they told the story of the famous waterfall can on top hat of the poor Gigino!

He immediately took aim at the Friend, and left him no more peace; he left mostly ben'avere just a minute.

Every time in going to school, he met his in him, affibbiavagli suffered a great slap on the cap: and then, pretending to be sorrowful and mortified, He said in a whining voice:

"Sorry, sai: I felt that you had on his hat tuba!… I will not do it again!…”.

Our Gigino, these coarse jokes suffering there, we just suffered: and he would have given a good lesson to his ferocious persecutor: but the fear was what kept him: and fear was always a large tare for all those people who would like to have courage.

At the end, they can no longer, He made a determined mood, and he said to her gym teacher:

"Sit, sir, I would like you to teach me right away fencing ".

"What do you make of fencing?”

"I want to beat…”

"With whom?”

"With nobody."

"Very well: Mr. Nobody is the only opponent adapted for you!"She shouted the master, giving into laughter.

"Yet even Dad always says, when I will be older, I'll have to learn fencing…”

"When you're older, yes: but what does it do now fencing? Today you're a tall boy a little over a penny of cheese? Today you do not even have the strength to hold the foil in hand?…”

“Scusi: what would foil?”

"I'll explain another time."

“Scusi, sir: He could not give me a few lessons, to begin?…”

"I want to be content. For today I will teach you how to be on guard. "

"I'm sorry… but warned today I can not stand, because after school, waiting for me at home ".

The teacher did his best to not give a burst of laughter: then resumed:

"Animo! Get there, straight, strutting the person. Fine! Now bring your left hand behind your back… Nossignore! MISUSE is not the left hand: MISUSE is the right… Okay so: Now with the right holding this stick, that will be the foil ".

“Scusi, Mr. Teacher, What is foil?”

"I'll explain another time. Now stretch your right arm, and taking a step forward, Move it to me, as if you wanted to hit me. "

"And then?”

"And then the lesson is over."

"It's all this fencing?”

"For your age, You've also learned too much and I had leftovers ".

After the fencing lesson, Gigino became a kind of giant Goliath. No one was more afraid. So much so that one day, having taken into words with Blonde, She told him on the face:

"I'm sick of your sguajataggini: after school we will fight ".

No sooner said than done, the two adversaries found themselves together over a deserted square, facing each other.

"Careful!"Said Gigino to Blonde. "Stretch your right arm, and he passes his left hand behind his back. "

"Talk with me? I, for your own good I have no time to lose in so many compliments, and I look after me right away. "

And without adding another word, He loaded on the opponent's shoulders a load of punches, how could bring a donkey.

Our friend returned home aching: and along the way he consoled himself occasionally, dicendo fra sé:

"It is true that I touch it! But that there was no fencing, those were fists ".

 

 

5. The horse waterfall.

 

Come vacation time, Gigino went to spend two months in the country together with her mom.

My father remained in the city, because since the time of elections, and wanting to succeed elected deputy in the Chamber, he needed to shoot from morning to evening as a bellhop mail.

Not far from the villa of our friend there was a farmhouse inhabited by the small family farmer: ie father, mother and two boys.

The elder of the two boys had perhaps the same age as Gigino, and it was called Cecco, the child was a little boy of four years just.

"What is this child?"He asked the mother Gigino.

"His real name would Brandimart: I November, Here in the family, he is told Formicola, because he is like a little silkworm. "

Gigino, as you can imagine it, He spent all his days in the house of the farmer, and he had become the inseparable friend of Cecco.

One time, among other, he asked:

"What could you do to have a little fun?”

"Sit, sor Gigino, does not listen to me? I will have a nice wooden wagon with four wheels: she has to do in, and he will be the master, and I will be horse and I'll pull the cart. "

"Codest I think are toys for boys!"Said Gigino, Gaining the air of a serious man without yawning and have to want.

"Or that she is old?”

"I will not tell of being old: but now every mistake me for a young man. "

"I, for example", he added Cecco, "If I had to exchange it with someone, I trade it with a guy…”

"A guy I?… Do not you know that in ten years I'll be a lever and I'll have to be a soldier?”

"I do not my fault", Cecco said, shrugging.

"And out of the cart with four wheels, you would not have any other hobby?…”

"Last year I had it…”

"What did you have?”

"A white horse so tame and approachable, who followed were like a chick, when you throw the panic…”

"And now he's dead?”

"It is the same that he died, because the owner sold it. "

"And when it repurchased the horse?”

"The horse we have it, but it would be almost better not to have. Of those Cavallacci bad!… In and figures, that make him a pat, immediately lowers the ears and puts certain holes big teeth, that seem handles knife. "

"It runs dimolto?”

"The worst is one of a Berber scappatore. If I had to I montar!… Not even if they cucissero on it with string. "

"Are not you ashamed to be so scary?”

“No”.

"You're wrong: a boy your age should have a lot more courage…”

"I know myself: but to have courage, You should not be afraid. "

"When I was your age, there was no horse that put me in awe: Indeed, the more spirited and were scappatori, and I'd like. "

"I levi a curiosity", He replied Cecco, watching the young master with an air a little’ teasing, "Which he has mounted her horse dimolti?”

"I'll let you imagine!…”

"For example… How many?”

"There vorrebb'altro to count them all!…”

"So you also would assemble the crazy?”

"Who is the fool?”

"The fact is that Cavallaccio, we have in the stable. "

"And why do you call it the madman?”

"Because it is a beast, with which one can not reason. "

"I bring in to view?”

"On and figures!”

The two boys, without other words, They got up from the bench where they were sitting and started for the barn. Once at the door, Gigino said Cecco:

"Bring out the fool!”

Cecco obeyed.

When Gigino had seen the animal, he said shaking his head in place of compassion:

"This, caro mio, It is not a horse: This is a sheep. "

"But I bet she…”

"I?… I, for your own good I rode some horses, you do not you even dream them. "

(We understand that Gigino, speaking well, said a lot of lies: but he said to his usual eagerness to pass himself a young man.)

"He wants to try to climb aboard, the bisdosso?”

"The bisdosso? namely?”

"That means, bareback."

"Willingly. VA’ to take a chair. "

"What do you want to do?”

"Now you'll see."

"But that horseman, like her, needs of the chair? I, when I want to ride a horse, I attack the hairs of the mane, leading a good jump, and in less that is said, I stand with one leg here and one there…”

"Everyone has their own opinions: I, without a chair, I can not ride a horse. "

Cecco brought a whole ramshackle seggiolaccia: Gigino climbed up, and forking the horse with the left leg, instead of with the right, he found himself with his face and whole person turned to the animal's tail.

So Cecco, sbellicandosi with laughter, He began shouting:

“No, sor Gigino, no, He has the wrong door: the reversals of you there; because the horse's head is that side ".

"I know, know, "said Gigino quite blithely," but for your own good when I mount a horse, I have the precaution to turn around first from the tail…”

"Why?”

"Why, caro mio, the precautions are never enough. "

"Now I get it", said Ben, who did not understand anything.

Meanwhile, after unprecedented efforts, Gigino turned with the whole person towards the horse's head: and accomplished just this difficult maneuver, It would be dropped willingly: but he lacked the time.

The restless animal, without waiting for the knight's invitation immediately he pulled half gallop. Figuratevi Gigino! it, who he had never ridden other horses, what a beautiful wooden colt, compratogli from his mom for New Year's gift! How many jumps and bounding on the dry rump Crazy! The poor boy now swung from one side, now he swung the other… and Cecco! That rascal Cecco, legs apart in the road, enjoying the scene of his young master, that at any moment was about to take a big tumble, He would send a wrong from laughter.

And the moment came tumbling unfortunately. Gigino cadde, like a bundle of rags, between the dust of the road, and the horse, not intended for docks, he went to eating grass in the field near.

"It's getting very bad?"Cecco asked, who had left to gallop to help.

"And why should I be hurt?”

"It was a bad fall!”

"Poor grullo! What do you think I fell? No way. I wanted to go down, and when getting off I put a foot wrong and are sdrucciolato. It is a misfortune that can happen to everyone. "

"Really! The other day, for example, I sdrucciolai…”

"Coming down from his horse?”

“No: putting one foot above a peel fig. And this horn, he came here on his forehead?…”

Gigino touched his forehead with his hand, and I felt that there was indeed a little bloated, he said with his usual aplomb:

"You see that, to come down, I beat one knee. Just that I beat knee, because it is at once a horn in the head. My skin is so delicate!…”.

 

 

6. The cigar.

 

Want to know another? A few days later, on the hour of dinner, our friend entered the farmer's house and found all the little family at the dinner table: namely, Tonio, the foreman, his wife Betta, and the two boys and Cecco Formicola, the latter so named, because (as you already know) It was a little child and minutes as a silkworm.

What I was gone for Mr. Gigino?

Oh! do not be afraid that his good because we had! More if you had it!

Tonio and Betta, just to show the good heart, They asked him once if he wanted to encourage, ie if he wanted to take a bite Bread and cheese.

Gigino thanked, and posing as a person bored, He conversed chirping of this and that. But as soon as he realized that the dinner was ending, He took from his pocket a nice Tuscan cigar, and breaking it in half with the grace of an old smoker, He offered half the foreman Tonio.

"I'm sorry", said the farmer all complimentary, "I regret not being able to live up to its due…”

"Why?”

"Why do not smoke, and I never smoked. "

"Really?”

"The cigar, with all due respect, always seemed to me a great piece of crap. It also says our doctor…”

"Crafty Bravo! And they are so bono to heed the doctor?”

"I give him safe straight! Cred'ella that our doctor is a blockhead? The if they rise from the head: It is a homo who knows a lot dimolto and sees us well, and when his sick moiono, it is the sign that no longer wanted to live. "

"And what does your doctor cigars?”

“Dice che i sigari sono la peste del genere umano e la sorgente di tutti i malanni che vengono sulla lingua, in gola e in fondo allo stomaco.”

“Grullerie! Ti pare che se i sigari facessero male davvero, il governo li lascerebbe vendere in tutte le botteghe?”

“Scusi: e lei che fuma?”

“Altro se fumo!”

Gigino, dicendo così, diceva al solito una grossa bugia, perché fino a quel giorno non aveva fumato mai.

“E il sigaro non gli guasta l’appetito?”

“Guastarmi l’appetito? a me? Per tua regola ho una salute di bronzo, e quando ho fumato un mazzo di sigari, sto meglio di prima. E tu, Cecco, sei fumatore?”

“Vorrei vedere anche questa!”, gridò la Betta inviperita, alzandosi in piedi e puntando le mani sulla tavola.

“Io”, rispose il ragazzo ridendo, “fumo qualche volta: ma fumo i sigari di cioccolata…”

“Ti compatisco!”, disse Gigino. “Sei ancora troppo ragazzo per i nostri sigariMi vuoi dare un fiammifero acceso?”

“Volentieri.”

Cecco accese un fiammifero di legno e lo presentò al padroncino; which, trovandosi oramai all’impegno, si armò di un coraggio da leoni e ficcatosi mezzo sigaro fra le labbra, cominciò a fumarlo.

Tutti, com’è naturale, lo guardavano con maraviglia, come si guarderebbe una bestia rara: quand’ecco il bambinetto chiamato Formicola, che voltandosi alla mamma, disse con una vocina piagnucolosa:

“Mamma, lo fai smettere il sor Gigino?”

“Che cosa ti fa il sor Gigino?”

“Mi fa le boccacce!”

E Formicola aveva ragione: perché il nostro amico, fra una fumata e l’altra, faceva con la bocca certi versacci sguaiati, da metter quasi paura.

Then suddenly he went white as a washed cloth. He wanted to rise to his feet, but his legs folded up.

"He feels bad?"She asked him anxiously Betta.

Gigino he tried to answer anything: but there was no breath. Instead he yawned, and after a long long yawn, He spat three or four times and made his mouth a certain grace… made myself clear?

Then Tonio ran to take a bowl… Fosse least arrive in time!

Poor Gigino! After an hour of stomach bustle, that resembled death, he returned to the villa half dazed: and going up the stairs, He said to himself: “How I would have done better to smoke a chocolate cigar!…”

 

 

7. The jacket dovetail.

 

After the holiday, il bravo Gigino dové presentarsi agli esami per essere ammesso alla terza ginnasiale.

A sentir lui, era sicurissimo di uscir vittorioso: but instead, as they say, rimase schiacciato.

Credete forse che se ne accorasse?

Not a chance. Rather, quando il babbo e la mamma lo rimproverarono per aver fatto una meschina figura e per aver perduto inutilmente un anno di scuola, volete sapere come rispose?

“Che cosa fa un anno di più o un anno di meno? Sono forse un vecchio? Ho appena nove anni, e non mi manca il tempo per ricattarmi.”

Sissignori! Quel monello, quando era spinto dalla vanità di vestirsi da giovinotto, si cresceva gli anni a manciate: quando poi voleva scusarsi della poca voglia di studiare, then, a lasciarlo discorrere, ridiventava un bambino di nove o dieci anni appena.

For other, trovandosi qualche volta solo, He was mulling the thought the stormy history of the famous hat tuba, the cackling of hens for his golettone starched, the swats had Biondo, although the blonde did not know fencing, the horse waterfall with the accompaniment of a great horn between the head, and smoked a cigar that traitor, which forced him to make kittens… clean way to say that had forced him to Replace battery out of the sunlight all eaten breakfast with a lot of taste just hours before.

And thinking of all these things, and she is doing in her head a little calculation in midair, It was finally comprehend that this vanity to pose as a young man before his time, He had earned him more grief, consolations that true self-love satisfied.

And he swore serious about wanting to change his life and resign now to remain guy so long as the calendar had not given a few more years.

And he kept the oath for several months.

He had in this time of testing many temptations: but he managed to spuntarle, and he remained master of the field.

But unfortunately one evening…

I will tell it to Gigino disgrace, but I will tell it in words almost happy not to make you cry.

One evening, in his house, there was dance party.

Gigino, not wanting to look bad in front of others, He went for time to close in the room: and combed, smoothed, and agghindò, appear like a real Paris. He had a white shirt, with Goletto overturned, and a black cloth spencer, he came back with a brush.

When he heard that the piano preludes mentioned the first of polka and marzurka, immediately ran… but before entering the room, She poked her head in the door and saw…

He saw a swarm of white ties and jackets dovetail.

The jacket dovetail had always been his great passion, its golden dream.

The proof is that once, I am came the tailor to bring back a velvet spencer, he asked in secret:

“Scusi: this spencer could not attack the back gable?”.

"Wanting, you can make all: but it seems that the jacket has a tailored suit for boys his age?”

"How old do you have to put on your costume?”

"At least, eighteen or twenty years. "

"It seems to me a beautiful arrogance! Therefore, because we boys, we should always dress in a way other?…”

"Arrivedella sor Gigino."

And the tailor went away shaking his head and biting his mustache.

The dance party night, our friend feeling reignite the passion for his jacket, Almanac with his cricket brain of this beautiful reasoning:

"If you would put me in the jacket, my brother Augusto?… Augustus in Rome… and does not return until Monday. His jacket back to me very well… a powder’ long, If we want, a powder’ long… but in the midst of that crowd of dancers and ballerinas, not notice that?”.

And there, made a determined mood, He went into his brother's room, He took his jacket and stuck.

Imagine when it appeared in the room! He burst out laughing, that never ended. They were all laughing: Also the piano. A Miss, among other, and then rise so much, which it was taken by a sob convulsively, and he was taken out of the room almost fainted.

Then came half havoc.

The piano playing smesse: couples who danced, they disbanded: the quadrille remained in the middle, and everyone flocked to know the cause of the fainting.

"Poor young girl! He laughed too! and too funny sometimes hurts!”, some said.

"And the reason for that convulsive laughter?"Asked others.

"The jacket of Mr. Gigino."

"Let us see this famous tunic."

"Let's see it really."

And there surroundings Gigino, who angrily to be laughed at by the curious, Said in a burst of tears and fled from the room like a frustrated cat.

From that evening onwards, Gigino, put his head in party, He broke free from the ridiculous passion to dress Use a young man, before the time.

It did him good: because kids, boys clothes, They include much more of that brats, who they claim to masquerade as anticipated men.

 

 

 

peeing.

Or the little monkey of pink

 

 

 

 

 

1. Why Pee was given the nickname "little monkey pink color"

 

In the world-famous fishing forest Vattel'a, There was once a small little family of seven monkeys: dad, mother and five little monkeys as high as a penny-free cheese.

This little family dwelling among the branches of a giant tree, in the middle of a forest, and he paid fifteen plums a year's rent in an old bully gorilla, he had made up his mind to be the landlord.

Of the five little monkeys, quattro avevano il pelame di un colore scuro come la cioccolata; ma il quinto, instead, ossia il più piccolo di loro, fosse scherzo di natura o altro, fatto sta che era tutto ricoperto, salvo il musino, da una finissima lanugine di color vermiglio carnicino, come le foglie della rosa maggese. Ed è per questa ragione che in casa e fuori di casa lo chiamavano tutti in canzonatura col soprannome di peeing, parola che nella lingua parlata delle scimmie, vuol dire precisamente color di rosa.

Pipì non somigliava punto né a’ his brothers, ne agli altri scimmiottini del vicinato.

Aveva un musino vispo e intelligente; un par di occhietti furbi, che non stavano fermi un minuto: una bocchina che rideva sempre, e un personalino asciutto e flessibile, come un gambo di giunco. Era, in short, as they say, uno scimmiottino fatto proprio col pennello.

Vedendolo così di prim’acchito, si poteva quasi scambiarlo per un ragazzino di otto o nove anni, per la gran ragione che Pipì faceva il chiasso e i balocchi, come un ragazzo: correva dietro alle farfalle e andava in cerca di nidi, come i ragazzi: era ghiottissimo delle frutta acerbe, come i ragazzi: mangiava ogni cosa e mangiava sempre, come i ragazzi: e dopo aver mangiato ben bene, si ripuliva la bocca con le mani, come fanno i ragazzi e segnatamente i ragazzi poco puliti.

Ma la più gran passione di Pipì volete sapere qual era?

Era quella di scimmiottare tutto quello che vedeva fare agli uomini.

One day, among others, mentre andava per la foresta a caccia di cicale e di grilli, vide a poca distanza un giovanetto seduto a piè d’un albero, che se ne stava tranquillamente fumando la sua pipa.

A quella vista, Pee's eyes widened and he became as enchanted.

“Oh!” He said inwardly “if I could have a pipe too!… Oh if I could get me out que’ beautiful clouds of smoke from his mouth!… Oh if I could go home, smoking like an open fire lit! Who knows with that eye of envy I would watch my four brothers!”

While the little monkey whirled to head these beautiful things, here's the lad, a powder’ with fatigue and a little’ for much of the day boil, let go two audible yawns, and he laid his pipe on the grass, fell asleep.

What did then that fluffy Pee?

He walked very slowly, tiptoed, the young man who was sleeping: rattenendo and even your breath… adagino adagino he reached out a paw… He is struggling with incredible speed the pipe that was laid on the grass… and then, away legs as the wind.

Just got home, I call immediately, tutt'allegro, dad, mother and brothers; and in the presence in their, pipone that one slipped between the lips, He began to smoke with the same grace and with the same ease, as he would an old sailor.

His mother and brothers, to see him come out of his mouth those clouds of smoke, They are laughing like crazy: but his father was an ape full of judgment and experience of the world, he said warningly healthy:

"There, peeing! By dint of ape men, one day or the other you will become a man you too… so! Then you'll regret it bitterly, but it will be too late!”

Worried by these words, Pee threw away his pipe and smoked no more.

Yet it must be admitted that that pipe stolen brought him disgrace.

In fact, a few days later, Pee was hit by a horrific injury! The unfortunate it lost forever his beautiful tail: such a beautiful tail, having seen that it was enough once, to never again forget potersela.

How did he pee he lost his magnificent tail?

It is a cruel and painful history, that brings tears to the eyes just to think of; and I will tell it in this other chapter.

 

 

2. How did he pee lost his beautiful tail

 

We must therefore know that, just come out of that forest, where they were to pee house and his little family, He was once a large lake inhabited by an old crocodile, that mattered now two thousand years of life.

Arab-Babbà (it was called the old crocodile), He went blind on account of age decrepit eyes, and no longer able to earn a piece of bread by the sweat of his brow, He was sentenced to sit from morning to night hugging the shore of the lake, with his head out of the water and with the ever-open mouth, waiting for all those who passed by, men or beasts that were, moved with compassion for him, They threw him in the mouth something chewy, so as not to starve and pull themselves forward for at least another thousand years.

And all passers, men or beasts that were, We must be honest, They never failed to make some’ alms to the poor old.

And even Pipì succored him frequently: but that rascal, often, instead of giving him or a fruit or a small fish dead, He liked to put it into his mouth now a handful of pebbles, now a bundle of sticks and nettle, now a rusty nail or a harpoon, found by chance on the way.

But the old crocodile does not get angry for these coarse jokes. Tutt’altro.

He spat quietly pebbles, the sticks, nettles and nails, and only slightly he shook his head, as if to say:

"There, monello! Sooner or later, one pays for all!…”.

One day Pee, almost angrily to see that his jokes were not neither hot nor cold, He asked the crocodile, posing as naive and innocentino:

"Day, Araba: since you are in the world, You have never found degl'impertinenti, they made you some spite or some rude joke?”

"If I found none, My little monkey! In the world, to your rule, c’è più impertinenti che mosche.”

"Day, Araba: e quando i monelli vi fanno qualche dispetto, voi non vi risentite mai?”

“Caro mio! In tanti anni di vita ho imparato che la più gran virtù dei vecchi è quella di saper sopportare i giovani con pazienza e rassegnazione.”

“Dunque, since you are in the world, non vi siete arrabbiato mai, more, more?”

Il coccodrillo, prima di rispondere, ci pensò un poco, e poi disse:

“Una volta sola. E sai chi fu che mi fece andare su tutte le furie? Fu uno scimmiottino, su per giù, della tua età….”

“E che cosa vi fece questo scimmiottino?” domandò Pipì, con una curiosità vivissima.

“Questo monellaccio, non saprei dirti come, era venuto a sapere che io curavo moltissimo il solletico sulla punta del naso. Allora che cosa inventò per darmi noia? He climbed on top of one of these trees, around the lake, and, lowering himself from branch to branch, He arrived with the tip of his tail to make me tickle the nose. I figured I! I found myself attacked by such a convulsion of laughter, that durai laughing and dancing in the water for a week! I thought almost dying!”

"Really?… Oh povero Araba!…”, Pee said with false compassion.

And after he left racing: and how many monkeys and chimpikins met on the street, He repeated these words to all laughing:

"Want to have fun? you want to see the old Arabic dance? Come tomorrow morning on the lake and I will make you witness this beautiful spectacle ".

The morning after, as you can imagine it, there was on the lake shore a huge crowd.

Everyone expected him to dance the Arab trescone.

Quand’ecco Pipì che salito sopra un albero sporgente sull’acqua, cominciò a calarsi giù di ramo in ramo, e tenendosi penzoloni per aria, si allungò e si distese tanto, da poter toccare con la punta della sua coda il naso del coccodrillo.

Ma il coccodrillo, appena sentì la coda di Pipì, chiuse la bocca e zaffcon un semplice morso dato a tempo, gliela staccò di netto fin dal primo nodello.

Lo scimmiottino cacciò un grido acutissimo di dolore: e buttandosi di sotto all’albero, si dette a scappare verso la foresta.

Arrivato vicino a casa, vi lascio pensare come rimase, quando, portandosi una mano di dietro, si accorse che la sua coda non c’era più.

La coda era rimasta in bocca al coccodrillo, che a quell’ora l’aveva bell’e digerita.

Preso dalla disperazione e vergognandosi a farsi vedere dalla sua famiglia in quello stato compassionevole di scimmiottino scodato, Pipì infilò per una viottola solitaria, camminando all’impazzata fino a notte chiusa, senza sapere neanche lui dove andasse a battere il capo.

Finally, non potendone più dalla stanchezza e dal sonno, si sdraiò sopra un monticello di frasche secche per riposarsi un poco.

E in quel mentre che era lì lì per appisolarsi, sentì negli orecchi una voce minacciosa, che gli gridò imperiosamente:

“Rendimi la mia pipa!…”.

Lo scimmiottino, svegliandosi tutto spaventato, voleva fuggire; ma non poté: perché in men che non si dice, si trovò preso, rinchiuso in un sacco e caricato sulla groppa di una bestia con quattro zampe, che cominciò a correre di gran carriera.

Che bestia sarà mai quella che mi porta via con tanta foga?”, pensava lo scimmiottino tremando dalla paura. “Se per caso è un leone, sono bell’e perduto!… Se per disgrazia è una tigre, peggio che mai!… Se è una iena o un leopardo, non c’è più scampo per me!… Oh me disgraziato! Che bestia sarà mai quella che mi porta via con tanta foga?…”

Per buona fortuna, la bestia ragliòe allora Pipì sentì allargarsi il cuore dalla contentezza.

Quel raglio fu l’unica consolazione che avesse il povero Pipì durante il suo misterioso viaggio, rinchiuso in un sacco!

 

 

3. Pipì cade in un gran fiume e vien ripescato

 

Dopo aver camminato tre giorni e tre notti, senza prendere un minuto di riposo, finalmente la bestia che portava in groppa il sacco con lo scimmiottino dentro, He stopped all of a sudden, and given a gropponata, He dumped the bag in the middle of a lonely country.

And gropponata was so abrupt and violent, the sack, falling to the ground, He continued to tumble on the grass for a half-kilometer. Just imagine how many somersaults was obliged to do, in the dark, the poor little monkey.

But the worst moment for him was when he tried to break his sack to get out.

He used the claws, and nothing concluded: worked teeth, It is nothing. He finished then from overwork and starvation, He began to cry like a baby.

"Who is crying?”, He asked a big rat, who he was passing by chance that way.

"It's me!… I am a poor little monkey dying of fam…”

But he could not finish the word, because it was cut in half by a long and sonorous yawn, that ran from mouth.

"Go out, e eat. "

"It's easy to say go out: but I understand that I can not get out?”

"Why?”

"Why am I unable to break the sack."

"Let it be: I will break the sack him. "

No sooner said than done, the rat lay down on the grass, and he began to chew it with all his strength’ teeth.

But the bag did not give, because it was harder leather.

"How long did it take to puncture?”, He asked the little monkey.

"The bag withstands: but in four or five months I hope to have laundry!”

"Five months?”, He yelled into the poor Pee, "But after five months there in the bag as soon as my bones and my claws!…”

E ricominciò a piangere più forte che mai.

"Who is crying?”, domandò un vitello, che pascolava lì vicino.

“È un disgraziato scimmiottino, che non può uscire di dentro da quel sacco”, rispose il topo.

“Perché non può uscire?”

“Perché il sacco è così duro, che non c’è verso di romperlo.”

“Lascia fare a me, che con un cozzo delle mie corna, lo sfonderò, come se fosse fatto di foglie di lattuga.”

E il vitello, senza stare a dir altro, si tirò indietro; e presa la rincorsa, andò a testa bassa a battere una terribile cornata nel sacco.

“Ohi! son morto!…”, gridò di dentro il povero Pipì: and said no more.

Intanto il sacco, a quell’urto screanzato, riprese di nuovo a ruzzolare per terra, come una vescica piena d’aria: and the mouse and the calf ran after him to stop him: and the bag away… tumbling increasingly deft… and the calf and the mouse to chase in leaps and with his tongue out.

And after going a whole day, and, when they were right there to reach there, the bag took two tumbles and down… He fell into a river so deep and so wide, who have not seen the banks from side to side.

The next morning some fishermen knocked on the door of a beautiful building, and to the servant who came to open, asked solicitously:

"It raised the young master Alfredo?”

"The young master", He replied the doorman, "It is in the ground floor hall, which takes its coffee and milk. "

"inform him, that morning at dawn we caught in the river the famous lot…”

"What is this lot?”

"That is what the young master is waiting for several days."

Just the keeper had made the delegation, He returned to a moment in the doorway and said to fishermen:

"Go away."

Fishermen came with the bag on his back, and joints in the presence of the master, it rested gently on the floor.

"Open it!”, said the young man Alfredo.

"It's impossible, my lord. We tried to screw with chisels, with dark and co’ trapani… but the lot is harder than stone. "

"Take this pin, e bucatelo. "

And in saying so, the young man Alfredo rose from the handkerchief from a pin of gold neck, topped by a large pearl, on which (what singular!) si vedeva dipinta la testa di una bella bambina coi capelli turchini.

I pescatori presero lo spillo in mano, e guardandosi fra loro stupefatti, pareva che volessero dire: “Com’è possibile che con questo spilluccio d’oro si possa forare un sacco, che ha resistito ai trapani e agli scalpelli?”.

“Bucate subito quel sacco” ripeté Alfredo con voce di comando.

I pescatori, per atto di ubbidienza, si chinarono, provandosi a infilare la punta dello spillo: e immaginatevi quale fu la loro meraviglia, quando si accorsero che lo spillo entrava con tanta facilità, come se il sacco fosse stato di polenta o di panna montata.

Appena bucato leggermente, il sacco si aprì in due parti, e lasciò vedere un povero scimmiottino, tutto malconcio, che dava appena gli ultimi segni di vita.

Alfredo took the little monkey in his arms and dipped her mouth with a bit’ warm milk.

A little at a time Pee recovered and opened his mouth. Alfredo Then he put in his mouth a lump of sugar and buttered toast.

Pee swallowed the toast and sugar, without even the act of chewing.

Then he opened his eyes and stared into the eyes of that nice boy, he had for him so much care and so much attention: and it seemed as if he wanted to thank him.

At the end, when milk fury, croutons and sugar balls, Pee had taken all his strength, then he jumped to the ground, and standing upright on your hind legs, He began will cover with kisses the hand of his little benefactor.

I pescatori, all the good-hearted people, moved to this scene, did the luccioloni and rasciugavano eyes: but the young master Alfredo said to them,:

"Go to your chores and close the room door: I have great desire to talk in private with this little monkey ".

 

 

4. He peeing becomes the friend of the young Alfredo

 

When Alfredo and Pee they were alone, They began to look one another, without saying a word and without making the slightest gesture.

They looked for a while.

Eventually Alfredo, no longer able to be serious, He said in a loud laugh: and the little monkey did the same.

And both laughed uproariously, without knowing why, as the guys laugh a little’ giuccherelli, when you take leave from rice seizures.

Let it out that you were, Alfredo said to the little monkey:

"What's your name called?”

"He pees."

"And your family?”

The little monkey thought a little; and then, deft deft scratching his head, He answered:

"Pee no family."

"How old are you?”

"I'm the youngest of’ my siblings."

"And your brothers who have aged?”

"I am the youngest of my father and mother."

"I understood everything", He said the young man laughing. Then he asked:

"And the tail where you left off?”

"I do not know."

"How do you not know?”

"I must have lost the road! I'm so scapato!…”

"Eh via! do you think it possible that one little monkey can shed their tails in the street?”

"So does that mean I will have left at home. I left in such a hurry, I have not had time to see if I had taken with me all the necessaries. "

"Tell me pee; the never tell lies?”

"Sometimes… especially when I'm ashamed to tell the truth…”

"It makes you wrong: the lies are never told. "

"I will not say more."

"Tell me the truth then,. How is it that you have lost the tail?”

peeing, instead of answering, He started rubbing eyes, Then she cried:

“Me… they… eaten!…”.

"And who has eaten?”

"Arab-Babbà, a coccodrillaccio, that would eat fire!…”

"And as it was that you ate?”

"I wanted to be fuss… and he did it for real. "

"Oh poor Pee!”

"And that beautiful tail! A queue, believe it, lord… What's her name?”

“Alfredo.”

“E il casato?”

“Alfredo senza casato.”

"Believe, signor Alfredo senza casato, una coda che faceva gola soltanto a vederla. Quella coda era tutto il mio patrimonio.”

“E perché sei scappato di casa?”

“Non sono scappatomi hanno chiuso in un sacco e mi hanno portato via.”

“E ora che cosa pensi di fare?”

“Qualche cosa farò. Io mi accomodo a tutto.”

"For example?”

“Io mi contento di poco. A me mi basta di mangiare, di bere e di andare a spasso. Non domando nulla di più.”

“Sei discreto davvero! Ma chi ti darà da mangiare?”

“Io confido in lei.”

“Perché no? Io son pronto a darti da mangiare: a patto però che tu sappia guadagnartelo. Sei avvezzo a lavorare?”

“Se debbo dir la verità, invece di lavorare, I enjoy much more to see others work. "

"You want to take the place of my waiter?”

"You figure!”, said Peeing, rubbing together the two front paws for great rejoicing.

"In a few days", He replied the young man Alfredo, "I will be leaving for a long journey. During this trip, you want to be my waiter, my companion of adventures?”

"You figure!”

"At breakfast every morning I'll give you five pears, five apricots and a beautiful nook of fresh pan: I love fresh bread?”

"You figure!”

"To eat dinner at my table, and I'll bring a plate of peaches, plum and apricot: you like apricots?”

"You figure!”

"At dinner you eat eight nuts and four parts equipped figs: you like parts equipped figs?”

"You figure!”

"Every time then you will do some stupidity or some evil, then with this whip affibbierò you a pat on the legs: They like pats have been made with his whip?”

"I like most of the parts equipped figs", Pee moaned scratching his head with both paws.

"Do you accept my terms, therefore,?"He asked Alfredo.

"I accept all… out, however, that those caresses…”

"Even the strokes with his whip: not, get out!…”

"But the caresses… me affibbierà adagino… without hurting… not true?”

"I affibbierò according to your merits. Therefore?…”

"So from this moment, I am his valet, his secretary and his traveling companion. "

Then Alfredo went to the table and rang a silver bell. In that call came the servant usually on the door.

"Take immediately pass the tailor, the tundish around the clothing. "

The servant went out: and two minutes later he entered the tailor with tundish.

"Vestitemi the little monkey in the livery of my waiter", said Alfredo.

The tailor, without it repeated, He is taken from the tundish two low-cut shoes of lustrous skin, with a lovely silk bow on the front and booted feet to Pee.

Then He slipped a pair of red shorts to bind knee: and from the knee down the he buttoned a couple of small spats color of wet uliva.

Then she wrapped a white handkerchief around his neck, starched and ironed to use tie: She helped him put on a petticoat of yellow cloth and giubbettina dovetail, black cloth, that returned a painting: and finally he settled in the head a cap cylinder, with his fine brigidino one hand, as they have all the waiters of the great lords.

When Pee was dressed all over again at the foot, Alfredo said:

"Its, da bravo, Come here to me and goes’ to look in the mirror ".

The little monkey is frank and shipped moves; but not being accustomed to wear shoes, He made a beautiful sdrucciolone and fell flat.

Imagine the laughter and Alfredo Tailor.

Poor Pee did everything in order to rise, but he could. He pointed to efforts unheard feet on the ground, but the feet slipped on bricks inverniciati: ed era subito un’altra musata battuta sul pavimento.

Alla fine si rizzò: e toccandosi il naso che era tutto sbucciato, disse piangendo al padroncino:

"I… con le scarpe non so camminareIo voglio andare scalzo”.

“Fatti coraggio”, said Alfredo, “con un podi pazienza ti avvezzerai anche alle scarpe. In questo mondo ci si avvezza a tutto.”

“Ma io ci patisco troppo.”

“Pazienza! In questo mondo ci si avvezza anche a patire, diceva il mio babbo. his, its: vieni a guardarti allo specchio.”

Lo scimmiottino si mosse una seconda volta: ma camminava a sentita, con passo di formica, pianin pianino, come se avesse camminato sulle uova.

Giunto dinanzi allo specchio, diè appena una prima occhiata a volo; e tiratosi indietro spaventato, cominciò a strillare disperatamente:

“Oh come sono brutto!… Oh my poor mom, as they have worn your little monkey!… They are not I!… They are no longer pee!… I was dressed as a man… and I became a monster to scare. I will not stand here: I want to leave… I want to go back to my house. I do not want these vestitacci; no, no, no!…”.

It, shouting and avvoltolandosi ground, He took off his shoes and threw it into the open fire: He pulled his hat on the tailor's face, he tore the white handkerchief from his neck: and marked a great leap, He went out of the window and began to run across the fields.

Poor Pee! He ran and ran: but he had not yet gone a hundred steps, she felt grasping for shorts on the rear side, and found himself lifted off the ground, in the mouth of a large dog Newfoundland.

 

 

5. Pipì promette all’amico Alfredo di accompagnarlo in un lungo viaggio, ma promette, senza credersi obbligato a mantenere

 

Il cane di Terranuova era uno di quei cani pasticcioni, intelligenti, amorosi, che si affezionano al padrone, come l’amico all’amico.

Non gli mancava altro che la parola per essere quasi un uomo. Di soprannome lo chiamavano Filiggine, a motivo del suo pelame nero morato, come la cappa del camino.

Quando Alfredo si accorse che Pipì tirava a scappare, fece un fischio a Filiggine: e Filiggine, in quattro salti, raggiunse lo scimmiottino, e presolo, come già s’è detto, per i calzoncini dalla parte di dietro, lo riportò pari pari in casa del padrone.

“Perché volevi scappare?”, gli domandò Alfredo in tono di rimprovero.

"Why… because…”

"Its, its! Rispondi con franchezza.”

“Perché io voglio tornare a far lo scimmiottino insieme col mio babbo, con la mia mamma e coi miei fratellie non voglio mascherarmi da uomo…”

“E allora perché, poco fa, hai accettato di essere il mio compagno di viaggio?”

“Perché credevo che fosse una cosae invece è un’altra.”

“Vuoi dunque proprio andartene?”

“Anche subitoMa lei mi faccia il piacere di non mandarmi dietro quel solito canaccio neroperché se no, Filiggine, dopo cinque minuti, mi riporta di peso in questa stanza.”

“Non aver paura. Filiggine senza il mio comando, non si muove di qui. E quanto sei lontano da casa tua?”

“Dimolti, ma dimolti chilometri.”

“E prima di metterti in viaggio, non senti bisogno di mangiar qualche cosa?”

A dirla schietta, lo scimmiottino non aveva l’ombra della fame: ma tentato dalla sua gran ghiottoneria, rispose abbassando gli occhi e facendo finta di vergognarsi:

“Un bocconcino lo mangerei volentieri…”.

Alfredo sonò il campanello d’argento, e il servo portò in tavola un cestino pieno ricolmo di bellissime pesche.

Lo scimmiottino non le mangiò, ma le divorò in un baleno.

Dopo le pesche, vide presentarsi un canestro di ciliegie così grosse, così mature e così rilucenti, che facevano venire l’acquolina in bocca soltanto a guardarle.

Pipì se le sgranocchiò tutte, a tre e quattro per volta: ma non volendo passare per uno scimmiottino ineducato, lasciò nel canestro i nòccioli, le foglie e i gambi.

Quando si sentì pieno fino agli occhi, allora si alzò da tavola, e fatta una bella riverenza, disse al padroncino di casa:

“Arrivedella signor Alfredo: scusi tanto l’incomodo e mille grazie della sua cortesia.”

“Addio, peeing. Fabuon viaggio, e tanti saluti a casa.”

Lo scimmiottino si avviò per andarsene: ma in quel mentre vide entrare il cameriere con un paniere di frutta, che mandavano un odorino da far resuscitare un morto.

“E quelle che frutta sono?”, domandò, tornando due passi indietro.

“Quelle son nespole del Giappone”, rispose Alfredo. “Le avevo fatte preparare per la tua cena di stasera.”

Pipì rimase un popensieroso: e poi disse:

“Pazienza!”. E fattosi un animo risoluto, si avviò di nuovo per partire.

Giunto però sulla porta di sala, si trattenne alcuni minuti. Then, volgendosi al giovinetto, gli chiese:

“Scusi, signor Alfredo, che ore sono?”

“Mezzogiorno preciso.”

"Twelve o'clock?… To tell the truth, I think a little’ Later on a journey. "

"Anything but later. They are still seven hours of light a day, and in seven hours you dimolta road. "

"He's right, and says well. So arrivedella, signor Alfredo, scusi tanto l’incomodo e mille grazie della sua cortesia.”

And this time really left. But after fifteen minutes when Alfredo saw him reappear in the room, all panting and out of breath.

"What's new?”, She asked the lad.

"There is a new", said Peeing, "That this brash sun gives me a great boredom and makes me abbarbagliare eyes. Could not, of grace, lend a parasol canvas pararmi from the sun?”

“Volentieri.”

Alfredo called the waiter: and the waiter immediately brought a nice sun, painted with large foliage of beautiful blue and green colors.

Pee took her parasol, the PRI, and he began to run around the room, continually giving of long glances at the basket of Japanese medlar.

"My friend", Then said Alfredo, "If you wait a little longer, do night wast not aware, and it's up to you to travel in the dark. "

"I do not know from day to walk", said Peeing. "Or it would be better I left this evening after dinner?”

"An absolute right to do as you think best."

And in saying so, Alfredo left flashed in Leather mocking giggles, that seemed to say:” Dear me’ ghiottone! Ready-I understood what your weak: let me do it, you domerò I!”.

When it was dinner time, peeing, without waiting to be asked, He sat down at the table where he sat Alfredo: but these Gaining a serious tone and master, said:

"What are you doing on?”

"I come to dinner, too."

"People who come to my table, I want to see decently dressed. Go quickly and put on your costume. "

"I… with his coat… I do not know eat. The jacket I did not put. "

"Then retire there, down the hall, and be content to attend to my dinner. "

He Pees When he realized that he was serious Alfredo, He called crying and screaming: and she is crying and ran screaming from the room: but soon he returned.

When he returned to the room, had his giubbettina tucked and buttoned, as a small milorde.

"That's good", said Alfredo. "Put yourself time to sit, and good appetite!”

The basket of loquats was brought to the table.

Needless to say that to stay there, after a quarter of an hour, the basket was empty, and the little monkey was full, could not refrain.

"Now then I really go", he said, rising from the table with great haste.

But while he was fumbling to stand off the giubbettina, the waiter showed up in the room with a beautiful tray of pomegranates.

"Che odorino!”, he shouted Pee, sniffing and letting your eyes on the fruit plate. "Or those who are for pomegranates?”

"It was for your breakfast tomorrow. But now you share, and I'll eat. "

"I… I would start gladly, but at night I do not know walking. Or would it not be better I left tomorrow, After breakfasted?”

"Your little room is already prepared. Buona notte.”

The morning after, all’ora di colazione, lo scimmiottino si presentò puntualmente vestito con la giubba di panno nero: ma il signor Alfredo, dopo averlo squadrato da capo ai piedi, gli disse con accento vivace e risentito:

“Chi vi ha insegnato a presentarvi alla tavola di un gentiluomo, senza scarpe ai piedi e senza fazzoletto al collo? Andate subito a mettervi le scarpe e la cravatta.”

peeing, confuso e mortificato, cominciò a grattarsi la testa e il naso, e piagnucolando disse:

“Ihihihle scarpe mi fanno malee il fazzoletto mi serra la gola. Piuttosto voglio andar via subitovoglio tornarmene a casa mia.”

“Levatevi dunque dalla mia presenza.”

Pipì si avviò mogio mogio verso la porta della sala: ma prima di uscire, si voltò per dare un’ultima occhiata al vassoio delle melagrane. Poi se ne andò.

“Questa volta è partito davvero”, disse Alfredo tutto afflitto. “E me ne dispiace. Gli volevo bene a quello scimmiottino. Che cosa dirà la mia buona fata, quando saprà che l’ho scacciato? And yet, era lei che me l’aveva fatto capitare fin qui, proprio in casa, consigliandomi a prenderlo per mio segretario e per mio compagno di viaggio!… Ma oramai quel che è fatto, è fatto, e ci vuol pazienza.”

Mentre Alfredo parlava in questo modo fra sé e sé, gli parve che fosse bussato alla porta della sala e nel tempo stesso si udì una vocina di fuori che disse:

“Signor Alfredo, che mi ha chiamato?”

“Chi è?”, gridò il giovinetto rizzandosi in piedi.

“Sono io.”

La porta si aprì e comparve lo scimmiottino.

Aveva in piedi le sue scarpettine scollate e portava la testa ritta e impalata, perché il fazzoletto da collo, moltissimo inamidato, gli segava terribilmente la gola.

A quella vista inaspettata, è impossibile immaginarsi l’allegrezza di Alfredo. Andò incontro a Pipì, She hugged him, lo baciò, gli fece un mondo di carezze, come si farebbero a un carissimo amico, dopo vent’anni di lontananza.

Giurarono di non lasciarsi mai più e di fare insieme questo gran viaggio intorno alla terra.

Il bastimento sul quale dovevano imbarcarsi, era aspettato di giorno in giorno.

Finalmente il bastimento arrivò.

La sera della partenza, Alfredo e Pipì pranzarono insieme, come erano soliti di fare. E durante il pranzo parlarono di mille cose, dissero un visibilio di barzellette, e risero e stettero allegrissimi come due ragazzi alla vigilia delle vacanze autunnali.

Alzatisi da tavola, Alfredo disse guardando l’orologio:

“Il bastimento parte a mezzanotte. Dunque abbiamo appena un’ora di tempo per dare un’occhiata ai bauli e per vestirci tutti e due in abito da viaggio”.

In cinque minuti io son pronto, disse Pipì, e ballando e saltando entrò nella sua camerina.

E quando fu lì, cominciò subito a levarsi la giubbettina di panno nero per infilare una piccola giacca di tela bianca; invece delle scarpine calzò un paio di stivaletti a doppio suolo, e invece del solito cappello si ficcò in testa un elegante berrettino di seta celeste.

Poi andò a guardarsi allo specchio: ma nel mentre che se ne stava tutto contento, pavoneggiandosi e facendo con la bocca e con gli occhi mille versacci grotteschi, sentì un piccolo rumore, come se qualcuno di fuori si arrampicasse per salire fino alla sua finestra di camera.

Da principio ebbe una gran paura: but, fattosi coraggio, aprì la finestra e videvide due zampe che lo abbracciarono stretto intorno al collo e intese una voce soffocata dalla consolazione e dalla gioia, che mugolava teneramente.

“Oh mio povero Pipì!… Finalmente ti ho ritrovato.”

 

 

6. Pipì mancando alla sua promessa, corre a far baldoria

 

Pipì riconobbe subito la voce di suo padre e tutto commosso gridò:

“Che cosa fate qui, babbo mio, to quest'ora?”

“È un mese che ti cerco da per tutto.”

“E la mia mamma, dov’è?”

"It's over there!”

“Dove?”

"At the end of this field."

"And my little brothers?”

"They are there as them."

"And what do they do at the bottom of the field?”

"We are waiting with open arms."

"Oh how I rivedrei them willingly!”

"So Come and see!”

"If we would come!… Figuratevelo you! But right now I can not… I just can not…”

And so he is saying the little monkey began to weep bitterly and clawing desperation ears.

"And why can not you?”, she asked, sobbing old parent.

"Because I promised a friend…”

"And that promise you made the?”

"I promised to go with him tonight, and to accompany him on a great journey that he must do around the world. "

"And you, to take the company to a friend, You have the courage to abandon your poor family? Without you, we'll all die of grief!”

“Oh! do not say so: otherwise you will put to the point of lacking the promise…”

"And at what time you should go?”

"In a few minutes."

"Come least to say goodbye to’ your brothers, waiting for you at the bottom of the field. "

"And if Mr. Alfredo in the meantime call me?”

"Who is Mr. Alfredo?”

"It is my friend."

"If he calls you… and let him call. "

"And if the ship departed?…”

"And you let him go."

Lo scimmiottino, all happy to have found a good excuse to not keep its promise, She said, shaking his head:

"Whatever will be, will be… A good bill before leaving for this great journey, I want to see my mom and my little brothers. "

No sooner said than done, He mounted on the window, and standing out a great leap, He plunged below. Then he felt a thud, like a big stone fell into a ditch full of water and mud.

"My Father, Help me, are not dead!"Pee cry with desperate cry.

What had happened?

It happened that the land of that field, on account of the heavy rains of the previous days, He was so softened and muddy, that the little monkey, cadendovi above, There had been sunk into the gorge.

For good fortune his father had time to save: but when pee came out of the mire, He had no standing boots. The boots had been buried one meter below ground.

“Pazienza!”, she laughed. "I'll will buy another pair, before mounting on the ship. "

And without bothering to waste time, father and son took a little road along the field, and they began to run. But they had not yet made twenty paces, Pee felt that fly away over the head a night bird, who with a peck he bit off his cap Travel.

"Uccellaccio of mal'augurio, make me right away my cap ", He shouted the little monkey.

"Cuckoo!”, He did the bird, and he continued his flight.

“Pazienza! I will buy another cap before mounting on the ship. "

And father and son resumed running: but the most beautiful, a large plum out of the hedge, grabbed co’ suoi spunzoni i calzoncini e il giubbettino di Pipì, e li ridusse in minutissimi stracci.

“Ora eccomi qui senza calzoni e senza giubbettino!…”

“Pazienza!”, gli disse il suo babbo. “Te li ricomprerai prima di montare sul bastimento.”

“Oh povero me! povero me!”, gridò lo scimmiottino simulando un gran dispiacere. “Di tutto il mio bel vestiario da viaggio, non mi è rimasto altro che la camicia e il fazzoletto da collo.”

And in saying so, fece l’atto di cercarsi la camicia, ma invece della camicia si trovò addosso un camiciotto di foglie d’ortica. Tastò con le mani per accertarsi se almeno il fazzoletto da collo c’era sempre, ma invece del fazzoletto sentì sgusciarsi fra le dita una serpe grossa come un’anguilla di mare.

 

 

7. Pee begins to regret having failed in his promise

 

Poor Pee, in touching the snake, avvoltolata who he found himself in the neck instead of the tie, It was taken by an unspeakable terror.

She wanted to scream, but the language had remained stuck to the palate: he wanted to run and run away, but his legs were james-giacomo, ie lolled back and forth, exactly as if they were the legs of a dead man, that he had tried to walk.

At the end, No longer able to stand up in the foot, let himself fall to the ground like a rag, saying in a whisper:

"I die!…”.

"What do you feel?”, He asked his father, all dismay. "

"A great evil!…”

"And where do you feel?”

"In the whole person."

"And what harm would?…”

"The evil of fear!…”

“Un gran brutto male, bambino mio: l’unico male per il quale i medici non abbiano saputo trovare ancora una medicina. Prova a farti un po’ of courage…”

“Ho provato.”

“E ora come ti par di stare?”

“Peggio di prima.”

“Ma qual è la cagione di tutto questo spavento?”

“Una gran disgrazia, babbo mio, sta per cascarmi addosso!”

“E come fai a saperlo?”

“Ho avuto, in pochi minuti, troppi indizitroppi segnali. Vi ricordate i miei stivaletti nuovi rimasti affogati nella mota? E il giubbettino e i calzoni fatti in pezzi da quel dispettosaccio di pruno? E la camicia di tela fina diventata, tutt’a un tratto, di foglie di ortica? E quella brutta serpe, che or ora mi è scappata di mano? Eccola sempre lì, eccola sempre lì!… Guardatela!…”

“Chi?”

“La serpe…”

The Pee father turned to look toward the indicated point, and he saw indeed in the midst of the deep darkness of the night, a big snake, that shone all of vivid red light, as if it were a crystal snake, body with a lamppost switched from tramcar.

The snake, according to erect neck, he kept his eyes fixed on those of little monkey.

"What do you want from me?”, He asked Pee, making brave as a lion.

"I come to bring the greetings of Mr. Alfredo", He replied the snake.

"Poor Mr. Alfredo!… Perhaps he left for his trip?”

"He left a few minutes ago, and he told me that you had promised to accompany him. "

"It's true, it's true, it's true!… Maybe tomorrow I will leave and I hope to reach the high seas. "

"Let's hope really! A good account, remember, My lovely little monkey, that when you promise one thing, we must keep! Do you understand?”

Just said these words, the snake disappeared into the darkness of the night and never seen again.

Then Pee, tormented in the heart by a kind of remorse, It was just about to say goodbye to his father and to take the shortest route, that led to the sea beach: but while he was there to decide, He saw far away a few torches, that they went here and there, and he felt happy music of fifes, drums and mandolins.

"What is that music and those lights?”, He wondered with great admiration.

“Come? He can you guess the?”

“No.”

"They are your brothers, who come to meet you with a torchlight procession and a band sound!…”

"Oh what a pleasure! Oh what a good show! Let's run, dad, let's run…”

And both gave themselves to run along the narrow road: and Pee, he had regained in a moment the power of his legs svelte and thin, not only ran, but it seemed that flew like a bird.

Now who gives me the right words to describe the scene of the first meeting? Believe me: was a scene so affectionate and touching, that it is impossible to imagine without having seen with their own eyes. Suffice it to say that the joy of the four brothers at seeing their little brother, who now believed lost forever, It was so stormy and inordinate, who jumped on him all together and we just ran that not suffocating under a deluge of kisses, the embraces and caresses.

When they vented the feelings of their hearts, They began to scream in chorus: Curaçá! Curaçá! Curaçá! (in the familiar dialect of monkeys should know that Curaçá It means: at dinner! at dinner! at dinner!). No sooner said than done, placed themselves seated on the floor around a large basket of peaches, apricot and prickly pears, and there, laughing, scratching and doing with his mouth a thousand faces and a thousand versacci in great sign exultation, They ate like crazy, as if they were fasting for two weeks.

And not only they ate, but happily drank: and I drank some liquor witty, made of red grapes squeezed, that looked like two drops of water to our wine. And so he drank sponge, that after half an hour, They were all asleep, and snoring like many marmots.

behold, you, getting good sleep, They were awakened by a horrible voice cried: "Guai, who moves!…”.

 

 

8. Ithe terrible murderess Golasecca and his companions. Golasecca he put into the poor Pipì pocket and takes it away

 

I would now think of you as remain, quando, jumping up and opening his eyes, saw themselves surrounded by a bunch of ugly recorded, inky blacks and all armed with swords and sticks.

"Pover'a November, We are ready-dead!”, They cried the little monkeys.

"That the dead and undead?”, he replied Pee. "For your rule, there is always time to die. "

"But who are these thugs smoked?”, He asked one of them.

"It takes very little to guess: are murderers, "said another.

"And what do they want from us?”

"We will want to steal."

"Robbing?”, disse Pipì, laughing. "Sorry, My dear brothers: how much money you have?”

"Nemmen'uno."

"Then the richest of all is me…”

"O you what you?”

“A me”, said Peeing, "I miss only five cents to make a penny." Then he continued, scratching his nose: "That original killers! None of them has the courage to come forward ".

And he is telling the truth.

In fact, all these vessels’ ugly figures, that gathered together formed a kind of circle, they were standing there impaled, without stirring, no eye blink, without grumbling half a word.

Then Pee, advancing in the midst, he said in a beautiful manner:

"Excuse me, gentlemen assassins; who would do us the pleasure to let us pass?”.

No one answered: nobody said nothing.

"Thank you so much for their kindness", he added the little monkey. “Debbono dunque sapere che noi siamo una povera famiglia: dad, la mamma, e cinque figlioli, e vorremmo tornare a casa nostra: che si contentano lor signori?”

Usual, nessuna risposta.

“Ho capito: e grazie tante della loro cortesia. his, dad, da bravo! Poiché questi signori sono contenti, spiccate un bel salto, e passando loro di sopra al capo, andate ad aspettarci sulla strada.”

Lo scimmione fece il salto: e dopo lui, lo fece la moglie: poi i quattro figlioli.

“Ora tocca a me”, disse Pipì, che era rimasto solo in mezzo al cerchio formato dagli assassini: ma quando fu sul punto di prendere la rincorsa e di slanciarsiche è, che non ètutti quegli assassini diventarono così lunghi e così alti, che parevano tanti campanili.

“Pipì! peeing!”, gridavano di fuori i suoi fratelli, chiamandolo con urli disperati.

Ma il povero scimmiottino non aveva più fiato di rispondere.

“Che cosa pensi di fare?”, gli domandò allora il capo della masnada, uscendo finalmente dal suo ostinato silenzio.

“Penso di tornarmene a casa mia…”

“T’inganni, povero Pipì! Tu non tornerai a casa.”

“Pazienza! Resterò qui.”

“Nemmeno: tu verrai con me…”

“Con lei?… Neanche se mi fa legare…”

“Tu verrai con me.”

“Neanche se mi regala cento panieri di ciliegie.”

“Tu verrai con me.”

“Neanche morto!”

Il capo della masnada, senza aggiungere altre parole, si chinò, e preso il povero scimmiottino per la collottola, se lo pose nella tasca della sua casacca. Poi abbottonò la tasca con tre bottoni, che parevano tre ruote da carrozza.

“Ora possiamo andare”, disse ai suoi compagni: e tutti insieme si avviarono verso la strada maestra.

È impossibile ridire la disperazione, i pianti e gli urli dei fratellini di Pipì. Lo chiamavano con acutissime grida: ma non ebbero altra consolazione che quella di vedere le zampettine del povero scimmiottino, che uscivano fuori dalla tasca del capo-masnada, e si movevano con una lestezza vertiginosa, come se volessero raccomandarsi e chiedere aiuto.

 

 

9. All’Osteria delle Mosche.

 

Quando gli assassini si furono allontanati una ventina di chilometri, il terribile Golasecca (era questo il soprannome del capo-masnada) si fermò in mezzo a un campo e, voltandosi ai suoi compagni, disse loro con una vociaccia roca, che pareva il brontolio d’un tuono lontano:

“Ora potete ritornarvene alla Capanna Nera. Aspettatemi là, e fra quattro o cinque giorni ci rivedremo”.

"Sorry, maestro”, gli domandò uno di quei brutti ceffi, “avete pensato a portare con voi qualche cosa da mangiare?”

“Non ho portato nulla.”

“Male! E se per la strada vi viene un pod’appetito?”

“Pazienza! Se non trovo altro, mi rassegnerò a mangiare questo scimmiottino, che ho qui in tasca.”

Poor Pee, udendo tali parole, cominciò dalla passione a grattarsi il naso e gli orecchi.

“Ma se voi mangiate lo scimmiottino”, riprese il solito brutto ceffo, “che cosa vi dirà la Fata dai capelli turchini?”

“La Fata non potrà farmi nessun rimprovero: perché io le ho promesso di portarglielo vivo o morto. In ogni caso se mi verrà voglia di mangiarmelo per la strada, serberò intatta la pelle, perché la Fata possa vederla con i propri occhi e accertarsi così che ho adempito lealmente i suoi comandi.”

“Avete ragione, maestro. Dunque buon viaggio e sollecito ritorno.”

Appena gli assassini ebbero preso congedo dal loro condottiero, si attaccarono sotto le braccia delle grandi ali di tela incerata e, spiccato il volo, si alzarono in aria con grandissimo fracasso, come un branco di corvi spaventati.

Golasecca, rimasto solo, seguitò il suo viaggio attraverso ai campi, ai fiumi, e alle boscaglie, senza fermarsi mai, more, more!

Dopo aver camminato due giorni e due notti, sentì uscire dalla tasca della sua giacca una vocina soffocata, che pareva venisse di sottoterra, la quale disse con tono di piagnisteo:

“Ho fame!… Ho tanta fame!”.

Golasecca, instead of answering, si accarezzò la sua lunghissima barba di caprone, and doubling up, He pulled right about his business.

But after a few minutes, here is the same little voice, he said commending:

"Killer Ser, that would give me a grape, or a cherry, or even only half a pear? I'm fasting for many days, and I feel that the stomach goes away from me. believe it, sor killer, I have such a great hunger, I see in the dark!…”.

"If you're hungry", said Golasecca, laughing at a raucous laugh and canzonatore, "Rummage in my pocket, and there you will find many delicacies, to give you indigestion. "

"Three days rummage: but I fail to find anything. "

"Then he eats the lining of my pocket."

"The first ready-liner've eaten: the second is too hard and fails me to gnaw at her. "

"You've really eaten?”, he shouted Golasecca, going on a rampage. "Ugly little monkey! Let me get to’Osteria delle Mosche, and no doubt that will settle our accounts!…”

Meanwhile he had done the night.

And what a horrible night and frenzied! The sky was all covered with clouds; flashed and tonava: and the trees of the forest, sloshed from a violent wind, he writhed, They creaked and screamed, like so many desperate souls.

At midnight, Golasecca came before all’Osteria delle Mosche: but the inn was closed.

Knocked at the door once, twice, three times: and no one answered.

Then, as loud as it had’ lungs, made himself cry out:

"You open, Moccolino!… You open!… Am I!”.

Moccolino was the name of the innkeeper; and all the so called, because on account of its thin slim figure, long long, bleached and unbleached, He resembled as such to a moccolino of yellow wax.

His tavern was open only during the day. As soon as it was night, Moccolino avoidance of hassle and grief, He closed the door cautiously, spengeva the stove and the lights and went to bed.

And once you're in bed, not open to anyone, even if it ruined the world. Given the case that some unfortunate, smarritosi by night in the forest, He had knocked at the inn, Moccolino not if they gave for understood: or she is sleeping or pretending to sleep.

When he saw that the innkeeper Golasecca, making fun of him, stubbornly she refused to love him open, what did? He began to stretch your arms and legs, and by dint of lie down and stretch, It became of such high stature and giant, the roof of the tavern hardly reached half-life.

Then, working with both hands, He is said to uncover the roof; and the bricks, the roof tiles and the tiles flew away, like leaves carried by the wind.

Moccolino, frightened by all that infernal racket, He stuck his head out of the sheets, and pretending to waking up there and then, he cried in a trembling voice:

"Who is calling me?”

"It's me", said Golasecca, bending and tucking his head into the hole that had opened in the roof.

For precisely this hole answered in the room where he slept the host, who felt the blood freeze, When the dim glow of the night light, He comes to his bedroom ceiling threatening through the terrible head-gang.

"What do you want from me, master Golasecca?”, domandò Moccolino, che dallo spavento non aveva più fiato in corpo.

“Che cosa voglio?… Voglio prenderti per un ciuffo dei capelli e scagliarti lontano mille miglia.”

“Deh! non lo fate!… Abbiate pietà di me.”

“Non meriti pietà.”

“Abbiate almeno pietà del mio bambino. Povero Guiduccio! Se rimanesse solo in questa casa, me lo mangerebbero i lupi.”

“No, no… io non voglio essere mangiatodai lupi”, disse fra il sonno il figlioletto dell’oste, che dormiva nella stessa camera del babbo, in un lettino a parte.

Alle parole di quel bambino, Golasecca mutò fisonomia: e preso un tono di voce un popiù umano, disse all’oste:

“Su da bravo! Salta subito il letto e preparami da cena.”

Moccolino ubbidì alla prima: but it was so much fear and confusion that was on him, that he did not even know how to dress. Credé to have taken the socks, and instead he insisted on put your feet in the night cap. realizing the error, Put your shoes, and he puts on the shoes socks. Then he puts the jacket, jacket and shirt, petticoat and shirt, until finding himself in the hands his pants and not remembering more to what they were, He folded them respectable and shut him in the closet.

then he went down to the floor and opened the door of.

Golasecca, who had taken the stature of a common man, scotendosi entered inside the clothes dripping: and he sat down in front of a table set, he asked the host:

"What do you give me for dinner?”.

"All you want your lordship. All it has to control that. "

"What's meat?”

"Nothing of meat."

"And Cheese?”

"Nothing of cheese."

"And bread?”

"Nothing of bread."

"What then can I eat?”, He asked the murderess, shaking his head and beginning to lose patience.

"If your lordship want fruit…”

"What do you have fruit?”

"Cherries, almonds and peaches. "

"Give me a plate of peaches."

"And to me, a nice plate of cherries ", said a little voice, that came out of the Golasecca suit pockets.

"Who asked cherries?”, He stammered the innkeeper, greatly frightened and amazed.

"It's me", said the same little voice.

"Do not doubt", interrupted Golasecca, and gnashing their teeth, "do not doubt, peeing, that cherries give thee I… and I'll give you something else! A good account, exit just outside, and we make our accounts. "

"So saying,, the head-masnada unbuttoned the pocket of his jacket, and the little monkey, unceremoniously, He jumped into the middle of the table and sat above a porcelain bowl.

 

 

10. How did that Nanni, the cat dell'Osteria of the Flies, He took the place of Pipì killer in pocket

 

Then Golasecca turning to pee with a frown to be frightening, he asked:

"Who has eaten the lining of my pocket?.”

Lo scimmiottino, as if they were saying to him, He began to look here and there: but then, fixing his eyes darting and restless in the face to the head-gang, he said in a soothing voice:

"You are content, sor killer, me tell you sincerely? I have never seen a beard so beautiful as your! You have the most beautiful beard in the world!”.

"Let star beard and answer tone: those who ate the lining of my pocket?”

"And if it was only a beard, He would like to say the least ", he added the little monkey. "He is that everyone says that you're the most delicious pasta man of this world! A real heart of Caesar! The perfect courtesy disguised as a robber!…”

"Never mind the good heart and kindness: those who ate the lining of my pocket?”

"And if you were good only, would have little or nothing: he is that you are also beautiful! You want me to tell? Of the finest men I've seen dimolti; but a handsome man like you, I've never seen!”

"He had to have seen me thirty years ago!”, Golasecca said, smoothing his mustache and beard, and striving to look pretty. "So I was really nice! Eh, Moccolino? Say you. "

"First time, I know I will, It was a sun! a midday sun!”, said the landlord.

"Today you are a sun on sunset!”, he added Peeing, "But a magnificent sunset! a sunset over a dawn val!…”

"I avvedo, dear little monkey, you have a lot of spirit and much ingenuity: and for that I love you, "he said Golasecca moved. "Get down from the bowl and come sit next to me. We have dinner together. Moccolino! Porta immediately on the table a plate of peaches and a bowl of cherries for my friend Pee. L’amico Pipì è uno scimmiottino sincero e amante della verità, e se per caso incontra un uomo veramente bello, non ha nessuna paura a dirgli in viso: “Tu sei il più bell’uomo di questo mondo!””.

Fatto sta che mangiarono tutt’e due con grande appetito: e la cena fu piuttosto lunghetta.

Sul finir della cena, lo scimmiottino domandò al capo-masnada:

“Se non fossi troppo indiscreto, potrei sapere dove volete portarmi?”.

“A casa della Fata dai capelli turchini.”

“E che vuole da me questa buona donna?”

“Essa è adirata.”

“E la ragione?”

“Perché dice che tu avevi promesso di accompagnare il suo figlio Alfredo in un lungo viaggio: e che poi hai mancato alla tua promessa.”

"How far from here to the Fairy?”

"More than a thousand kilometers."

"I do not want to come."

"Master, you do not take to come," said Golasecca, becoming serious "but I'll take you by force!”

"You do not bring me…”

"Why?”

"Because I'll run away!”

"run away?”, He shouted the murderess, roaring like a wounded bull. "A good account, immediately falls into my pocket, and tomorrow we leave at dawn. "

So saying, Golasecca grabbed with one hand the little monkey and put it in the dark, ensuring the pocket with those usual three large buttons and disproportionate, as three-wheeled carriage by. Then, cavatasi jacket, He threw it on a chair: and resting his head against the wall, I told Moccolino:

"I will take a nap on this bench: and you mark my waking at dawn to pick me. "

"Sleep Peaceful", said the landlord: and gripping the candle, He went back on, in her bedroom.

Now we know that Golasecca had a very bad habit: namely snoring: and russando, He made with his mouth a certain plaintive and prolonged whistle, as what they do when they see the birds the hawk drop.

In hearing this whistle, Nanni, the beautiful cat Tabby Moccolino, He came in standing in the room tip, sniffing here and there, perhaps with the hope of finding a bird escaped from the cage.

But, instead dell'uccelletto, He found a jacket over a chair, and he felt from his pocket came a calduccino and a strange odorino meat.

“What animal there is locked up in here?”, then he began to say to himself: “A little mouse, I do not DiCerto: because it would be too big. Maybe a piece of roast veal? neither, because this is not the smell of cooked meat. Or So?…”.

And he returned to smell: and after having sniffed and sniffed, the smell was for him like a book: He understood nothing.

But while I stood there almanaccando and licking his whiskers, he thought he heard a tiny noise. Rizzo immediately his ears and when I listen, He felt inside the pocket a song dim dim, that made:

Cockadoodledo!”.

"It's a rooster", Then said Nanni, meowing with delight, "Is a rooster certainly. The smell really does not seem to gallinaceous meat; but these are so cunning and treacherous gallettacci!… Mi ricordo sempre che una volta sul palcoscenico d’un teatro, portai via un galletto cotto in umido con le patate; and, nell’andare a casa, mi diventò ripieno di stoppa, di borraccina e di altre porcherie.”

Cockadoodledo!”, si udì fare una seconda volta.

“Mi chiami, eh?”, disse Nanni dentro di sé. “Ora vengo subito a trovarti; no doubt. È tanti giorni che mi tocca a mangiar lucertole e grilli!… Un podi carne di galletto mi rimetterà lo stomaco a nuovo!”

E cominciò a lavorare di unghie e di denti per aprire i bottoni della tasca.

Appena, however, ne ebbe aperto uno, vide saltar fuori uno scimmiottino tutto garbato e complimentoso, il quale gli disse: “Ho sentito, mio caro gatto soriano, che tu desideri di mangiare un podi carne di galletto: ed è per farti piacere che ti ho lasciato in fondo a quella tasca un mezzo gallettino di primo canto. Se vuoi cavarti questa voglia, entra dentro, e buon appetito”.

Nanni, senza farsi ripetere l’invito, entrò di corsa nella tasca: ma non era ancora finito d’entrare, che il bottone della tasca si richiuse subito sopra di lui.

“Ci sei dentro? e tu stacci!”, disse Pipì, stropicciandosi tutt’allegro le zampe davanti. “E mentre che tu, povero Nanni, cerchi nella tasca il gallettino di primo cantoche non c’è stato mai, io me ne anderò lontano di quie tanti saluti a casa.”

Quando lo scimmiottino ebbe borbottato fra i denti queste parole, aprì pian piano la porta dell’osteria e disparve fra gli alberi foltissimi della foresta.

Per l’appunto quella notte era una nebbia così fitta, che non ci si vedeva da qui a lì.

 

 

11. Golasecca, dopo essere stato accecato, ritrova lo Scimmiottino color di rosa

 

Lo scimmiottino poteva essersi allontanato dallOsteria delle Mosche appena un cento di passi, quando l’oste Moccolino, saltando giù dal letto e affacciandosi a capo della scala, gridò con quanta ne aveva in gola:

“Ehi, master Golasecca, se volete partire, spicciatevi, perché fra poco è giorno!”.

“Me ne vado subito”, replicò il capo-masnada, “e la cena ve la pagherò al mio ritorno.”

“Padron mio riveritissimo! Buon viaggio e scarpe larghe!”

Golasecca cercò al buio la sua giacca: e dopo averla trovata e messa addosso, portò subito la mano sulla tasca per assicurarsi dello scimmiottino.

Ma nel far questa mossa, cacciò un grido acutissimo di dolore, sentendosi portar via la pelle della mano da una terribile unghiata.

“Brigante d’uno scimmiotto! Ti diverti anche a graffiarmi? Guai a te se ti provi a ripetere lo scherzo! Faccio giuro di strapparti le unghie a una a una!…”

And so saying, uscì dall’osteria, e chiuse la porta dietro di sé.

Dopo aver fatto tre ore di strada, tornò a guardarsi la mano, e vide che la mano sanguinava sempre. Allora andò su tutte le furie, e tanto per avere un podi sfogo, tirò sulla tasca un solennissimo pugno.

Gnaoooo!”, gridò di dentro una voce, con miagolìo lamentevole.

“Ah! ti prendi gioco di me? Ti diverti a farmi il verso del gatto?… To’! Allora prendi anche questo!”

E giù un secondo pugno, più forte del primo.

Gnaooognaooognaooo”, ripeté la solita voce con un miagolìo bizzoso e arrabbiato.

“Dunque non vuoi smettere? Non vuoi farla finita?”

E stava già per lasciar cascare il terzo pugno, quando, invece si diè a guaire come un can frustato, a cagione di un’altra unghiata traditora, che gli aveva lacerato tutto il fianco in modo da far compassione.

Allora Golasecca, fuori di sé dal dolore, perse la pazienza: e tirate fuori un paio di forbici arrotate, borbottò minacciosamente fra i denti:

“Ora, ora ti guarisco io dalla malattia delle unghie. Da oggi in là, brutto scimmiottino, stapur sicuro che non graffierai nemmeno la pappa bollita!”.

E levatasi la giacca, e sbottonati i bottoni della tasca, si preparava a ficcarci dentro le maniquando tutt’a un tratto, uscì fuori un grosso gatto soriano, che avventatosi colle zampe agli occhi del capo-masnada, non c’era verso che volesse staccarsi. Era Nanni, il gatto dell’oste Moccolino. Alla fine si staccò, e fuggì via per i campi.

Golasecca, urlando dalla rabbia e dallo spasimo, avrebbe voluto inseguirlo: ma lo sciagurato non ci vedeva più! I feroci unghioli del gatto lo avevano accecato!

Golasecca vagò per cento giorni e cento notti in mezzo ai boschi, senza incontrar mai un pastore o un taglialegna, da potergli domandare la strada per ritornare a casa. One time, quando i lupi lo vedevano di lontano, se la davano a gambe per la gran paura che avevano di lui: ora sapendolo cieco, e incapace di difendersi, gli facevano mille lazzi e mille dispetti. One time, gli uccelli e le lepri, all’avvicinarsi di questo spaventoso cacciatore, sparivano come tante ombre: ora gli stessi passerotti, perfino i passerotti di nido, passandogli accanto, gli sbattevano per divertimento le loro ali sul naso, e le lepri e i leprottini gli ballavano fra i piedi la polca e la tarantella. Che bel coraggio! e che bella bravura non è vero, my little readers?… Eppure è così: anche fra i ragazzi, se ne trovano pur troppo di questi passerotti e di questi leprottini, che si prendono mille confidenze sguaiate con tutti quegli infelici, che per ragione di età e di malanni non possono più difendersi né farsi rispettare.

Fatto sta che, una notte, mentre Golasecca andava giù per una viottola, fra gli alberi altissimi della foresta, cercando al tasto chiocciole e lumache per mettere insieme un podi cena, si trovò sbarrata la strada dal muro di una piccola casa. Bussò, tutto contento, alla porta.

“Chi è?”, domandò una voce di dentro.

“Sono un povero cieco, smarrito nel bosco, che cerca un podi ricovero per passar la nottata.”

“Povero ciechino! Entrate pure!”, ripeté quella voce: and the porta themselves aprì.

Lascio ora pensare a voi come rimase il nostro amico Pipì, quando si accorse di aver ricevuto in casa il suo tremendo persecutore.

 

 

12. Pipì è fatto imperatore

 

Come mai Pipì si trovava in quella casina solitaria, framezzo ai boschi? Che cos’era stato di lui, dopo la sua famosa fuga dallOsteria delle Mosche?

Per rispondere a queste domande bisogna ritornare un passo indietro.

Dovete dunque sapere che lo scimmiottino, appena ebbe rinchiuso a tradimento il povero Nanni nella tasca di Golasecca, si diè a fuggire attraverso gli alberi della foresta, senza curarsi dove sarebbe andato a battere il capo. Il desiderio acutissimo che lo pungeva, era quello di trovare la strada che doveva ricondurlo a casa: but, instead, correva all’impazzata di qua e di là, dove le gambe e la paura lo portavano. Ad ogni soffio di vento e ad ogni stormir di foglie, gli pareva sempre di aver dietro ai calcagni il terribile capo-masnada, col gatto in tasca. At the end, sul far del giorno, incontrò una tribù intera di scimmie, che urlavano, strillavano e si picchiavano fra di loro. Informatosi della cagione di tanto diavoleto, venne a sapere che la tribù era adunata per eleggere il proprio imperatore.

Then Pee, entrato in mezzo alla folla, accennò di voler parlare.

Si fece subito un gran silenzio: e Pipì prese a dire così:

“Miei carissimi confratelli! Sento che volete eleggervi un capo, e che a questo capo volete dare il titolo d’imperatore. Fin qui, nulla di male: perché oramai si sa che tutti i gusti son gusti, come diceva quel filosofo, che provava piacere a farsi pestare i piedi. Ma finora, fra quanti siamo qui presenti, non ne vedo che uno solo, il quale sia veramente degno di essere nominato imperatore…”.

“Chi sarebbe mai questo tale? Pronunzia subito il suo nome”, urlarono mille voci.

Pipì abbassò gli occhi, e non rispose nulla.

“Chi sarebbe questo tale?”, ripeterono le solite voci, urlando più forte. “Vogliamo sapere il nomeil nomeil nome!…”

“Volete proprio saperlo?”, disse allora Pipì. “Mi dispiace doverlo confessare in pubblico: ma l’unico che sia degno di essere eletto imperatoresono io!…”

“Viva Pipì! Viva il nostro imperatore! Viva l’imperatore di tutte le scimmie!”, gridò quella immensa folla entusiasmandosi e battendo le mani.

Fu portata subito in mezzo alla piazzetta una vecchia seggiola impagliata che, veduta di dietro somigliava moltissimo a un trono imperiale: e Pipì vi si assise sopra con sussiego e maestà.

Intanto una numerosa fanfara musicale, composta di cento cembali e di cento corni di bove, cominciò a sonare l’inno dell’incoronazione.

Quattro scimmiotti, vestiti da paggi, presentarono al nuovo imperatore un bel vassoio tessuto di giunchi, sul quale vedevasi la corona e lo scettro imperiale.

La corona era fatta di mele lazzarole infilate in un cerchietto di ferro: e lo scettro era una canna di zucchero bell’e candito.

Pipì prese la corona dal vassoio, e dopo averla con molta dignità annusata, se la pose in capo. Quindi afferrò lo scettro, e non potendo reggere alla tentazione, cominciò a succiarlo e a masticarlo: but, for good luck, uno scimmiotto, che era lì accanto e che faceva da cerimoniere, gli dette nel gomito per avvertirlo dell’atto sconveniente. Allora il nuovo imperatore smesse subito di succiare; e per rimediare allo scandalo dato, pensò bene di durare un quarto d’ora a leccarsi le dita.

At that moment, si fecero avanti sedici scimmioni, che portavano sulle spalle una magnifica lettiga, adorna di foglie, di fiori e di bellissime frutta.

La scimmia, che faceva la parte di gran cerimoniere, dopo avere strisciato due profondi inchini, disse rispettosamente al nuovo imperatore:

“Maestà, its, da bravo! Ora tocca a voi”.

“Tocca a me? E che cosa debbo fare?”

“Per amore o per forza, degnatevi di saltare su quella lettiga.”

“E quando sarò saltato lassù, dove mi condurrete?”

“Al palazzo imperiale, dov’è la vostra residenza e il vostro letto.”

peeing, these words, fece una certa smorfia, that translated into the language spoken, pareva che volesse significare: “To tell the truth, io dormirei più volentieri sopra un ramo d’albero, come ho fatto finora, che sopra un letto imperiale”. Tant’è vero che rivoltosi al gran cerimoniere gli domandò con tono agro-dolce:

"Sorry, friend: io sono il vostro imperatore, not true?”.

“Verissimo.”

“E che cosa vuol dire imperatore?”

“Vuol dire che voi siete una scimmia, che comandate a tutte le altre scimmie, e che ogni vostro cenno e desiderio dev’essere immediatamente obbedito.”

“Quand’è così, dichiaro francamente che, invece di andare in lettiga, preferisco di camminare a piedi.”

"I'm sorry, Maestà: ma voi non potete farlo.”

“Perché non posso farlo?”

“Perché un imperatore, che cammina a piedi, non è più un imperatore. Camminando a piedi, diventa una scimmia come tutte le altre scimmie.”

“Eppure avete detto che ogni mio desiderio dev’essere contentato.”

"Very true. Ricordatevi però, Maestà, che la più bella prerogativa che abbiano i regnanti, è quella di non poter far nulla a modo loro.”

“Ho capito, e vi ringrazio”, disse Pipì. It, spiccato un salto, andò a sedersi sulla lettiga.

La fanfara, then, cominciò a sonare alla viv’aria, e l’immenso corteggio si mosse con grand’ordine e con solennissima pompa.

Giunto al palazzo, l’imperatore si assise subito ad una tavola bell’e apparecchiata nella gran sala da pranzo. Poor Pee, sebbene fosse diventato imperatore, aveva un appetito che somigliava moltissimo alla fame, come un fratello potrebbe somigliare a una sorella: ma non riuscì a contentare il brontolio del suo stomaco, perché i vassoi pieni d’ogni ghiottoneria, appena portati in tavola, erano subito vuotati e spolverati dai commensali, che gli facevano corona.

“Il pranzo finì: e lo scimmiottino aveva più fame di prima.”

“Pazienza!”, those from sé e sé. “Ora me ne anderò a letto, e dormendo, mi dimenticherò che non ho mangiato.”

No sooner said than done, entrò nella camera imperiale: e dopo poco russava come un ghiro.

Quand’ecco che sul più bello, si trovò svegliato da una sinfonia indiavolata di cembali e di corni e da migliaia e migliaia di voci, che gridavano:

“Viva l’imperatore! Fuori l’imperatore!”.

“Maestà”, disse il gran cerimoniere, entrando in camera, “alzatevi e affacciatevi al balcone. I vostri sudditi vogliono vedervi.”

“Peccato!”, brontolò Pipì, stropicciandosi gli occhi. “Dormivo così bene!”

E sbadigliando e barcollando si affacciò al balcone.

“Viva il nostro imperatore!”, gridò novamente quell’immensa folla di scimmiotti radunati sotto le finestre della reggia.

“Grazie, amici”, said Peeing, dimenando la testa in atto di salutare. “Sento che avete una bellissima voce, e me ne rallegro tanto con voi. E non avendo altro da dirvi, buona notte e ci rivedremo domani.”

At these words, la folla si sciolse tranquillamente, e Pipì tornò ad accovacciarsi sul suo letto imperiale.

Ma in quel mentre che stava lì per riprendere il sonno, ecco una nuova sinfonia di corni, di cembali e di urli popolari.

“Che cos’è stato?”, domandò alzando il capo.

“Maestà”, rispose il gran cerimoniere, entrando in camera “i vostri sudditi desiderano vedervi un’altra volta. Degnatevi affacciarvi al balcone.”

“Eccomi subito”, disse Pipì. “Pregate intanto i miei amici a concedermi un minuto di tempo, tanto che io possa lavarmi il viso.”

Passò un minuto, ne passarono due, cinque, venti, e l’imperatore non si vedeva apparire.

Andarono allora a cercarlo in camera, e non lo trovarono più. L’imperatore era sparito.

 

 

13. Pipì riceve una lezione dal coniglio

 

Che cos’è stato dell’imperatore Pipì? Nessuno l’aveva veduto: nessuno sapeva darne contezza. Che fosse fuggito via da qualche finestra? Impossible: perché le finestre, riscontrate a una a una, furono trovate tutte chiuse dalla parte di dentro. Therefore?…

The fact is, che lo cercavano da per tutto. Lo cercarono nell’armadio di camera, nella dispensa della sala da pranzo, in the rooms of the wardrobe, nei sottoscala, in tutti gli sgabuzzini e perfino nelle cantine del palazzo: but to no avail. At the end, fruga di qui, looks beyond, a qualcuno venne in capo l’idea di dare un’occhiata sotto il letto imperiale. Volete crederlo? Sissignori: l’imperatore era per l’appunto nascosto sotto il letto e se la dormiva saporitamente. Quale scandalo! Quale orrore!…

“Sire! Che cosa fate costì?”, gli domandò il gran cerimoniere, pigliandolo rispettosamente per un orecchio.

“Dormo”, said Peeing, sbadigliando e allungandosi.

“Svegliatevi, e rizzatevi subito in piedi! Non vi vergognate?”

“A dir la verità, quando ho sonno davvero non mi sono mai vergognato a dormire.”

“Ma perché addormentarsi in quel luogo? Dov’è, Sire, la vostra dignità imperiale?”

“L’avrò forse dimenticata sotto il letto”, rispose ingenuamente Pipì, il quale non sapeva che cosa fosse questa dignità tanto decantata.

Then, chiamando in disparte il gran cerimoniere, gli bisbigliò in un orecchio:

“Volete, friend, che vi parli francamente? Avevo creduto finora che il far da imperatore fosse il più bel mestiere di questo mondo: ma oggi mi avvedo pur troppo di essermi ingannato. Oh fortunati gli scimmiottini che si contentano di rimanere semplici e modesti scimmiottini per tutta la vita! Almeno potranno levarsi il gusto di mangiare, quando hanno fame, di dormire quando hanno sonno, e sul più bello del sonno nessuno verrà mai a svegliarli, per costringerli a ringraziare dal balcone una folla di sfaccendati, che non hanno voglia di andare a letto”.

Nel tempo che Pipì faceva questa confidenza intima al gran cerimoniere, il cielo s’era fatto nero come la cappa del camino, e l’acqua veniva giù a catinelle.

Allora si sentì sotto le finestre del palazzo imperiale uno strombettio di fanfare e un baccano di voci e strilli scimmiotteschi, che gridavano:

“Vogliamo il sole! Vogliamo il bel tempo!… It is not, abbasso l’imperatore!…”.

“Amici miei”, disse Pipì affacciandosi al balcone e parlando alla folla delle scimmie radunate in piazza. “Amici miei; come volete che io faccia a darvi il sole e il bel tempo, finché dura quest’acquazzone che pare un diluvio?”

“No, no! Vogliamo il sole a ogni costo, e lo vogliamo subito!”

“Confidate in me!”, he added Peeing. “Appena la pioggia cesserà e il tempo si rimetterà al buono, io prometto di darvi il sole e il bel tempo.”

Poche ore dopo, neanche a farlo apposta, la pioggia cessò e venne fuori un bellissimo sole.

Ma quando gli scimmiotti si accorsero che il sole scottava troppo, chiamarono le fanfare e recatisi dinanzi al palazzo dell’imperatore, presero a gridare:

“Vogliamo l’acqua! Vogliamo la pioggia!”.

peeing, annoiato da questa storia, aveva fatto giuro di non affacciarsi: ma poi sentendo che gli urli raddoppiavano sempre più, cacciò fuori il capo e disse:

“Volete proprio la pioggia?”.

“Sì, yes! Vogliamo la pioggia, not, abbasso l’imperatore!”

“Aspettatemi allora costì, e fra un minuto vi manderò la pioggia desiderata.”

A queste parole tenne dietro un gran battìo di mani e il suono della marcia imperiale. No sooner said than done, dopo pochi minuti, Pipì si affacciò novamente al balcone, gridando:

“Eccovi la pioggia: e chi ne vuol di più, se la vada a prendere alla fontana!”. And in saying so, rovesciò sul capo dei dimostranti una gran catinella d’acqua.

Impossibile immaginarsi il tumulto che ne avvenne. Il palazzo fu invaso e preso d’assalto. Si cercò l’imperatore per tutte le stanze: ma non si riuscì a trovarlo. Che cosa rimaneva da fare? Non trovando l’imperatore, la folla dové contentarsi di bastonare il gran cerimoniere. È sempre così! Nelle cose di questo mondo ne soffre sempre il giusto per il peccatore!

Intanto Pipì, scappato di nascosto da una porticciola segreta, che restava dietro il palazzo, si era dato a correre per le viottole della boscaglia, come se avesse avute le ali ai piedi. E dopo aver corso due giornate intere, trovò in mezzo agli alberi una piccola casa senza finestre.

Sulla porta della casa c’era seduto un bel coniglio che aveva il pelame turchino (come i capelli della Fata): which, vedendo Pipì, si alzò da sedere e lo salutò garbatamente, portandosi la zampa destra all’altezza del capo, a uso del saluto militare.

“Che cosa fai costì, mio bellissimo coniglio?”, gli domandò lo scimmiottino.

“Stavo appunto aspettando Vostra Signoria.”

“Chi è questa Vostra Signoria?”

“È lei.”

"It's me? Ah intendo, I mean! Compatiscimi, friend; perché i poveri, come me, quando sentono darsi di Vostra Signoria, credono sempre che si parli di qualcun altro. Non avresti per caso da offrirmi un poda mangiare e un poda dormire?”

“Si degni di passar dentro, e troverà l’uno e l’altro.”

peeing, com’è facile figurarselo, accettò di gran cuore l’invito: e appena messo il piede sulla soglia di casa, vide nella stanza terrena una tavola apparecchiata e una materassina ripiena di penne di uccello, distesa per terra.

Senza far complimenti, si pose subito a tavola, e dopo aver divorato in un attimo un piatto intero di nespole e di fichi verdini, principiò a dire sospirando: “Ho sofferto tanto, my friend! La mia vita è tutta un’iliade…”.

“Che cosa vuol dire iliade?”

“Non so nemmen’io e non m’importa di saperlo. Io sono come certi ragazzi figlioli degli uomini: ripeto a caso quel che sento dire e non mi curo d’altro.”

“Non mi pare una cosa fatta bene.”

“Pazienza! Cercherò di correggermi! Se tu conoscessi però tutte le mie disgrazie!…”

“Le conosco.”

“Come fai a conoscerle?”, domandò lo scimmiottino maravigliato.

“Le ho lette nel Giornalino dei Bambini, che si stampa a Roma. Sorry, signor Pipì, la mia curiosità: ma lei non aveva promesso al padroncino Alfredo di tenergli compagnia in un gran viaggio intorno al mondo?”

“Mi spiego: gliel’avevo promessoe non glielo avevo promesso…”

“Come sarebbe a dire?”

“Mi spiegherò più chiaro. Devi sapere che io fui tentato a far quella promessalo sai da chi? dalla gola.”

"That is?”

“Il signor Alfredo, per sedurmi, mi fece portare in tavola delle frutta così belle e così saporiteche io, a quella vista…”

“Ho capito, ho capito”, disse il coniglio ridendo. “Lei fece su per giù come fanno certi ragazzi figliuoli degli uomini, which, pur di ottenere dai loro babbi e dalle loro mamme qualche ghiottoneria o qualche balocco, promettono di esser buoni, di studiare e di farsi onore alla scuola… and then? And then, appena ottenuta la grazia, dimenticano subito le belle promesse fatte e chi s’è visto, s’è visto: not true?”

“Ho paura, mio caro amico, che tu l’abbia indovinata.”

“Vuol sapere, signor Pipì, come diceva il mio nonno? Il mio nonno diceva sempre chequando si promette una cosa, we must keep, e che quelli che mancano alle promesse fatte, non meritano di essere rispettati dagli altri, né assistiti dalla fortuna”. Ha capito? Arrivedella, signor Pipì.”

E il coniglio, dopo queste parole, fuggì via come un baleno.

 

 

14. Pipì ritrova finalmente Alfredo e parte con lui

 

Intanto lo scimmiottino si persuadeva ogni giorno di più che quella casina fosse fatta apposta per lui: e dicerto vi sarebbe rimasto per tutto il resto della vita, se una sera, as you already know, mosso a compassione di un ciechino che domandava per carità un podi ricovero, non avesse aperto la porta al suo terribile persecutore.

“Potrei sapere”, disse Golasecca, appoggiandosi con le spalle alla porta che aveva richiusa dietro di sé, “potrei sapere chi è quel pietoso benefattore, che si è degnato di ospitarmi?”

“Quel benefattore sono io”, said Peeing, alterando un poco la voce, per non essere riconosciuto.

“E voi come vi chiamate?”

“Mi chiamo… I!”

Questa voce la riconosco!”, masticò il cieco fra i denti: quindi soggiunse:

“Ditemi, mio caro benefattore, avete mai veduto per questi dintorni uno scimmiottino color di rosa?”.

“Degli scimmiottini ne ho veduti dimolti: ma non erano color di rosa: erano tutti di un colore verde e giallo, come la frittata cogli spinaci.”

Questa è la sua voce!… è lui dicerto!” “Fra questi scimmiottini ne avete per caso conosciuto qualcuno che avesse nome peeing?”

“No!… rather, yes… Mi pare di averne conosciuto uno. Ma quel Pipì era una birba matricolataun vero malanno.”

“Pur troppo! Figuratevi che io gli avevo fatto un monte di carezze e l’avevo perfino tenuto a cena con me, alla mia tavolae sapete come mi ricompensò? Mi ricompensò col saltarmi agli occhi a tradimento e coll’accecarmi, come se fossi un filunguello!”

“Questo poi non lo credo.”

“Non lo credete?”

“No. Pipì era una birba: ma non aveva il cuore così cattivo da commettere una simile scelleraggine.”

“Eppure è lui che mi ha accecato.”

“No, no, no.”

“Sì, yes, sì.”

“Credetelo, Golasecca, quello che vi ha accecato non sono stato io; sarà stato Nanni, il gatto di Moccolino.”

“Ah! finalmente ti sei scoperto!”, urlò il capo-masnada, con un grugnito di feroce allegrezza.

Pipì si pentì subito della sua imprudenza: ma oramai era tardi!

“Sono bell’e morto!”, disse girando gli occhi in cerca di una finestra per poter fuggire. Quella casina disgraziatamente non aveva finestre!

Intanto Golasecca, brancolando in qua e in là con le mani, riuscì a prendere lo scimmiottino: e dopo averlo acciuffato, lo legò con una catenella di ferro e se lo pose a cavalluccio sulle spalle.

Poi uscì di casa, e prese la prima straducola che gli capitò davanti ai piedi.

“Che mi conducete a morire?”, domandò il povero Pipì con un filo di voce che si sentiva appena.

“Fra poco te ne avvedrai! A good account, tu che hai gli occhi buoni, mi farai da guida lungo la strada.”

“Dove volete andare?”

“Dove le gambe mi portano.”

Camminando giorno e notte, fecero un lunghissimo tragitto senza fermarsi mai: finché una bella mattina si trovarono in una grossa città posta in riva al mare, e nel cui porto brulicavano cento e cento bastimenti a vapore.

Golasecca, sedutosi sopra una panchina lungo la spiaggia, cominciò a frugarsi tutte le tasche del vestito: ma non avendovi trovato nemmeno un soldo per comprarsi un boccon di pane, si volse verso Pipì che era mezzo morto di fame e di stanchezza, e gli domandò con garbo dispettoso:

"Tell me, brutto scimmiotto, hai saputo mai far nulla nel tuo mondo?”.

"That means?”

"That means, sai cantare qualche canzonetta? Sai sonare qualche strumento? Sai fare i salti e le capriole? Sai mangiare la stoppa accesa?”

“La stoppa accesa”, said Peeing, “la lascio mangiare a voi. I, however, so ballare benissimo la polca e so rifare con la bocca il suono della tromba e del violino.”

“Mi basta questo”, disse Golasecca: and without putting time in half, con quella sua vociona, che pareva una cannonata, si diè a gridare sul pubblico passeggio:

“Avanti, forward, signori! Vedranno il celebre Scimmiottino color-di-rosa, il quale ebbe l’onore di ballare al cospetto di tutti i regnanti, nonché, vice versa, delle principali Corti di genuino emisfero. Il mio scimmiottino balla, canta, suona e fa mille altre scioccherie, come potrebbe farle un uomo e qualunqu’altra bestia ragionevole. Forward, forward, signori! La spesa è piccola e il divertimento è grande”.

Dopo questa parlantina calorosa, ebbe principio lo spettacolo dinanzi a un pubblico numerosissimo e, come si suol dire, molto scelto e intelligente. Il nostro amico Pipì non solo piacque, but fece furore: tant’è vero che gli spettatori, a furia di urlare e di gridar bravo, erano rimasti fiochi e senza voce.

Dopo finito lo spettacolo e sfollata la gente che si accalcava d’intorno, Golasecca sentì toccarsi in un braccio; e voltandosi burbanzosamente, si trovò dinanzi un bel giovinetto, in abito di viaggiatore, che gli domandò con graziosa maniera:

“È vostro quello scimmiottino?”.

“È mio!… pur troppo è mio!”

“Volete venderlo?”

“Magari! With all my heart!”

“Quanto ne volete?”

“Mille lire; se vi pare un prezzo capriccioso, sono qui per accomodarmi.”

“Eccovi mille lire: e lo scimmiottino è mio.”

Quando il giovinetto ebbe pagato, si volse allo scimmiottino, dicendogli:

“Non mi riconosci più?”.

“Altro se vi riconosco, mio caro signor Alfredo!… Vi riconosco e vi voglio sempre un gran bene.”

E il povero Pipì, dalla gran contentezza che sentiva nel cuore, He began to cry like a baby.

Quella sera medesima, il giovinetto Alfredo e lo scimmiottino (rivestito tutto da capo ai piedi, s'intende bene, come un bel signore) partirono insieme, sopra un bastimento della Società Rubattino per un lungo viaggio d’istruzione.

E quanto a me, confesso il vero, non mi farebbe nessuna meraviglia se, someday, vedessi annunziato nelGiornalino dei Bambini“, un racconto con questo titolo: Il Viaggio intorno al mondo, raccontato dallo Scimmiottino color di rosa. Negli annali della stampa, non sarebbe questo il primo caso di qualche scimmiotto che ha la sfacciataggine di far gemere i torchi, and, occorrendo, anche i torcolieri.

 

 

 

La festa di Natale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La storia che vi racconto oggi, non è una di quelle novelle, come se ne raccontano tante, ma è una storia vera, vera, vera.

Dovete dunque sapere che la Contessa Maria (una brava donna che io ho conosciuta benissimo, as you know) era rimasta vedova con tre figli: due maschi e una bambina.

Il maggiore, di nome Luigino, poteva avere fra gli otto e i nove anni: Alberto, il secondo, ne finiva sette, e l’Ada, la minore di tutti, era entrata appena nesei anni, sebbene a occhio ne dimostrasse di più, a causa della sua personcina alta, sottile e veramente aggraziata.

La contessa passava molti mesi all’anno in una sua villa: e non lo faceva già per divertimento, ma per amore desuoi figlioletti, che erano gracilissimi e di una salute molto delicata.

Finita l’ora della lezione, il più gran divertimento di Luigino era quello di cavalcare un magnifico cavallo sauro; un animale pieno di vita e di sentimento, che sarebbe stato capace di fare cento chilometri in un giorno se non avesse avuto fin dalla nascita un piccolo difetto: il difetto, namely, di essere un cavallo di legno!

Ma Luigino gli voleva lo stesso bene, come se fosse stato un cavallo vero. Basta dire, che non passava sera che non lo strigliasse con una bella spazzola da panni: e dopo averlo strigliato, invece di fieno o di gramigna, gli metteva davanti una manciata di lupini salati. E se per caso il cavallo si ostinava a non voler mangiare, allora Luigino gli diceva accarezzandolo:

“Vedo bene che questa sera non hai fame. Patience: i lupini li mangerò io. Addio a domani, e dormi bene”.

E perché il cavallo dormisse davvero, lo metteva a giacere sopra una materassina ripiena d’ovatta: e se la stagione era molto rigida e fredda, non si dimenticava mai di coprirlo con un piccolo pastrano, tutto foderato di lana e fatto cucire apposta dal tappezziere di casa.

 

Alberto, il fratello minore, aveva un’altra passione. La sua passione era tutta per un bellissimo Pulcinella, that, tirando certi fili, moveva con molta sveltezza gli occhi, la bocca, le braccia e le gambe, tale e quale come potrebbe fare un uomo vero: e per essere un uomo vero, non gli mancava che una sola cosa: il parlare.

Figuratevi la bizza di Alberto! Quel buon figliuolo non sapeva rendersi una ragione del perché il suo Pulcinella, ubbidientissimo a fare ogni sorta di movimenti, avesse preso la cocciutaggine di non voler discorrere a modo e verso, come discorrono tutte le persone per bene, che hanno la bocca e la lingua.

E fra lui e Pulcinella accadevano spesso dei dialoghi e dei battibecchi un tantino risentiti, sul genere di questi:

“Buon giorno, Pulcinella”, gli diceva Alberto, andando ogni mattina a tirarlo fuori dal piccolo armadio dove stava riposto. “Buon giorno, Pulcinella.”

E Pulcinella non rispondeva.

“Buon giorno, Pulcinella”, ripeteva Alberto.

E Pulcinella, zitto! as if they were saying to him.

"Its, via, finiscila di fare il sordo e rispondi: buon giorno, Pulcinella.”

E Pulcinella, duro!

“Se non vuoi parlare con me, guardami almeno in viso” diceva Alberto un postizzito.

E Pulcinella, ubbidiente, girava subito gli occhi e lo guardava.

“Ma perché”, gridava Alberto arrabbiandosi sempre di più, “ma perché se ti dicoguardamiallora mi guardi; e se ti dicobuon giornonon mi rispondi?”

E Pulcinella, zitto!

“Brutto dispettoso! Alza subito una gamba!”

E Pulcinella alzava una gamba.

“Dammi la mano!”

E Pulcinella gli dava la mano.

“Ora fammi una bella carezzina!”

E Pulcinella allungava il braccio e prendeva Alberto per la punta del naso.

“Ora spalanca tutta la bocca!”

E Pulcinella spalancava una bocca, che pareva un forno.

“Di già che hai la bocca aperta, profittane almeno per darmi il buon giorno.”

Ma il Pulcinella, instead of answering, rimaneva lì a bocca aperta, fermo e intontito, come, generally speaking, è il vizio di tutti gli omini di legno.

Alla fine Alberto, con quel piccolo giudizino, che è proprio di molti ragazzi, cominciò a mettersi nella testa che il suo Pulcinella non volesse parlare né rispondergli, perché era indispettito con lui. Indispettito!… e di che cosa? Forse di vedersi mal vestito, con un cappellaccio in capo di lana bianca, una camicina tutta sbrindellata, e un paio di pantaloncini così corti e striminziti, che gli arrivavano appena a mezza gamba.

“Povero Pulcinella!”, disse un giorno Alberto, compiangendolo sinceramente, “se tu mi tieni il broncio, non hai davvero tutti i torti. Io ti mando vestito peggio di un accattonema lascia fare a me! Fra poco verranno le feste di Natale. Allora potrò rompere il mio salvadanaioe con quei quattrini, voglio farti una bella giubba, mezza d’oro e mezza d’argento.”

 

Per intendere queste parole di Alberto, occorre avvertire che la Contessa aveva messo l’uso di regalare asuoi figli due o tre soldi la settimana, a seconda, s'intende bene, deloro buoni portamenti. Questi soldi andavano in tre diversi salvadanai: il salvadanaio di Luigino, quello di Alberto e quello dell’Ada. Otto giorni avanti la pasqua di Natale, i salvadanai si rompevano, e coi danari che vi si trovavano dentro, tanto la bambina, come i due ragazzi erano padronissimi di comprarsi qualche cosa di loro genio.

Luigino, com’è naturale, aveva pensato di comprare per il suo cavallo una briglia di pelle lustra con le borchie di ottone, e una bella gualdrappa, da potergliela gettare addosso, quando era sudato.

L’Ada, che aveva una bambola più grande di lei, non vedeva l’ora di farle un vestitino di seta, rialzato di dietro, secondo la moda, e un paio di scarpine scollate per andare alle feste da ballo.

In quanto al desiderio di Alberto, è facile immaginarselo. Il suo vivissimo desiderio era quello di rivestire il Pulcinella con tanto lusso, da doverlo scambiare per un signore di quelli buoni.

Intanto il Natale s’avvicinava, quand’ecco che una mattina, mentre i due fratelli con la loro sorellina, andavano a spasso per i dintorni della villa, si trovarono dinanzi a una casipola tutta rovinata, che pareva piuttosto una capanna da pastori. Seduto sulla porta c’era un povero bambino mezzo nudo, che dal freddo tremava come una foglia.

“Zio Bernardo, ho fame”, disse il bambino con una voce sottile, sottile, voltandosi appena con la testa verso l’interno della stanza terrena.

No one answered.

In quella stanza terrena c’era accovacciato sul pavimento un uomo con una barbaccia rossa, che teneva i gomiti appuntellati sulle ginocchia e la testa fra le mani.

“Zio Bernardo, ho fame!…”, ripeté dopo pochi minuti il bambino, con un filo di voce che si sentiva appena.

“Insomma vuoi finirla?”, gridò l’uomo dalla barbaccia rossa. “Lo sai che in casa non c’è un boccone di pane: e se tu hai fame, piglia questo zoccolo e mangialo!”

And in saying so, quell’uomo bestiale si levò di piede uno zoccolo e glielo tirò. Forse non era sua intenzione di fargli del male; ma disgraziatamente lo colpì nel capo.

Allora Luigino, Alberto e l’Ada, commossi a quella scena, tirarono fuori alcuni pezzetti di pane trovati per caso nelle loro tasche, e andarono a offrirli a quel disgraziato figliolo.

Ma il bambino, prima si toccò con la mano la ferita del capo: poi guardandosi la manina tutta insanguinata, balbettò a mezza voce:

“Grazieora non ho più fame…”.

 

Quando i ragazzi furono tornati alla villa, raccontarono il caso compassionevole alla loro mamma; e di quel caso se ne parlò due o tre giorni di seguito. Then, come accade di tutte le cose di questo mondo, si finì per dimenticarlo e per non parlarne più.

Alberto, per altro, non se l’era dimenticato: e tutte le sere andando a letto, e ripensando a quel povero bambino mezzo nudo e tremante dal freddo, diceva grogiolandosi fra il calduccio delle lenzuola:

“Oh come dev’essere cattivo il freddo! Brrr…”.

E dopo aver detto e ripetuto per due o tre volte “Oh come dev’esser cattivo il freddo!” si addormentava saporitamente e faceva tutto un sonno fino alla mattina.

Pochi giorni dopo accadde che Alberto incontrò per le scale di cucina la Rosa: la quale era l’ortolana che veniva a vendere le uova fresche alla villa.

“Sor Albertino, buon giorno signoria”, disse la Rosa: “quanto tempo è che non è passato dalla casa dell’Orco?”

“Chi è l’Orco?”

“Noi si chiama con questo soprannome quell’uomo dalla barbaccia rossa, che sta laggiù sulla via maestra.”

“O il suo bambino che fa?”

“Povera creatura, che vuol che faccia?… È rimasto senza babbo e senza mamma, alle mani di quello zio Bernardo…”

“Che dev’essere un uomo cattivo e di cuore duro come la pietra, not true?”, soggiunse Alberto.

“Pur troppo! Meno male che domani parte per l’Americae forse non ritornerà più.”

“E il nipotino lo porta con sé?”

“Nossignore: quel povero figliuolo l’ho preso con me, e lo terrò come se fosse mio”.

“Brava Rosa.”

“A dir la verità, gli volevo fare un podi vestituccio, tanto da coprirlo dal freddoma ora sono corta a quattrini. Se Dio mi dà vita, lo rivestirò alla meglio a primavera.”

Alberto stette un po’ absentmindedly, then he said:

“Senti, Rosa, domani verso mezzogiorno ritorna qui, alla villa: ho bisogno di vederti.”

“Non dubiti.”

 

The next day, era il giorno tanto atteso, tanto desiderato, tanto rammentato: the day, namely, in cui celebravasi solennemente la rottura detre salvadanai.

Luigino trovò nel suo salvadanaio dieci lire: l’Ada trovò nel suo undici lire, e Alberto vi trovò nove lire e mezzo.

“Il tuo salvadanaio”, gli disse la mamma, “è stato più povero degli altri due: e sai perché? perché in quest’anno tu hai avuto poca voglia di studiare.”

“La voglia di studiare l’ho avuta”, replicò Alberto, “ma bastava che mi mettessi a studiare, perché la voglia mi passasse subito.”

“Speriamo che quest’altr’anno non ti accada lo stesso” soggiunse la mamma: poi volgendosi a tutti e tre i figli, seguitò a dire: “Da oggi alla pasqua di Natale, come sapete, vi sono otto giorni precisi. In questi otto giorni, secondo i patti stabiliti, ognuno di voi è padronissimo di fare quell’uso che vorrà, dei danari trovati nel proprio salvadanaio. Quello poi, di voialtri, che saprà farne l’uso migliore, avrà da me, a titolo di premio, un bellissimo bacio.”

Il bacio tocca a me di certo!”, disse dentro di sé Luigino, pensando ai ricchi finimenti e alla bella gualdrappa che aveva ordinato per il suo cavallo.

Il bacio tocca a me di certo!”, disse dentro di sé l’Ada, pensando alle belle scarpine da ballo che aveva ordinato al calzolaio per la sua bambola.

Il bacio tocca a me di certo!”, disse dentro di sé Alberto, pensando al bel vestito che voleva fare al suo Pulcinella.

Ma nel tempo che egli pensava al Pulcinella, sentì la voce della Rosa che, chiamandolo a voce alta dal prato della villa, gridava:

“Sor Alberto! sor Alberto!”.

Alberto scese subito. Che cosa dicesse alla Rosa non lo so: ma so che quella buona donna, nell’andarsene, ripeté più volte:

“Sor Albertino, lo creda a me: lei ha fatto proprio una carità fiorita, e Dio manderà del bene anche a lei e a tutta la sua famiglia!”.

 

Otto giorni passarono presto: e dopo otto giorni arrivò la festa di Natale o il Ceppo, come lo chiamano i fiorentini.

Finita appena la colazione, ecco che la Contessa disse sorridendo ai suoi tre figli:

“Oggi è Natale. Vediamo, therefore, come avete speso i quattrini dei vostri salvadanai. Ricordatevi intanto che, quello di voialtri che li avrà spesi meglio, riceverà da me, a titolo di premio, un bellissimo bacio. his, Luigino! tu sei il maggiore e tocca a te a essere il primo”.

Luigino uscì dalla sala e ritornò quasi subito, conducendo a mano il suo cavallo di legno, ornato di finimenti così ricchi, e d’una gualdrappa così sfavillante, da fare invidia ai cavalli degli antichi imperatori romani.

“Non c’è che dire”, osservò la mamma, sempre sorridente “quella gualdrappa e quei finimenti sono bellissimi, ma per me hanno un gran difettoil difetto, namely, di essere troppo belli per un povero cavallino di legno. Forward, Alberto! Ora tocca a te.”

“No, no”, gridò il ragazzetto, turbandosi leggermente, “prima di me, tocca all’Ada.”

E l’Ada, senza farsi pregare, uscì dalla sala, e dopo poco rientrò tenendo a braccetto una bambola alta quanto lei, e vestita elegantemente, secondo l’ultimo figurino.

“Guarda, mamma, che belle scarpine da ballo!”, disse l’Ada compiacendosi di mettere in mostra la graziosa calzatura della sua bambola.

“Quelle scarpine sono un amore!”, replicò la mamma. “Peccato però che debbano calzare i piedi d’una bambina fatta di cenci e di stucco, e che non saprà mai ballare!”

 

“E ora, Alberto, let's see’ come tu hai speso le nove lire e mezzo, che hai trovate nel tuo salvadanaio.”

“Eccoio volevoossia, avevo pensato di fareossia, credevoma poi ho creduto meglioe così oramai l’affare è fatto e non se ne parli più.”

“Ma che cosa hai fatto?”

“Non ho fatto nulla.”

“Sicché avrai sempre in tasca i danari?”

“Ce li dovrei avere…”

“Li hai forse perduti?”

“No.”

“E, then, come li hai tu spesi?”

“Non me ne ricordo più.”

In questo mentre si sentì bussare leggermente alla porta della sala, e una voce di fuori disse:

“È permesso?.”

“Avanti.”

Apertasi la porta, si presentò sulla soglia, indovinate chi! Si presentò la Rosa ortolana, che teneva per la mano un bimbetto tutto rivestito di panno ordinario, ma nuovo, con un berrettino di panno, nuovo anche quello, e in piedi un paio di stivaletti di pelle bianca da campagnolo.

“È tuo, Rosa, codesto bambino?”, domandò la Contessa.

“Ora è lo stesso che sia mio, perché l’ho preso con me e gli voglio bene, come a un figliolo. Povera creatura! Finora ha patito la fame e il freddo. Ora il freddo non lo patisce più, perché ha trovato un angiolo di benefattore, che lo ha rivestito a sue spese da capo a piedi.”

“E chi è quest’angelo di benefattore?”, chiese la Contessa.

L’ortolana si voltò verso Alberto, e guardandolo in viso e accennandolo alla sua mamma, disse tutta contenta:

“Eccolo là.”

Albertino diventò rosso come una ciliegia: poi rivolgendosi impermalito alla Rosa, He began shouting:

“Chiacchierona! Eppure ti avevo detto di non raccontar nulla a nessuno!…”.

“La scusi: che c’è forse da vergognarsi per aver fatto una bell’opera di carità come la sua?”

“Chiacchierona! chiacchierona! chiacchierona!”, ripeté Alberto, arrabbiandosi sempre più; e tutto stizzito fuggì via dalla sala.

La sua mamma, that he understood everything, lo chiamò più volte: ma siccome Alberto non rispondeva, allora si alzò dalla poltrona e andò a cercarlo da per tutto. Trovatolo finalmente nascosto in guardaroba, lo abbracciò amorosamente, e invece di dargli a titolo di premio un bacio, gliene dette per lo meno più di cento.

 

 

 

After the theater

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alfredo, Gino e Ida entrano tutti e tre insieme nella stanza preceduti da Bettina, che va a posare il lume sulla tavola.

 

ALFREDO (levandosi il cappello e il paletò): Com’hanno recitato bene! ma proprio bene!…

IDA: Quanto ci siamo divertiti, Bettina mia!… Che bella commedia!…

GINO: E la farsa dove la lasci? Se tu avessi visto, Bettina, il brillante della farsa! Chi sa quanto tu avresti riso! Imagine! gli è venuto fuori in maniche di camicia, e ha detto che dal freddo tremava tutto come un pezzo di gelatina. Te lo immagini un brillante di gelatina! (Ridendo di genio.)

BETTINA: E la commedia era bella davvero?

IDA: Alfredo, diglielo tu.

ALFREDO: La commedia era bellissima: but I, I tell the truth, avrei sentito più volentieri un dramma.

IDA: Perché un dramma?

ALFREDO: Perché i drammi mi piacciono di più.

GINO: Anch’io mi diverto di più ai drammi: almeno si piange. But, più di tutto, mi piacciono le tragedie.

ALFREDO: Le tragedie? O dove le hai viste tu, le tragedie?

IDA: Povero figliolo, se l’è sognate!

GINO: Hai sentito, Bettina? It’ voglion dire che le tragedie me le sono sognate!… Non è vero che l’anno passato mi conducevi quasi tutte le sere ai burattini nel Parterre?

BETTINA: Verissimo.

CINO: Non è vero che una sera i burattini fecero due tragedie di fila?

BETTINA: Sarà vero, ma io le tragedie non le conosco: a me mi paiono tutte commedie.

ALFREDO: E com’erano intitolate queste due tragedie?

GINO: Ora non me ne rammento: gli è passato tanto tempo! Una mi pare che la fosse intitolata, Filippo Vu Re di Spagna.

ALFREDO (laughing): But that Filippo Vu? Sarà stato Filippo Quinto.

GINO: Sarà stato Filippo Quinto: io però mi ricordo che sul cartellone c’era scritto Filippo, e dopo Filippo c’era un V in stampatello grande come la mia mano.

ALFREDO: Sta bene che ci fosse un V: ma quel V in numeri romani vuol dir quinto.

GINO: Cosa vuoi tu che io sappia dei numeri romani? Non ci sono mica stato a Roma, I.

ALFREDO: E quell’altra tragedia?

GINO: Quell’altra l’aveva un certo titolo curiosote ne ricordi te, Bettina?

BETTINA: Che vuol che mi ricordi?

GINO: Mi pare che fosse una specie di Spazzolino Tiranno di Padova.

ALFREDO: Ma che spazzolino, buacciòlo? Vorrai dire Ezzelino tiranno di Padova.

GINO: In conclusion, o lui o un altro, io so che a quella tragedia mi sono divertito dimolto. Ti rammenti, Bettina, che piacere quando tutti cominciarono a dare addosso al tiranno? Just you, Alfredo, levami una curiosità: mi dici perché tutti i tiranni hanno la barba nera?

ALFREDO (con serietà): Already: perché se la tingono apposta per far paura.

GINO: Ah!… now I understand. Del resto io so che se domani avessi cento milioni di patrimonio

IDA: Sentiamo un po’: che cosa vorresti fare?

GINO: Prima di tutto vorrei mettere ogni mattina nel Caffè-e-latte più di mezza tazza di zucchero, e poi vorrei andare tutte le sere ai burattini.

IDA: Tutte, tutte le sere?

GINO: Tutte le sere: anche quando piovesse.

IDA: A me poi i burattini mi piacciono, yes, ma fino a un certo segno: io più di tutto mi diverto al teatro, e specialmente a stare in un palco.

ALFREDO: si dice i gusti! I, invece del palco, anderei più volentieri in una poltrona d’orchestra. A stare in un palco ci ho rabbia, e sai perché? perché ci guardano tutti.

IDA: Lasciali guardare. Io so che mi diverto moltissimo a vedermi guardare cocannocchiali.

ALFREDO: Finiscila, giuccherella! Chi vuoi che perda il suo tempo a guardare cocannocchiali una moccichina come te?

IDA (risentita): Non cominciare, Alfredo! Tu hai sempre il vizio di offendere!…

ALFREDO (laughing): I'm sorry: ho sbagliato a dir moccichina: volevo dire un bel pezzo di donna come te.

IDA (impermalita): C’è poco da canzonare. Ora sono piccola! ma poi crescerò anch’io. Il babbo dice che gli anni passano per tutti. Per noi altri ragazzi, however, questi anni benedetti non passano mai. La mi pare una bella ingiustizia! Oramai gli è un secolo che ho sempre dieci anni!…

BETTINA: si consoli: fra pochi mesi ne avrà undici.

IDA: Bella consolazione! Prima d’arrivare a quindici anni, figurati se c’è da allungare il collo. Però, se si guarda alla statura, sono grande quasi quanto Alfredo.

ALFREDO: Cucù! (In canzonatura.)

IDA: Quanto vuoi scommettere che ci corre appena un dito?

ALFREDO: Cucù.

BETTINA: Let's see', Idina: la vada a misurarsi con Alfredo.

ALFREDO (con serietà): Got, Bettina, potresti anche dire col signor Alfredo: ti ho già avvertito che questo tono di confidenza non mi piace punto. Capirai che non lo faccio per me: lo faccio per riguardo del mondo.

GINO (in caricatura): Oh! l’illustrissimo signore Alfredo ha mille ragioni. Da qui in avanti gli darò del lord anch’io. Rather, gli voglio dare delleccellenza (laughing).

ALFREDO: Research, Gino! non far tanto lo spiritoso. Ti avverto, to your rule, che le mani mi cominciano a prudere

GINO (joking): Che paura che mi hai fatto!… Ora non parlo più. Excuse, Bettina: ma la cena non è ancora preparata? Io ho un appetito che paion due.

BETTINA: La cena è preparata: ma il babbo legge il giornale, e quando avrà finito li farà chiamare.

GINO: Vuoi sapere perché il teatro mi piace tanto? perché dopo il teatro, ci tocca la cena.

BETTINA: O che forse non cena anche le altre sere?

GINO: Yes: ma l’altre sere io e l’Ida ci fanno cenare alle otto, per poi mandarci a letto. Cenare alle otto mi pare una cena da polli.

ALFREDO: Che cosa vorresti fare tutta la sera levato? Dopo le ventiquattro ti addormenteresti sul canapè.

GINO: I, rather, non ho mai sonno.

ALFREDO: Bravo! Meno male che ti sei addormentato anche stasera.

GINO: Dove?

ALFREDO: Nel palco.

GINO: When?

ALFREDO: A metà del second’atto: not true, Ida?

IDA: M’è parso anche a me.

GINO: Nossignori: sbagliano, non dormivo.

ALFREDO: O allora che cosa facevi?

GINO (a powder’ confuso): Pareva che dormissima invece pensavo.

ALFREDO (laughing): O che per pensare c’è forse bisogno di chiudere gli occhi?

CINO: Secondo i naturali delle persone. Per esempio, anche il nostro maestro di scuola qualche volta, specialmente nelle ore calde dell’estate, ci dice: “Ragazzi, siate buoni e non fate tanto chiasso, perché ho bisogno di pensare cinque minuti a una cosa”; e quando ha detto così, appoggia la testa alla spalliera della poltrona, chiude gli occhi, apre la bocca e comincia a pensare

ALFREDO: Ossia, comincierà a dormire.

GINO: Nossignore, non dorme: tant’è vero che, se urliamo troppo forte, si sveglia subito e ci fa una strapazzata di quelle cofiocchiMa dunque, si va o non si va a cena? Ho una fame che la vedo.

BETTINA: Abbia pazienza altri due minuti.

ALFREDO: Intanto che si aspetta, si fa una bella cosa?

GINO E IDA (insieme): Sentiamo.

ALFREDO: si ripete fra noi tre quella bella scena della commedia, dove il figlio riconosce sua madre?

IDA: Ripetiamola davvero.

GINO: Not, no: io voglio prima ripetere alla Bettina il discorso che ha fatto il brillante, quando è venuto sulla scena in maniche di camicia. Vuoi sentirlo, Bettina? (si leva la giacchettina, la butta sul canapè e rimane in maniche di camicia.)

BETTINA: Perché si è levata la giacchettina?

GINO: Voglio farti vedere il brillante tale e quale.

BETTINA: Io non voglio vedere tanti brillanti. Io voglio che si rimetta subito la giacchettina. Ma non lo sa che a questi freddi potrebbe prendere un’infreddatura come nulla?

GINO: Un’infreddatura? non mi parrebbe vero di prenderla. Almeno il babbo mi comprerebbe le pasticche di lichene.

IDA: Vergognati, ghiottonaccio!

GINO: Mi piacciono tanto le pasticche di lichene!… It, instead, a farlo apposta, non infreddo mai. Si vede proprio che sono nato disgraziato! (Rimettendosi la giacchettina.)

ALFREDO: Dunque si fa questa scena, dove il figlio riconosce la madre?

GINO: Excuse, Alfredo: spiegami prima una cosa, che non ho potuto capire. Nella commedia di stasera, la madre sa fin dal principio che Carlo è suo figlio, not true?

ALFREDO: Sicuro che lo sa.

GINO: E se lo sa, mi dici perché aspetta a farsi riconoscere da lui, proprio all’ultima scena dell’ultimo atto?

ALFREDO: Povero figlio! Bisogna proprio dire che non hai nemmeno l’ombra del genio drammatico! O non capisci che se la madre si facesse riconoscere alla prima, la commedia finirebbe subito, e noi a quest’ora saremmo tutti a letto da un bel pezzo? Invece la madre, aspettando a farsi riconoscere proprio all’ultimo atto, costringe il pubblico a rimanere in teatro fino alle undici sonate: e così la gente, quando torna a casa, è tutta contenta, perché sa di avere spesi giustificati i suoi quattrini per il biglietto d’ingresso: made myself clear?

GINO: Ora ho capito tutto. E io m’ero figurato invece che quella mamma di Carlo facesse un podi burletta.

ALFREDO: Devil May! O che si fanno le burlette anche nelle commedie serie?… Non ci mancherebb’altro!

IDA: Dunque si recita o non si recita questa scena?

ALFREDO: Lasciatemi distribuire le parti a me. Io farò da Carlo, ossia da figlio, e tu, Ida, farai la parte della madre.

GINO: And I?

ALFREDO: E tu farai da husband, ossia farai la parte di quello che arriva da ultimo e che tira la revolverata.

GINO: Fossi matto! Io non le faccio quelle brutte cosacce!

ALFREDO: S’intende bene che, invece di tirare colla pistola, tu farai il colpo con la bocca.

GINO: Come sarebbe a dire?

ALFREDO: Tu farai colla bocca: bum!

GINO: E quando lo debbo fare?

ALFREDO: Quando sarà il momento.

GINO: Ho capito.

ALFREDO: Dunque attenti. Io starò da questa parte: you, Ida, mettiti là, vicina a quella tavola, per poterti appoggiare, quando dovrà venirti lo svenimento.

GINO: And I?

ALFREDO: E tu nasconditi dietro quella porta: e quando sarà il momento, uscirai fuori tutt’a un tratto e farai: bum!

IDA: Se io faccio la parte di madre, tocca a me a incominciare.

ALFREDO: Comincia pure: io son pronto.

IDA (movendosi e gestendo drammaticamente): “No, Carlo, voi non partirete… Oh! Dio!… se voi poteste… oh! Dio!… vedere i tormentie lo strazio… oh! Dio… di quest’anima!… Oh! Dio, pietà… di questa povera infelice…”

IL CAMERIERE (looking out the door): Signorini, il babbo li chiama a cena.

ALFREDO: Eccoci subito. his, Ida; riattacca subito la tua parte, ma mettici un popiù di passione… a powder’ più di singhiozzomolto singhiozzo.

IDA (declamando): “Oh! Carlo! Se poteste leggere… Oh Dio… in questo cuore… Oh!… Se poteste contare le lacrime…”

GINO (uscendo fuori): Bum!

ALFREDO (a Gino): Not, no! Troppo presto, ancora no!

GINO: Spicciatevi, boys, perché io voglio andare a cena.

ALFREDO: Forward, Ida, forward!

IDA (declamando): “No, Carlo, I repeat, voi non partiretevoi non potete partire di qui…”

ALFREDO (declamando): “Sì, o donna, io partiròio lascerò

questi luoghi fataliio fuggirò lontano, lontano, lontano…”

GINO (uscendo fuori): Bum! bum! bum!

ALFREDO: Still no, t’ho detto!

GINO: Ho fame, la volete capire?

ALFREDO: Altri due minuti, e la scena è finita. (declamando) “Sì, il mio destino vuole cosìnoi non ci rivedremo mai piùmai più!”

IDA: “Voi, Carlo, non partirete!”

ALFREDO: “Io partirò!”

IDA: “No…”

ALFREDO: “Sì: chi potrà impedirmelo?”

IDA: "I!”

ALFREDO: “Voi?… e chi siete voi?”

IDA (con molto singhiozzo): “Sciagurato!… I… so… no… tua…”

GINO (uscendo fuori e interrompendo): Got, Bettina: penserai tu a fare bum; io ho troppa fame e scappo a cena (via di corsa).

ALFREDO: When it's like, si può calare il sipario e andare a cena anche noi.

 

 

 

Chi non ha coraggio non vada alla guerra

proverbio in undici parti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I.

 

Leoncino è un ragazzetto entrato appena nei dieci anni.

“Perché questo nome di Leoncino?”, domanderete voi.

La storia sarebbe un polunghetta, ma io ve la racconterò in quattro parole.

Bisogna dunque sapere che quando questo bambino fu portato al fonte battesimale, la sua mamma avrebbe gradito volentieri che si fosse chiamato Luigi: ma il suo babbo, incaponitosi a farne col tempo un guerriero (il babbo era comandante dei pompieri e bisogna perdonargli certe debolezze guerresche) volle a tutti i costi che fosse battezzato col nome di Napoleone.

Napoleone!… Come si fa, I ask, a mettere un nomone così grosso sulla testa di un tenero lattante? C’è quasi il pericolo di soffocarlo!

Fatto sta che in famiglia, per vezzeggiativo, cominciarono subito a chiamarlo Napoleoncino: but then, avvedutisi che questo vezzeggiativo era troppo lungo, gli tagliarono le due prime sillabe (Na-po), and so, di un Napoleoncino, ne fecero per risparmio di fiato un economico e modesto Leoncino.

Il piccolo guerriero crebbe a occhiate, e a dieci anni era già diventato un bel ragazzo. Correva, ballava, saltava, faceva la ginnastica, and, what singular! qualche volta anche studiava.

Di burattini e di altri balocchi non voleva saperne. L’unica sua passione erano le sciabole di latta con l’impugnatura dorata e i fucilini a saltaleone, da caricarsi in tempo di pace coi lupini secchi, e in tempo di vera guerra, coi sassolini di ghiaia o coi nòccioli di ciliegia.

Il suo babbo poi, per contentarlo e per coltivargli sempre più lo spirito marziale, gli aveva fatto fare anche l’uniforme di generale d’armata, con le spalline di bambagia gialla come lo zafferano e con un berretto di panno scuro, ornato di un bel nastro di tela incerata e rilucente, that, veduto da lontano, pareva proprio un gallone d’argento.

Come vacation time, Leoncino fu condotto a villeggiare in casa di un suo zio, ricco possidente di campagna.

Questo zio aveva una nidiata di cinque figlioli, tutti bambinetti fra i sette e gli undici anni. Figuratevi la contentezza di Leoncino quando si trovò in mezzo a quegli altri cinque monelli.

Com’è naturale, pensarono subito, tutti d’accordo, di fare i soldati. Arnolfo, il più piccolo dei cugini, nominato trombettiere di reggimento, andava avanti al corpo d’esercito, sonando la tromba con la bocca. Raffaello, il più alto di tutti, faceva da cavalleria, per cui era obbligato a camminare sempre di trotto o di galoppo e qualche volta anche a nitrire e tirare i calci, a uso cavallo: Asdrubale e Gigino rappresentavano il grosso della fanteria. Tonino guidava i carri dell’ambulanza, strascinandosi dietro il carretto dell’ortolano per caricarci su, dopo la battaglia, i morti e i feriti, e LeoncinoLeoncino poi, as you can imagine it, era il comandante generale e marciava sempre alla testa della grande armata.

 

 

 

II.

 

Tutte le mattine che Dio mandava in terra, i sei ragazzi, dopo aver preso con sé il pane e il companatico per fare il rancio, si mettevano in marcia armati di tutto punto, avviandosi a combattere qualche gran battaglia nel vicino bosco distante forse un chilometro dalla villa.

Arrivati a mezza strada, facevano alto in mezzo a un prato, and there, sdraiati sull’erba, mangiavano, the, per dir meglio, divoravano il rancio, mentre uno di loro, s'intende bene, rimaneva a far da sentinella avanzata in fondo al prato, per dare il grido dallarme nel caso che i nemici fossero sbucati fuori all’improvviso.

Ma l’uso della sentinella avanzata durò poco, e vi dirò il perché. Una mattina toccò a far da sentinella al trombettiere Arnolfo, un ragazzino che non aveva ancora sett’anni finiti. Arnolfo, ubbidiente ai regolamenti e alla disciplina militare, si rassegnò a fare una mezz’ora di sentinella: ma appena smontato, corse subito in mezzo ai compagni, per farsi dare la sua parte di rancio. E lascio pensare a voi come restò, quando si accorse che i suoi compagni avevano mangiato tutto, diluviato tutto, spolverato tutto: fino i minuzzoli di pane, fin le cortecce del cacio, fin le bucce del salame! Il povero figliolo, che aveva una fame che la vedeva proprio cogli occhi, trovandosi così barbaramente burlato, cominciò a piangere e strillare; e il suo strillare fu così acuto e ostinato, che in tutta la storia militare, dalla presa di Gerico fino a noi, non c’è l’esempio d’un altro trombettiere che abbia strillato tanto, quanto lui.

From that day onwards, in quel corpo d’armata composto di sei ragazzi, non si trovò più un soldato che volesse fare da sentinella avanzata durante l’ora del rancio. Di fronte a un atto così grave d’insubordinazione, la disciplina militare ci scapitò assai: ma lo stomaco dei soldati ci guadagnò dimoltoe tutti pari.

E le battaglie combattute da questi piccoli eroi, contro chi erano?

I tell you now. Appena finito il rancio, l’esercito col suo comandante alla testa si rimetteva in marcia, inoltrandosi a passo di carica dentro il bosco. Giunti dinanzi a una grossa quercia, che aveva più di cent’anni, il generale Leoncino schierava le sue truppe in riga di battaglia, e dopo aver caracollato dinanzi a loro, figurando di essere a cavallo, dopo avere colle parole e coi gesti incoraggiati i soldati alla pugna, dava l’ordine di cominciare il fuoco. Allora tutti i soldati, compreso il trombettiere, armati di grossi bastoni principiavano a bastonare furiosamente il tronco della quercia: e nel bollor della mischia si sentiva sempre la voce del generale, che gridava: “Avanti! Courage, marmotte!… Serrate le file!… Alla baionetta!”.

Quando i soldati, stanchi trafelati, non ne potevano proprio più, allora buttavano via i bastoni e la battaglia era finita.

E la quercia?… La povera quercia si lasciava tutti i giorni bastonare, senza mai rivoltarsi, senza mai mandar fuori una mezza parola di lamento: solo di tanto in tanto scoteva malinconicamente i suoi rami coperti di foglie, as if to say:

“Poveri ragazzi! Lasciamoli fare! Hanno così poco giudizio!…”.

 

 

III.

 

One day, per altro, avvenne un caso orribile e spaventoso; ed ecco come andò.

Il piccolo esercito, as usual, si avanzava a marcia forzata dentro il bosco, in cerca del solito nemico. When, tutt’a un tratto, il general Leoncino, che camminava fieramente avanti una ventina di passi, si fermò esterrefatto, e cacciando un grido acutissimo di terrore, si dette a scappare verso casa.

La sua fuga fu così precipitosa e disordinata, che per la strada perse gli sproni di latta e il berretto di generale, col gallone che pareva d’argento.

Che cos’era mai accaduto di strano?…

Quando Leoncino arrivò alla villa, era ansante, boccheggiante e tutto paonazzo in viso come un cocomero troppo maturo.

E per l’appunto la prima persona, in cui s’imbatté, fu lo zio.

Do you know, per caso, lo zio di Leoncino? Lo dovete conoscere di certo, perché chi lo sa quante volte lo avete incontrato per la strada: ma ora forse non ve lo rammentate più.

Figuratevi, therefore, un omone lungo lungo, grosso grosso, con un faccione largo come la luna, e con un nasone tutto pieno di nasini, da parere un grappolo d’uva.

Di nome si chiama Giandomenico: ma tutti nel paese lo conoscono col soprannome di Nasobello.

Vedendolo la prima volta e giudicandolo dalla fisonomia burbera e accigliata, c’è da scambiarlo per un orco, per un tiranno, per un mangia-bambini, e inveceInvece è una bonissima pasta d’uomo, burlone, allegro, di buon’umore, tutt’amore per i figliuoli e tutto premure e attenzioni per il suo nipotino.

Tant’è vero che appena gli capitò davanti Leoncino scalmanato e impaurito a quel modo, il sangue gli fece un gran rimescolone e gridò subito:

“Che cos’è stato? Perché hai il viso così acceso?… Dove sono rimasti i tuoi cugini?…”.

Il ragazzo stintignava a rispondere: pareva quasi che si vergognasse.

“Dunque?…”, insisté lo zio, alzando sempre più la voce.

“Eccodiròuna bestia così brutta…”

“Quale bestia?…”

"I…”

“Come? tu sei una bestia?…”

"I, no: quell’altrache ho trovata nel bosco…”

“Non capisco nulla: ma spiegati, for charity!… Dov’hai lasciato i tuoi cugini?…”

“Fra poco verranno…”

“Eccoci qui! eccoci qui!”, gridarono di fuori cinque voci argentine e squillanti, come tanti campanelli.

E nel tempo stesso entrarono in sala i cinque ragazzi, che si buttavano via dalle matte risate.

Il babbo, che non sapeva il motivo di questo gran buon’umore, disse allora con accento risentito:

“Finitela una volta! Si potrebbe sapere almeno di chi ridete?”.

“Si ride di lui!…” E, accennando Leoncino, dettero in una risata più forte.

“Del nostro coraggioso generale!” E qui una risata più lunga.

“Povero generale, che paura che ha avuta! Diamogli subito un bicchier d’acqua!” E qui una risatona così sguaiata, that never ended.

E Leoncino?…

 

 

IV.

 

Leoncino aveva perduto la voce. Stava ritto in mezzo alla sala, con la testa bassa, col mento conficcato nello stomaco, e di tanto in tanto dava dell’occhiatacce ai suoi compagni, come dire: “Quando saremo fuori di qui, faremo i conti e me la pagherete!…”.

“Dunque, si può sapere che cos’è accaduto?”, domandò il babbo.

“Te lo racconterò io”, disse Raffaello, quello che faceva da cavalleria.

“No: I!”, gridò Gigino, il rappresentante la fanteria.

“Nossignori, tocca a me”, strillò Arnolfo, the trombettiere. “Io sono il più piccino di tutti; dunque ho più diritto degli altri.”

“Lasciate parlare Arnolfo”, disse il babbo, “e zitti tutti!”

Il piccolo trombettiere, non sapendo lì per lì trovar subito la parola per dar principio al suo racconto, cominciò a fare con la bocca mille versi e a gesticolare con le mani: alla fine poi, trovata la parola, prese a dire come seguitando un racconto:

“Sicché dunque, quando il nostro generale ci disse: “Forward!” noi tutti si rispose: “Andiamo!”.

“Andiamo? Ma dove volevate andare?”, domandò il babbo.

“O che non lo sai? S’andava a far la guerra…”

“La guerra contro chi?”

“La guerra contro Cartagine.”

“E chi è questa Cartagine?”

“È una grossa quercia, che rimane a metà del bosco.”

“E perché la chiamate Cartagine?”

“Bella forza! Perché noi siamo i Romani e andiamo sempre a bastonarla.”

“Ora ho capito tutto!”, disse il babbo. “Prosegui pure il racconto.”

“Sicché dunque, quando si fu per i campi, sarebbe toccato a me a camminare avanti, ma siccome Leoncino è un prepotente per la ragione che ha la sciabola dorata e la striscia bianca al berretto, allora mi saltò addosso col dire: “Il Generale sono io, e tu devi venire dietro a me”. Ma questa l’è una riffa; do convieni, dad? Excuse, babbino, te che te ne intendi, quando si fa la guerra, chi è che va avanti, il generale o quello che sona la tromba? Io dico che quello che sona la tromba gli è sempre il primo di tutti… do convieni?… Se no la guerra sarebbe una bella ingiustizia.”

“Via! via! via!”, gridò il babbo. “Non ci perdiamo in tante lungaggini.”

“Mi spiccio in due parole. Sicché dunque, it, as usual, volle andare avanti, e noi tutti dietro a passo di corsa. Quando tutt’a un tratto, che è che non è, il nostro Generale in capo si fermafa due salti indietro, e cacciando un urlo che pareva il fischio del vapore, si mette a scappare. E come scappava!… Se tu avessi visto come scappava!… Ti ricordi, dad, del gatto del nostro ortolano, quando gli si faceva vedere la frusta? Tale e quale.”

“E la cagione di questo spavento?”

“Figurati! Aveva visto fra l’erba una tartaruga!”

 

 

In.

 

Il signor Giandomenico, udito il racconto, sentiva anch’esso una gran voglia di ridere: but instead, atteggiandosi a giudice severo e inesorabile, si voltò verso i suoi figliuoli, gridando in tono di comando militare:

“Soldati! In riga di battaglia!”.

A questo comando, i ragazzi si posero tutti in fila, rimanendo immobili e col loro fucilino di legno appoggiato sulle spalle.

Allora il signor Giandomenico riprese:

“Visto e considerato che un generale d’armata, il quale si mette a fuggire perché ha paura di una tartaruga, non è degno di comandare uno dei primi eserciti d’Europa (i soldati chinarono il capo in segno di ringraziamento) ordiniamo e vogliamo che il generale Leoncino si dimetta subito dal supremo grado che ha tenuto finora e prenda invece gli scevroni di caporale. Il prode Raffaello, comandante di tutta la cavalleria, è incaricato di farsi consegnare da Leoncino la sua spada d’onore.”

Raffaello, senza mettere tempo in mezzo, andò subito in fondo alla stanza: e movendosi di là e camminando un podi trotto e un podi galoppo, si presentò dinanzi al povero Generale, e fece l’atto di chiedergli la spada.

Leoncino non disse una mezza parola: ma seguitava a tentennare il capo, come fanno i chinesi di gesso. At the end, visto che non c’era scampo, cominciò adagio adagio a sfibbiarsi la spada dalla cintola: e sfibbiata che l’ebbe, figurò di consegnarla in mano a Raffaello, ossia al comandante della cavalleria.

Ma invece di consegnargliela, gliela batté sulle dita. E pare che gliela battesse piuttosto forte, perché l’altro si risentì tutto inviperito, e ne nacque un combattimento a corpo a corpo fra la cavalleria e il generale. E chi lo sa come questo combattimento sarebbe finito, se il signor Giandomenico non ci fosse entrato di mezzo con le buone maniere, dando, namely, un bellissimo scappellotto al generale e pigliando per un orecchio la cavalleria. E così persuase i due guerreggianti a sospendere le ostilità e a firmare lì su due piedi un trattato di pace.

E la pace fu firmata.

Ma il povero Leoncino non sapeva rassegnarsi a quest’atto d’umiliazione; e giorno e notte si lambiccava sempre il cervello per trovare il modo di dare qualche splendida prova di coraggio, tanto da riguadagnarsi il grado e la spada di generale. Cerca oggi, cerca domani, finalmente gli parve di vedersi balenare dinanzi agli occhi una bell’idea.

Quella sera andò a letto tutto contento: e prima di addormentarsi diceva dentro di sé: “Domani o doman l’altro sarò generale daccapo… so, guai a RaffaelloPer vendicarmi di lui, ordinerò subito che la Cavalleria debba camminare sempre a piedi!…”.

Eppure è così: i ragazzi vendicativi spesse volte sono anche ridicoli nelle loro vendette!

 

 

WE.

 

Indovinate un po’, boys, quale fu la bellissima idea (dico bellissima, per modo di dire) che balenò alla mente di Leoncino, per dare una gran prova del suo coraggio e per riguadagnarsi il grado di generale?

Fu quella di sfidare i suoi cugini a chi avesse fatto il salto più alto e più pericoloso. Figuratevi che bel giudizio!

“Io”, disse subito Arnolfo, “scommetto di saltare gli ultimi cinque scalini della scala di casa.”

“Bella bravura davvero!”, replicò Leoncino, con una spallucciata di disprezzo. “Quello è un salto che lo farebbe anche una pulce.”

“E io scommetto di saltare dalla finestra del fienile”, disse Raffaello.

“E noi, se vuoi scommettere, facciamo con te a chi salta meglio la gora del mulino”, dissero Gigino e Asdrubale, i due soldati di fanteria.

“Io poi scommetto di saltare una buccia di fico”, disse ridendo Tonino, capitano d’ambulanza e nel tempo stesso ragazzino pacifico e tranquillo, che faceva tutte le sue cose con flemma, senza riscaldarsi mai di nulla; prova ne sia che non s’era nemmeno accorto di quella memorabile scena, in cui il suo Generale in capo, dopo essere stato degradato, aveva dovuto consegnare la sciabola in presenza a tutta la soldatesca.

Quando ognuno dei ragazzi ebbe detta la sua, Leoncino si fece avanti e domandò con aria baldanzosa di sfida:

“Chi di voi si sente il coraggio di saltare giù nell’orto dalla terrazza del primo piano?”.

“Io no davvero: c’è da rompersi una gamba”, rispose uno dei ragazzi.

“Nemmen’io; c’è da spaccarsi la testa”, rispose un altro.

“Della testa me ne importerebbe poco”, soggiunse Arnolfo ma il male gli è che ci sarebbe da strapparsi i calzoni, e per l’appunto oggi ho i calzoncini nuovi!”

Leoncino sorrise allora d’un risolino maligno e canzonatore e dopo aver dato un’occhiata di compassione asuoi cugini, disse con aria di smargiasso:

“Dunque voialtri quel salto non avete il coraggio di farlo? Eppure io lo farò, e quando l’avrò fatto, vedremo se continuerete a mettermi in ridicolo… and then, because? perché l’altro giorno all’improvviso ebbi paura di una tartaruga. Dicerto, gua’, se avessi saputo che era una tartaruga, non sarei scappato.”

“O per chi l’avevi presa?”, domandò Arnolfo ridendo. “L’avevi forse presa per un elefante?…”

“Non dico un elefante… however, quella brutta bestia, a vederla lì fra l’erba, mi fece una certa impressioneun certo non so cheMa questo, we are just, non vuol dire che in quel momento non avessi coraggio…”

“Tutt’altro” replicò Arnolfo col solito risolino “vuol dire solamente che avesti paura!…”

“Paura io? to your rule, a coraggio, vi rivendo quanti siete.”

“Canta, canta, canarino!”

“Arnolfo, non offendere!”

“Io non t’ho offeso.”

“Mi hai detto canarino.”

“Canarino non è un’offesa: canarino gli è un uccellino con le penne gialle.”

“Ma io le penne gialle non ce l’ho!”, gridò Leoncino, iscaldandosi.

“Se non le hai, le potresti avere.”

A quest’ultima uscita di Arnolfo, tutti i suoi fratelli dettero in un solennissimo scoppio di risa.

 

 

VII.

 

Allora Leoncino, lasciandosi vincere dalla bizza, fece l’atto di volersi avventare contro il suo piccolo avversario: ma Raffaello, svelto come uno scoiattolo, lo abbracciò subito a mezza vita, e tenendolo fermo, cominciò a dirgli con una certa cantilena burlesca:

“La si calmi, sor Generale, via, la si calmi! La sia bonino!”.

E tutti gli altri ragazzi a ripetere in coro con la medesima cantilena:

“La si calmi, sor Generale, la si calmi! La sia bonino!…”.

E lì tanto dissero e tanto fecero che Leoncino, dimenticandosi tutta la bizza che aveva addosso, cominciò a ridere anche lui.

Then, voltandosi verso Arnolfo, he asked:

“Mi dici perché te la prendi sempre con me?”.

“Io me la prendo con te? No way. And then, anche se me la prendessi con te, credilo, ci sarebbe la sua brava ragione.”

"Why?”

"Why, volere o volare, fosti tu che mi mangiasti la colazione quella mattina che feci da sentinella avanzata. E me ne ricorderò sempre!… ma oramai t’ho bell’e perdonato e non ci penso più. Però tutte le volte che quella colazione mi torna in mente, sento sempre una certa vogliolinao come chi dicesse, una tentazione di ricattarmima oramai ti ho bell’e perdonato e non ci penso più! E per l’appunto, che fame avevo quel giorno! Una fame da lupi!… Abbi pazienza, Leoncino, se te lo dico: ma quella celia fu una gran brutta celia e me la rammenterò sempre fin che campoMeno male che oramai t’ho bell’e perdonato e non ci penso più!…”

"That's enough, enough!” interruppe Raffaello, che cominciava ad annoiarsi. “Andiamo piuttosto a vedere questo gran salto dalla terrazza?”

“Sì, yes, vogliamo il salto, vogliamo il salto!” gridarono tutti.

Leoncino, to tell the truth, se ne sarebbe tirato indietro volentieri; ma dopo essersi vantato tanto, non poteva più scansare la prova. Il suo amor proprio non gliel’avrebbe permesso!!! Perché bisogna sapere che c’è un amor proprio anche per i ragazzi: molte volte è un amor proprio falso, un amor proprio grullo e malinteso (come nel caso di Leoncino che, per amor proprio, si metteva al rischio di rompersi il collo); ma i ragazzi hanno avuto sempre il brutto vizio di voler ragionare su tutte le cose a modo loro, e questa è stata sempre una gran disgrazia per loro e per le loro famiglie.

 

 

VIII.

 

Leoncino esitò un minutodue minuti… then, made a determined mood, si mosse per andare sulla terrazza: non era per altro entrato nell’uscio di casa, che si trovò davanti lo zio Giandomenico, il quale domandò a lui e a quell’altre birbe:

“Dove andate con tanta fretta?”.

“Si va su in terrazza.”

“In terrazza? A far che cosa?”

“A… a… a prendere una boccata d’aria.”

“Non è vero, sai, dad!”, disse subito Arnolfo, “non si va a prendere una boccata d’aria: ma si va in terrazza, perché Leoncino, per far vedere che ha più coraggio di noi, ha scommesso di montare sul parapetto della terrazza e di saltare giù nell’orto.”

“È proprio vero che hai fatto questa scommessa?” disse allora lo zio, rivolgendosi al nipote. “Tu dunque credi che il coraggio, il vero coraggio, consista nell’affrontare senza alcun bisogno, i più grandi pericoli? nel saltare per semplice passatempo dai primi piani? nel montar ritti sulla soglia delle finestre? nel camminare in cima ai tetti? nel correre all’impazzata sulle spallette dei fiumi? nell’arrampicarsi in vetta agli alberi? nell’andare a bagnarsi dove l’acqua è più alta, senza saper nuotare?… Not, carino mio, no: queste non son prove di coraggio: queste sono temerità imperdonabili, queste sono bravure da matti, che provano solamente la grande spensieratezza e il pochissimo giudizio di voialtri ragazzi!”

A questa parlantina fatta cofiocchi, il povero Leoncino restò così confuso, che non trovava il verso né di rispondere, né di guardare in faccia lo zio.

Meanwhile, tutto afflitto e mortificato, andava pensando dentro di sé:

E io che speravo di aver trovato il modo di riguadagnarmi il grado di comandante!… mentre è proprio un miracolo se oggi non ho perduto anche gli scevroni di caporale!…”.

Ma non si dette per vinto! Rather, il giorno dopo, ricominciò a stillarsi il cervello per trovare qualche nuovo ammennicolo, che valesse a dare una prova di quel coraggio, che egli non aveva, ma che avrebbe voluto avere.

Ora bisogna sapere che, dall’oggi al domani, era capitata appunto nei dintorni di quella campagna una grossa volpe.

Questa famelica bestia, spavento e flagello di tutti i pollai, non solo mangiava i galli, le chiocce, le pollastre e le galline vecchie, but, occorrendo, divorava allegramente anche i pulcini e i galletti di primo canto, senza nessun riguardo alla loro tenera età.

 

 

IX.

 

Sentendo parlar tanto di quella volpe, Leoncino domandò al guardaboschi dello zio:

"Tell me, Tonio, come sono grosse le volpi?”.

“Le volpi” rispose il guardaboschi “somigliano molto ai cani; con questa differenza, che hanno la coda assai più grossa, un codone che pare una spazzola. Non le ha mai vedute, law, le volpi?”

“Mai.”

“Vuol vederne una?”

“Una volpe viva?…”

“No, morta. La trovai cinque anni fa nel bosco, l’ammazzai con una schioppettata, e poi la volli impagliareossia, riempire da me: ma non lo dico per vantazione, l’è impagliata così bene, che c’è da scambiarla per una volpe viva. Se lei vuol vederla, venga a casa mia e potrà levarsi questa curiosità.”

“Quando posso venire?”

“Anche domattina.”

“A che ora?”

“Di prima levata, avanti che io vada al bosco.”

Leoncino non intese a sordo. La mattina dopo si alzò di bonissim’ora e senza dir nulla ai suoi cugini, che erano sempre a letto, andò difilato a casa del guardaboschi.

Quando fu là, l’amico Tonio lo condusse in una stanzuccia terrena che serviva per le legna: e in un angolo di questo bugigattolo c’era una bella volpe accovacciata con la testa alta e minacciosa, con gli occhi di vetro, che parevano vivi e veri, e con la bocca aperta in atto di ringhiare e di mostrare rabbiosamente i denti.

Alla vista di quella volpe, Leoncino ebbe, as who should say,, una specie d’ispirazione improvvisae voltandosi al guardaboschi, said:

“Come è bella! Me la vuoi vendere?”.

“Vendere? Che le pare! Piuttosto gliela regalo.”

"Really?”

“E gliela regalo volentieri: tanto più che starà meglio in casa di lor signori, che in questa stanzuccia umida e senza luce, dove c’è il caso che, una volta o l’altra, me la mangino i topi.”

“Dunque la posso prendere?”

“La prenda pure: ma che la vuole portare da sé alla villa?”

“Sicuro che la voglio portare da me. La villa dello zio è così vicina!”

“Guà: faccia lei.”

Leoncino, con l’aiuto del guardaboschi, si caricò sulle spalle la volpe, ripeté i suoi ringraziamenti, e se ne andò.

 

 

X.

 

Intanto i cinque cugini, appena alzati da letto, domandarono subito di Leoncino: ma Leoncino non c’era.

Aspettarono un quarto d’ora, mezz’ora, un’ora, e Leoncino non tornava: e già cominciavano a mettersi in pensiero, quand’ecco che finalmente Leoncino tornò.

“Dove sei stato finora?”, gli domandarono tutti insieme.

“Sono andato a fare un giro per questi dintorni; e sapete perché? Per vedere se avevo la fortuna d’incontrare la volpe.”

“La volpe non c’è più: è sparita da un pezzo”, disse Raffaello.

“Come lo sai?”

“Sono cinque giorni che non s’è fatta più rivedere, e tutte le galline hanno già ripreso a dormire i loro sonni tranquilli.”

“E se la incontravi davvero?”, disse Arnolfo.

“Se la incontravo? Tanto peggio per lei. Che avete paura, voialtri, della volpe?”

“Noi, yes: dopo che abbiamo visto quelle povere galline sbranate e poi lasciate per i campi…”

“A me poi”, disse Leoncino, “la volpe non mi fa paura.”

“Guarda un poquanto coraggio hai messo fuori tutt’a un tratto: o chi te l’ha prestato?”, disse Arnolfo ridendo.

“Arnolfo, non ricominciare!… not, ci guastiamo davvero. Dunque si va o non si va?”

“Dove?”

“A far la nostra passeggiata militare e il solito rancio.”

“Eccoci pronti!”

“Però, come vostro caporale, voglio che oggi il rancio si debba fare lì, al principio del bosco, dov’è quella foltissima macchia, che si chiamaaiutatemi a dirlo.”

“La macchia di Tentennino”, urlarono i cinque ragazzi.

“Bravi! la macchia di Tentennino. Dunque sacco in spalla, e via!”

Dopo venti minuti di marcia forzata, erano già arrivati in vicinanza della macchia: quando, tutt’a un tratto, il caporal Leoncino, fermandosi e voltandosi ai soldati, gridò loro con voce sommessa:

“Alto! e fermi tutti!…”

“Che cos’è stato?…”

“Guardate là, fra le frasche della macchia! non lo vedete quel brutto muso, che sbuca fuori?”

“Altro se lo vediamo! Quella è una volpe!…”

“È una volpe davvero!…”

“Per me, torno subito indietro”, disse Arnolfo impaurito.

“Anche noi, anche noi!”, dissero gli altri fratelli.

“Dunque avete paura?…”, gridò Leoncino. “Marmotte! tornate pure indietro, ma io vado avanti!”

“Leoncino, also’ retta a noi, torna indietro anche tu”, dicevano i ragazzi, raccomandandosi e allontanandosi a passo di carica.

 

 

XI.

 

Quando furono alla distanza di quattrocento metri si voltarono a guardare, e videro Leoncino, presso la macchia, che tirava bastonate a destra e sinistra, urlando come un tacchino spaventato.

Questa lotta disperata durò un buon quarto d’ora. Alla fine il valoroso caporale, appoggiatosi il bastone sulla spalla a uso fucile, tutto glorioso e trionfante tornò indietro a raggiungere i suoi compagni, i quali gli si affollarono subito dintorno, ansiosi di domandargli:

“Dunque? Come è andata a finire?”.

“Bene.”

“Ti ha graffiato? ti ha morso?”

“Si è provata due volte a prendermi il bastone coi denti per inghiottirlo.”

“L’hai ammazzata?”

“Mi è fuggita sul più belloma è fuggita in uno stato da far pietàse campa fino a domani è un miracolo.”

A questo racconto, i cinque ragazzi si erano tanto riscaldati, che non potendo più frenare il loro entusiasmo, saltarono al collo del cugino, lo abbracciarono, gli strinsero la mano, gli fecero mille carezze, Arnolfo volle dargli perfino un gran bacio.

Arrivati a casa, come è facile immaginarselo, andarono di corsa dal babbo per raccontargli la gran prova di coraggio che aveva dato Leoncino, combattendo a corpo a corpo con una terribile volpe che pareva un leone.

Leoncino, sentendo tutte queste lodi, non capiva più nella pelle dalla consolazione: e già si figurava di aver riconquistato il titolo di generale, la sciabola coll’impugnatura dorata, le spalline color dello zafferano e il berretto con quella striscia bianca, che luccicava come un gallone d’argento.

Quand’ecco che sul più bello entrò in sala la serva, annunziando che c’era Tonio, il guardaboschi, il quale desiderava di vedere il signor Leoncino.

“Fatelo passar qui” disse lo zio Giandomenico.

E di fatti il guardaboschi si presentò, tenendo il suo cappello in mano e portando sulla spalla una volpe impagliata, piena di ammaccature e ridotta in cattivissimo stato.

“Che cosa vuoi, Michele?”, domandò lo zio.

“Dirò, padrone lustrissimo: stamani ho regalato questa volpe al sor Leoncino, che l’ha presa col dire che l’avrebbe portata alla villama viceversa poi, l’ho ritrovata per caso nascosta nella macchia di Tentennino…”

“Dove?”, gridarono i ragazzi a una voce. “Nella macchia di Tentennino?…”

And in saying so, si scambiarono fra loro un’occhiata sbarazzina e maligna, che tradotta in lingua parlata voleva dire: “Ora abbiamo capito tutto!…”.

Il povero caporal Leoncino, vedendosi oramai scoperto, diventò di tutti i colori, come i segnali delle strade ferrate.

“E guardi, padron lustrissimo”, continuò il guardaboschi, “come me l’hanno conciata questa povera bestia!… Se sapessi chi s’è preso il divertimento di bastonarla a questo modo, pover’a lui!…”

Leoncino, che aveva le lacrime in pelle in pelle, uscì di corsa dalla stanza e andò a rinchiudersi in camera.

Venuta la sera, disse allo zio che voleva tornarsene subito a casa sua, dal suo babbo e dalla sua mamma. Lo zio Giandomenico si provò a sconsigliarlo e a farlo restare ancora per qualche giorno: ma non ci fu verso.

Mentre era sul punto di salire in tranvai, i suoi cugini (sempre un pomonelli), lo baciarono e gli dissero addio: ma intanto gli bisbigliarono in un orecchio:

“Continua a combattere con le volpi impagliate: ma ricordati qualche volta il proverbio che dice: “Chi non ha coraggio, non vada alla guerra””.

 

 

 

L’avvocatino difensore

dei ragazzi svogliati e senza amor proprio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il suo nome era Tommaso: but, in casa e fuori di casa, lo chiamavano Masino.

Masino aveva tutti i difetti, che può avere un giovinetto della sua età, fra gli undici e i dodici anni: disubbidiente, goloso, pigro, dormiglione, nemico dell’acqua per lavarsi le mani e il viso, coperto di frittelle e di strappi in tutti i vestiti che portava addosso, spacciatore di bugie all’ingrosso e al minuto, ciarliero, impertinente, rispondiero e avversario implacabile dei libri e della scuola.

La mamma lo sgridava: il babbo lo rimproverava: il maestro lo puniva, i compagni di scuola lo canzonavano della sua buaggine; ma il nostro Masino non se ne faceva né in qua, né in là.

“Quando avranno detto ben bene, si cheteranno!” E con queste parole, accompagnate da una spallucciata o da una scrollatina di capo, rimetteva l’animo in pace.

One day, per altro, si ficcò in testa di essere perseguitato ingiustamente, e tenne fra sé e sé questo curioso ragionamento:

Tutti mi sgridanotutti l’hanno con me!… And the reason? Alla fin deconti, io faccio quel che debbono fare tutti i ragazzi. La colpa, therefore, non è mia. La colpa è della mamma, la quale non si cheta mai; la colpa è del babbo, che urla semprela colpa è del maestro, che ha bisogno di farmi scomparire tutti i giorni dinanzi amiei compagni di scuola. Oh che bella cosa se i babbi e le mamme qualche volta si correggessero della loro smania di brontolare!… Oh! che bella cosa se i maestri si persuadessero che dai ragazzi si può pretendere tutt’al più che vadano a scuolaMa pretendere che vadano a scuola e che studino, mi pare una bella esigenza! Due cose a un tempo, chi è che possa farle?”.

Batti oggi e batti domani con questi ragionamenti, Masino ebbe finalmente una bellissima idea, e disse tutto contento:

“Se mi facessi il difensore dei ragazzi come me? Se scrivessi un libro per dare una buona lezione ai babbi e alle mamme, e per correggere questi signori maestri, che sono peggio di tutti? Io non ho mai imparato a scrivere, ma ho sempre sentito dire che si scrive come si parla. Io parlo bene, dunque debbo sapere scrivere!… E pensare che il babbo e la mamma si ostinano a mandarmi a scuola! Just a moment: e che cosa potrei scrivere? una Commedia col titolo I brontoloni?… Per la commedia, non toccherebbe a me a dirlo, ci ho avuto sempre molta vocazione. Anche la mamma, quando invento qualche bugia, dice sempre che somiglio al Bugiardo di Goldoni. Therefore, se somiglio al Goldoni, vuol dire che le commedie le so fare anch’io. And then, quando ho fatto la Commedia, chi me la recita? E se per disgrazia me la fischiano? E il caso c’è, perché i babbi e le mamme, con la scusa di condurre noialtri ragazzi al teatro, vanno sempre alla commedia e alla farsa: e loro mi fischierebbero dicerto. O non sarebbe più liscia se scrivessi invece un bel raccontino, da mettersi sui giornali? Così mi salverei dal pericolo dei fischi, e se mi scappasse qualche sproposito, nessuno ci guarderebbe, perché il babbo dice sempre che i giornali sono pieni di spropositi e di notizie false. Yes, yes, voglio provarmi e subito”.

No sooner said than done, il nostro Masino, si chiuse in camera: e presa la penna e un foglio di carta, cominciò il suo racconto con questo titolo:

 

UN RAGAZZINO MODELLO

ossia una buona lezione per i genitori

e per i maestri di scuola.

 

Poi seguitò così:

Masino era il più buon figliolo di questo mondo. Il suo babbo e la sua mamma lo sgridavano sempre, e lui li lasciava sgridare: il suo maestro, per cavarsi il gusto di punirlo, gli levava la colazione, e lui per prudenza faceva colazione prima di andare a scuola.

Ma venne finalmente un giorno, in cui i suoi genitori e il suo maestro si accorsero d’avere un gran torto a fargli sempre derimproveri, e allora le cose andarono di bene in meglio.

Quando Masino qualche volta si dimenticava di lavarsi le mani e il viso, la sua mamma, invece di sgridarlo, cominciò a dirgli:

“Bravo Masino! Vedo che non ti sei lavato né il viso né le mani, e hai fatto bene. Coll’acqua, bambino mio, non bisogna pigliarsi mai confidenza. È così facile beccar delle infreddature e dei mal di petto!… The stop as, ti sei alzato ora dal letto, not true?”

_“Sì, mamma.”

“Sai che ore sono? sono le nove: e tu alle otto avresti dovuto andare a scuola…”

“Che vuoi? Avevo sonno, e dormivo così bene!…”

“Capisco, poverino! Il proverbio dice che chi dorme non piglia pesci, ma tu, carino mio, non devi fare il pescatore: therefore, se ti fa piacere, puoi dormire fino a mezzogiorno. E la lezione l’hai fatta?…”

“La volevo fare, ma poi me ne sono scordato…”

“Tale e quale come me! Anch’io volevo andare dalla mia sorella, e poi me ne sono scordata. Si vede proprio che sei figliolo della tua mamma. E per colazione che cosa prenderesti?”

“Prenderò il solito Caffè e Latte…”

“Ma rammentati, carino mio, di metterci dentro dimolto ma dimolto zucchero. Lo zucchero si compra apposta per finirlo subito, not, va a male.”

“E c’inzupperò due fettine di pane.”

“No, My angel, ci devi inzuppare due semelli, e bene imburrati, perché il burro fa bene alla gola e aiuta la digestione. E a scuola ci vuoi andare oggi?”

“Senti, mamma, non ci anderei…”

“È appunto quello che volevo dirti io. Per andare a scuola c’è sempre tempo. Sai piuttosto che cosa farei, se fossi in te? Anderei a giocare a palla fino a mezzogiorno: poi tornerei a casa a fare uno spuntino con una bella fetta di rosbiffe, un piatto di maccheroni con sopra due dita di cacio parmigiano, e una bella torta ripiena di panna montata. E se dopo lo spuntino, vorrai studiare un pola lezione…”

“Ecco, mamma, se invece di studiar la lezione, andassi a giocare a trottola nei viali delle Cascine?”

"Very well! Si vede proprio che sei un ragazzino pieno di giudizio. La trottola, alla tua età, è molto più utile della Geografia e della Storia. Che bisogno c’è di studiare la Storia quando tutto il mondo è pieno di storie? Therefore, addio carino: io scappo a fare una visita alla mia sorella, e tu cerca di divertirti più che puoi, e non studiar tanto!… (tornando indietro) I recommend: non studiar tanto! (tornando indietro una seconda volta) Non studiar tanto, perché a studiare c’è sempre tempo!…”

 

 

Fra babbo e figliolo

 

Masino, a few days later, andò in camera a cercare il suo babbo (il quale si era corretto del bruttissimo vizio di brontolare) and said,:

“Sai, dad, che cosa mi ha fatto il maestro?”.

“Che ti ha fatto?”

“Con la scusa che ho sbagliato a rispondere nell’Aritmetica, mi ha messo in penitenza…”

“Ma queste son cose orribili!… Lo racconterò ai carabinieri!…”

“Senti, dad; io non voglio più andare a scuola.”

“Io farei come te. A che serve la scuola? La scuola non è altro che un supplizio inventato apposta per tormentare voialtri poveri ragazzi.”

“Capisci? Mettermi in penitenza perché l’Aritmetica non vuole entrarmi nella testa! Staa vedere che un libero cittadino non è padrone di non saper l’abbaco? Perché anch’io sono un libero cittadino, do convieni, dad?”

“Sicuro che ne convengo.”

“Il mio maestro è un buon omo: ma è un omo piccoso. Imagine! pretenderebbe che i suoi scolari dovessero studiare!…”

“Pretensioni ridicole! Se viene a dirlo a me, non dubitare che lo servo io.”

“Dovresti andare a trovarlo!”

“Vi anderò sicuro: e gli dirò che i maestri possono pretendere che i loro scolari sappiano la lezionema obbligarli a studiare, no, no, mille volte no.”

“La volontà è libera, do convieni, dad?”

“Sicuro che ne convengo, e quando un ragazzo dice: “Io non voglio studiarenessuno può costringerlo.”

“Figurati! Pretenderebbe che, durante la lezione, i suoi scolari stessero tutti zitti! Com’è possibile di stare zitti quando si sente la voglia di parlare?”

“Hai mille ragioni! Che forse la parola venne data all’uomo, perché a scuola stesse zitto? Leave it to me: domani vado a trovarlo, e gli dirò il fatto mio.”

 

 

A scuola

 

E il babbo andò davvero a trovare il maestro, e gli fece una bella lavata di capo, da ricordarsene per un pezzo: tant’è vero che quando Masino tornò a scuola, il maestro gli si fece incontro tutto mortificato, e tenendo il berretto in mano, said:

"Sorry, sai, Masino, se l’altro giorno ti messi in penitenza. Fu uno sbaglio, perdonami: tutti si può sbagliare in questo mondo. Che cosa avevi fatto, povero figliuolo, da meritarti quel gastigo? Non avevi imparato la lezioneMa è forse questa una mancanza? Che forse gli scolari hanno l’obbligo di saper la lezione? Non ci mancherebb’altro! Mind, via, perdonami e non se ne parli più! Fammi intanto vedere i tuoi quinterni! Fine! Sono tutti coperti di scarabocchi! Gli scarabocchi sui quinterni provano che lo scolaro è un ragazzino pulito e che studia bene. Ti darò sette meriti per gli scarabocchi. I ragazzi di buona volontà, come te, vanno sempre incoraggiati. Vediamo ora i tuoi libri. Arcibenissimo! Questi libri tutti strappati e sbrindellati, sono una bella prova che sai tenerne di conto. La prima cosa che deve fare uno scolaro perbene e veramente studioso, è quella di sciupare i libri di scuola. Ti darò cinque meriti per i libri sciupati. Se domani poi, venendo a scuola, ne perderai qualcuno per la strada, ti aggiungerò altri cinque meriti, perché la cosa possa servir d’esempio atuoi compagni. E questa macchia, che hai qui sul davanti della camicia, come mai te la sei fatta?”.

“Me la son fatta stamani, nel leccare lo zucchero in fondo alla chicchera.”

“È una macchia che ti torna benissimo a viso. Io ho avuto sempre a noia gli scolari con la camicia pulita. Gli scolari mi piacciono, come te, tutti coperti di macchie e di frittelle. Ti darò sei meriti per quella bella macchia di caffè e latte. Ne meriterebbe di più, ma per oggi tiriamo via. Tell me, Masino: hai studiato la lezione di Grammatica?”

“Sissignore.”

"Tell me, therefore, quante lettere ci vogliono per formare una sillaba?”

“Così, suddenly, non saprei dirlo…”

"Very well. Me lo dirai un’altra volta. E l’Abbaco l’hai studiato?”

“Sissignore.”

“Che cosa rappresenta una crocellina così + posta fra due numeri?”

“Eccodiròche rappresenta una croce…”

“Oggi non sei in vena a rispondere. Mi risponderai un’altra volta. E la Geografia l’hai imparata?”

“Sissignore.”

“Sentiamola. In quante parti si divide comunemente l’Italia?”

“In quattro parti: Italia di sopra, Italia di sotto, Italia nel mezzo, e Italia…”

“Italia come?…”

“Italiada una parte.”

“Non è precisamente così, ma mi risponderai meglio un’altra volta. Eccoti intanto dieci meriti per la franchezza, con la quale hai risposto a tutte le mie domande.”

Agli esami della fin dell’anno, il bravo Masino si fece moltissimo onore, e il suo babbo e la sua mamma gli regalarono venti pasticcini e un panforte di Siena.

 

 

La morale della Favola

 

L’autore offrì questo suo Racconto a parecchi giornali, ma nessuno volle accettarlo. I più benigni si contentarono di ridergli in faccia. Allora il nostro amico si consolò dicendo:

“Peccato che nessuno abbia voluto pubblicarmi questo Racconto! Che bella lezione sarebbe stata per i genitori brontoloni e per i maestri tiranni!… Ma oramai ci vuol pazienza! e i ragazzi, con la scusa di farli studiare, si troveranno sempre perseguitati!…”.

 

 

 

When I was a boy!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mille anni fa, anch’io ero un ragazzetto, come voi, miei cari e piccoli lettori: anch’io avevo, su per giù, la medesima vostra età, vale a dire fra gli undici e i dodici anni.

E com’è naturale, dovevo ancor’io andare tutti i giorni alla scuola, salvo il giovedì e la domenica. Ma i giovedì, nel corso dell’anno, erano così pochi!… Appena uno per settimana! E le domeniche?… Le domeniche era grazia di Dio, se ritornavano una volta ogni otto giorni.

Anch’io andavo a scuola: ma non saprei dirvi se la mia scuola fosse elementare, o ginnasiale, o liceale, perché mille anni fa, ossia amiei tempi, la scuola si chiamava semplicemente scuola, e quando noi altri ragazzi si diceva scuola, s’intendeva parlare di una stanza piuttosto grande e quasi pulita, nella quale eravamo costretti a passare circa sei ore della giornata, e dove qualche volta s’imparava anche a leggere, a scrivere e a far di conto.

La scuola, alla quale andavo io, era una bella sala di forma bislunga, rischiarata da due finestre laterali, e con un gran finestrone nella parete di fondo, il quale stava sempre chiuso, rimanendo nascosto dietro una grossa tenda di colore verdone-cupo.

Presso le due pareti, a destra e a sinistra della cattedra del maestro, ricorrevano due lunghissimi banchi per gli scolari.

Gli scolari seduti a destra si chiamavano Romani, e quelli a sinistra, avevano il soprannome giocoso di Cartaginesi.

Tanto gli uni che gli altri erano capitanati da un imperatore: e per la dignità dImperatore si capisce bene che venivano scelti i due scolari, che nel corso del mese avevano ottenuto un maggior numero di meriti, sia per buoni portamenti, sia per lodevole prova fatta nelle lezioni giornaliere.

 

One time, me lo rammento sempre, il posto dImperatore dei Romani, toccò anche a me: ma fu una gloria passeggera. Dopo due ore appena di regno, per una delle mie solite birichinate, il maestro mi fece scendere dal seggio imperiale, e fui riconfinato in fondo alla panca. And yet, sia detto per la verità, ebbi tanta forza da sopravvivere a quella sciagura, e in pochi minuti seppi darmene quasi pace. Si vede proprio che, fin da ragazzo, io non ero nato per far l’imperatore.

E ora indovinate un po’, in tutta la scuola, chi fosse lo scolaro più svogliato, più irrequieto e più impertinente?

Se non lo sapete, ve lo dirò io in un orecchio: ma fatemi il piacere di non starlo a ridire ai vostri babbi e alle vostre mamme.

Lo scolaro più irrequieto e impertinente ero io. Non passava giorno che non si sentisse qualche voce gridare:

“Signor maestro, che fa smettere Collodi?”.

“Che cosa fa Collodi?”

“Mangia le ciliegie, e poi mi mette tutti i nòccioli nelle tasche del vestito.”

Allora il maestro scendeva dal suo seggio: mi faceva sentire il sapore acerbo delle sue mani secche e durissime, come se fossero di bossolo, e mi ordinava di cambiar posto.

Dopo un’ora che avevo cambiato posto, ecco un’altra voce che gridava:

“Signor maestro, che fa smettere Collodi?”.

“Che cosa ti fa Collodi?”

“Acchiappa le mosche e poi me le fa volare dentro gli orecchi.”

Allora il maestro, dopo avermi dato un altro saggio della magrezza e della durezza delle sue mani, mi faceva mutar posto daccapo.

Fatto sta che a furia di mutar posto tutti i giorni, sulla panca dei Romani non c’era più un romano che volesse accettarmi per suo vicino.

Fui mandato, per ultimo ripiego, fra i Cartaginesi: e mi trovai accanto al più buon figliolo di questo mondo, un certo Silvano, grasso come un cappone sotto le feste di Natale, il quale studiava poco, questo è vero, ma dormiva moltissimo, confessando da se stesso che dormiva più volentieri sulle panche di scuola che sulle materasse del letto.

Un giorno Silvano venne a scuola con un paio di calzoni nuovi di tela bianca. Appena me ne accorsi, la prima idea che mi balenò alla mente fu quella di dipingergli sui calzoni un bellissimo quadretto, a tocco in penna. Tant’è vero che quando l’amico, according to his custom, si fu appisolato coi gomiti appoggiati al banco e con la testa fra le mani, I, senza mettere tempo in mezzo, inzuppai ben bene la penna nel calamaio, e sul gambale davanti gli disegnai un bel cavallo, col suo bravo cavaliere sopra. E il cavallo lo feci con la bocca aperta in atto di mangiare dei grossi pesci, perché così si potesse capire che questo capolavoro era stato fatto di venerdì, giorno in cui generalmente tutti mangiano di magro.

Confesso la verità: ero contento di me. Più guardavo quel mio bozzetto, e più mi pareva di aver fatto una gran bella cosa.

So, however, non parve al mio amico Silvano: which, svegliandosi dal suo pisolino e trovandosi sui calzoni bianchi dipinto con l’inchiostro un soldato e un cavallo che mangiava i pesci, cominciò a piangere e a strillare con urli così acuti, da far credere che qualcuno gli avesse strappato una ciocca di capelli.

“Che cosa ti hanno fatto?” gridò il maestro, rizzandosi in piedi e aggiustandosi gli occhiali sul naso.

 

“Ih!… ih!… ih!… Quel cattivaccio di Collodi mi ha dipinto tutti i calzoni bianchi!…” E dicendo così, alzò in aria la gamba, mostrando il disegno fatto da me con tanta pazienza e, oserei dire, con tanta bravura.

Tutti risero, ma il maestro disgraziatamente non rise. Rather, invece di ridere, scese giù dal suo banco, tutto infuriato come una folata di vento; e senza perdersi in rimproveri e parlantine inutili… Enough! per un certo sentimento di pudor naturale, rinunzio a descrivervi i diversi argomenti maneschi, che egli pose in opera per farmi guarire dalla strana passione di dipingere i calzoni demiei compagni.

 

Moreover, finita la scuola, il povero Silvano non voleva a nessun costo tornare a casa, vergognandosi a farsi vedere in mezzo alla strada con quella pittura, a tocco in penna, sulla gamba sinistra. Allora che cosa immaginai? Tanto per abbonirlo, gli appuntai sul davanti un foglio di carta bianca: il qual foglio, scendendogli giù fino al ginocchio, a guisa di grembiule, nascondeva agli sguardi indiscreti del pubblico e dei ragazzacci di strada il mio bellissimo capolavoro.

 

Il giorno dopo fu per me una giornata nera, indimenticabile.

Appena entrato nella scuola, il maestro, con un cipiglio da far paura, he told me, accennandomi un banco solitario in fondo alla scuola:

“Prendi i tuoi libri e i tuoi quaderni, e vaa sederti laggiù! Così ti troverai sempre solo e isolato da tuttie così pagherai caro il bruttissimo vizio di molestare i compagni, che hanno la disgrazia di starti vicini”.

Mogio, mogio, come un pulcino bagnato, chinai il capo e ubbidii.

Per il primo e il secondo giorno tollerai con rassegnazione la mia solitudine: ma il terzo giorno non ne potevo più: proprio non ne potevo più. I compagni mi guardavano e ridevano: mi pareva di essere in berlina.

Dietro le mie spalle, come sapete, rimaneva un gran finestrone sempre chiuso e sempre coperto da una tenda di grossissima tela verdone-cupo. In un momento di gran noia e mentre cercavo qualche passatempo per divagarmi, ecco che mi venne fatto di accorgermi che in quella tenda e precisamente all’altezza del mio capo, c’era un piccolissimo bucolino. Appena visto quel bucolino, il mio primo pensiero fu quello di allargarlo un poco per giorno, e di allargarlo fino al punto, da poterci passar dentro con tutta la testa.

Questo lavoro durò quasi una settimana, perché la tela della tenda era molto ruvida e resistente.

At the end, quando il bucolino diventò una buca, feci subito segno ai miei compagni di scuola di stare attenti, perché avrebbero visto un magnifico spettacolo. No sooner said than done, approfittando di quel momento che il maestro stava rileggendo i nostri componimenti, entrai dietro la tenda e cominciai a lavorare col capo. La buca era grande: ma il mio capo era più grande, e non ci voleva entrare: I, however, pigiai tanto e poi tanto, che finalmente il capo c’entrò.

Figuratevi la risata sonora che scoppiò in tutta la scuola, quando la mia testa fu vista campeggiare in mezzo a quella tenda verdona, come se qualcuno ce l’avesse attaccata con quattro spilli. Ma il maestro, al solito, non volle ridere: e invece, movendosi dal suo banco, venne verso di me in atto minaccioso. I, as is natural, mi provai subito a levare il capo dalla tenda: ma il capo, che c’era entrato forzatamente, non voleva più uscire.

La mia paura in quel punto fu tale e tanta, che cominciai a piangere come un bambino.

Allora il maestro si voltò agli scolari, e in tono canzonatorio disse loro:

“Lo vedete là, il vostro amico Collodi, tanto buono, tanto studioso, tanto garbato co’ his classmates? Non vedete, poverino, come piange? Movetevi dunque a compassione di lui: alzatevi dalle vostre panche e andate a rasciugargli le lacrime!”.

Vi lascio immaginare se quelle birbe se lo fecero dire due volte! Ridendo e schiamazzando, si schierarono in fila a uso processione: e passando a due per due dinanzi a me, mi strofinarono tutti il loro fazzoletto sul viso! E pensare che fra quei fazzoletti da naso, ve n’erano parecchi che non avevano mai visto in faccia né la lavandaia né la stiratora. Meno male che, a quell’età, tutti i nasi son fratelli fra loro!

La lezione fu acerba, ma salutare. Da quel giorno in poi mi persuasi che a fare i molesti e gl’impertinenti, si finisce nelle scuole per perdere la benevolenza del maestro e la simpatia dei nostri compagni. Diventai un buon figliuolo anch’io: rispettavo gli altri, e gli altri rispettavano me: e dopo un mese di lodevoli portamenti, fui nominato daccapo Imperatore dei Romani. I romani, però della mia scuola, invece di darmi il titolo di Maestà, continuarono sempre a chiamarmi col modestissimo nome di Collodi.

 

 

 

Una mascherata di Carnevale

ie the subterfuge

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I.

 

Ogni volta che Cesarino andava o tornava dalla scuola, aveva preso il vizio di fermarsi a tutte le cantonate per leggere i cartelli dei teatri.

Questa era la sua grande passione.

E se per caso i cartelli annunziavano qualche commedia tutta da ridere, allora Cesarino cominciava subito a spappolarsi dalle risa, tale e quale come se si fosse trovato in teatro.

One day (sul finire di Carnevale) gli venne fatto di leggere un gran cartellone che diceva così:

 

R. TEATRO PAGLIANO

Domenica sera gran Festa di Ballo

con ingresso alle Maschere.

La mascherata che sarà giudicata

più bella e più sfarzosa

Riceverà un premio di Cento lire.

 

Appena letto quel cartello, il nostro Cesare non ebbe più bene di sé.

Nel tornare a casa, andava fantasticando:

“Se quelle cento lire le potessi vincere io!… Che bel signore che diventerei!… Metterei su carrozza e cavalli!… comprerei una bella villa con tanti poderi… and then, tutti i quattrini che mi rimanessero in tasca, li darei alla mamma per le spese di casa… And yet!… se avessi coraggio, tenterei davvero la fortuna! Chi mi dice che la mascherata inventata da me non riuscisse la più bella di tutte?… Per inventare una mascherata non ci vuol poi un gran talento!… Non è come il latino o la grammatica, ché quelle sono due cose uggiose, e per impararle bisogna essere sgobboniQui basta avere un podi genio! A good account, non bisogna dir nulla a nessuno; specialmente amiei fratelli. Guai se Orazio e Pierino sapessero qualche cosa!”.

In saying so, si trovò quasi senza avvedersene alla porta di casa, e sonò il campanello.

Orazio, per l’appunto il suo fratello Orazio, fu quello che aprì.

“Giusto te!”, disse Cesare con aria di gran mistero appena entrato in casa.

“Che t’hanno fatto?”

“NullaHo detto così per ischerzo.”

“Eppure, a vederti in viso, si direbbe…”

“Nulla, ti ripeto, nothing. Se fossi matto a confidarmi con te!…”

“Hai forse qualche segreto?”

“Vedi! Se te lo dicessi, saresti capacissimo di andarlo subito a raccontare alla mamma. La mascherata la faròoramai ho detto di farlae la farò: ma te e Tonino non dovete saperne il gran nulla.”

“Quale mascherata?”

“Quella per andare domenica al teatro Pagliano, a vincere il premio…”

“E il premio sarebbe?”

“Cento lire alla più bella maschera della serata. Non lo dire a nessunoma la più bella maschera sarò io… understand?…”

“Allora voglio mascherarmi anch’io…”

“Ma zitto, for charity: e non dir nulla a nessuno: specialmente a Pierino, che anderebbe subito a rifischiarlo alla mamma.”

“Ti pare che voglia dirlo a Pierino? Piuttosto mi taglierei la linguaEccolo!… è lui!”

In quel mentre entrò nella stanza, ballando e saltando, un ragazzetto di circa nove anni. Era Pierino, il minore detre fratelli: which, senza perder tempo, gridò strillando come una calandra:

“Ditemi, boys, si fa a mosca-cieca?”.

“Abbiamo altro per la testa”, rispose Cesare.

“Giusto a mosca-cieca!”, soggiunse Orazio.

Pierino guardò maravigliato i suoi fratelli: e poi domandò:

“Che vi è accaduto qualche disgrazia?.”

“Finiscila, gua’, giuccherello!”, disse Orazio.

“O dunque?…”

“Tu sei un gran curioso! E a farlo apposta non devi saper nulla!…”

“Nulla! the great nothing!…”

"And then, we are just, le mascherate non sono cose per te.”

“Non sono cose da ragazzucci della tua età.”

“Che vuoi che il premio lo diano a te?”

“Sarebbe dato benino, e non canzono!”

“Ma di che premio parlate?”

“Delle cento lire, che daranno domenica sera al teatro Pagliano…”

“A chi le daranno?…”, domandò Pierino, spalancando gli occhi.

“A te no di certo. Ma forse a me…”, disse Cesare.

"And to me, soggiunse Orazio.”

“Che andate in maschera, voialtri?”

“Lo dicono.”

“E dove andate?”

“Al teatro Pagliano.”

“E quando?”

“Domenica sera.”

“Oh! good! oh bene!”, gridò Pierino. “Allora ci vengo anch’io.”

“Ma zitto! E non dir nulla a nessuno: specialmente alla mamma.”

“Per chi mi avete preso? per una spia?”

“A proposito”, disse Cesare, “come ci dovremo mascherare?”

“Io non lo so”, disse Pierino.

“Neanch’io”, soggiunse Orazio.

“Silenzio tutti! M’è venuta in capo una bella idea! Ma proprio bella…”

“Sentiamola.”

“Ditemi, boys; le volete davvero queste cento lire?”

“A me mi pare che tu ci canzoni…”

“Io non canzono nessuno. Le volete, sì o no, queste cento lire?”

“Io son contento se me ne dai quaranta”, disse Pierino, ma le voglio tutte in soldi, perché le mi fanno più figura.”

“Se volete queste cento lire, date retta a quel che vi dico. Domenica sera ci dobbiamo mascherare tutti e tre, e la nostra mascherata deve somigliare a quella stampa colorita, che portò a casa l’altro giorno lo zio Eugenio…”

“Quale stampa?…”, domandò Orazio.

“Quella che rappresenta la famiglia del gobbo Rigoletto.”

“E chi è questo Rigoletto?”, chiese Pierino.

“Non lo conosci? Gli è quel gobbo rifatto in musica dal maestro Verdiquello che dice:

 

La donna è mobile

Col fiume a letto…”

 

“S’è capito, s’è capito”, disse Orazio.

"I, com’è naturale”, riprese Cesare, “mi vestirò da Re di Francia, e tu…”

“Mi dispiace di non essere gobbo”, disse Orazio, “perché mi vestirei tanto volentieri da Rigoletto!”

“Al gobbo ti ci penso io: let me do it…”

“E io?”, domandò Pierino.

“Tu ti vestirai da Gilda, figliola di Rigoletto.”

“Io da figliola? Io per tua regola non faccio da figliola a nessuno: sono nato uomo e voglio mascherarmi da uomo: do convieni?”

"Very well: vuol dire che invece di vestirti da figliola ti vestirai da figliolo di RigolettoChe vuoi che Rigoletto non avesse in famiglia nemmeno un maschio?”

“Così mi piace e ci sto.”

E i tre fratelli, contenti di questa bellissima trovata, cominciarono a ballare in tondo per la stanza, come se avessero già guadagnato le cento lire del premio.

Quand’ecco che Pierino, fermandosi tutt’a un tratto, domandò a’ his brothers:

"Sorry, boys, e i quattrini per comprare i vestiti da maschera dove sono?”.

No one answered.

E i quattrini per entrare in teatro, chi ce li da?

La solita risposta.

 

 

II.

 

Quella sera andarono a letto mogi mogi. Cesare dormiva solo, e in un altro lettino accanto al suo, dormivano Orazio e Pierino.

“Peccato!”, disse Cesare con un gran sospiro, prima di addormentarsi. “Quelle cento lire erano proprio nostre! Nessuno ce le poteva levare…”

“Sfido io!…”, brontolò Orazio.

In quanto a Pierino non poté dir nulla, perché russava come un ghiro.

The morning after, sul far del giorno, Cesare svegliò i suoi fratelli gridando:

“Allegri, boys, allegri!… Ho bell’e trovato il modo di far la mascherata!”.

"Really?”, disse Orazio, allungandosi e sbadigliando.

“Quale mascherata?”, domandò Pierino, col capo sempre fra il sonno.

“Ora vi dirò tutto. Volete sapere chi ci darà il vestiario?… Indovinatelo! Ce lo darà lo zio Eugenio.”

Lo zio Eugenio (un gran capo-ameno) era fratello della mamma dei ragazzi, e stava con gli altri in famiglia, avendo nella medesima casa anche il suo Studio di pittura.

“E come fai a sapere che il vestiario ce lo darà lui?”

“Ne sono sicuroperché glielo porteremo via di nascosto.”

“Lo zio, therefore, ha tutto il vestiario per il Rigoletto?”

“Non è precisamente il vestiario del Rigoletto, ma ci corre poco. Sono strisce di raso rosso, verde, turchino, of all colors: e con quelle strisce noi ci faremo i calzoni, i vestiti e i berretti…”

“Ma se tu fai da Re di Francia, ti ci vorrà la corona di Re”, disse Orazio.

“Come sei ignorante!”, replicò Cesare con una scrollatina di capo. “Ma non sai che i Re di una volta, quando andavano a spasso, non portavano in capo né corona né cappello?”

“O quando pioveva, come facevano?”, domandò Pierino.

“Pigliavano l’ombrello, is in the, rimanevano in casa. Anche noialtri si sarebbe fatto così, do convieni?”

“Tu discorri bene”, soggiunse Pierino, “ma nella Storia Romana non c’è detto che gli Imperatori andassero fuori con l’ombrello…”

“E tu ci credi alla Storia Romana? Povero bambino, lo spendi bene il tutempo!…”

Per farla breve, i tre fratelli entrarono nello studio dello zio, mentre lo zio era sempre a letto, e da una vecchia cassapanca gli portarono via un grosso fagotto di calzoni di seta, di sottoveste e di giubbe di raso e altre anticaglie d’ogni modello e colore.

Poi corsero a dare un’occhiata a quella famosa stampa che rappresentavaper dir come dicevano lorotutta la famiglia di Rigoletto: e presi i necessari appunti, si rinchiusero in camera a lavorare.

Pierino, dopo averci pensato ben bene, si rassegnò a vestirsi da figliuola, invece che da figliuolo, e Cesare, avendo trovata una corona reale di cartone dorato, si rassegnò a portarla in capo.

The morning after… volete crederlo? tutto il vestiario, a furia di spilli, di aghi e di punti infilati a caso, era già in ordine.

Come facessero, non saprei dirvelo davvero. Io so una cosa sola, ed è questa: the boys, anche quelli di poca levatura, dimostrano sempre moltissimo ingegno quando lavorano per i loro balocchi.

E i quattrini per entrare a teatro? Dove trovarli? Da chi farseli imprestare?

Chiederli alla mamma era inutile, perché sarebbe stato lo stesso che scoprire tutto il sotterfugio combinato fra loro.

A good account, avevano saputo che il biglietto d’ingresso al teatro costava una lira: therefore, essendo in tre, ci volevano almeno tre lire.

Inventando una scusa di libri da comprare, si provarono a chiederle allo zio Eugenio: e lo zio, famoso per queste burle, rispose subito:

“Volete tre lire sole? Io non faccio imprestiti così meschini! Chiedetemi cento, duecento, mille liree allora c’intenderemo…”.

“Gua’”, disse Pierino, “se lei ci fida anche cento lire, noi le si pigliano volentieri.”

“Sicuro che ve le fido! E perché non ve le dovrei fidare?”

“Dunque la ce le dia.”

“Portatemi il calamaio e un pezzo di foglio bianco.”

Quand’ebbe l’occorrente, lo zio scrisse sopra il pezzo di foglio:

 

Pagherete ai miei nipoti Cesare, Orazio e Pierino lire cento, che segnerete a mio debito.

 

Lo zio

 

“E ora”, domandò Cesare, “da chi si vanno a prendere queste cento lire?”

“Alla Banca deMonchi.”

“E dov’è questa Banca?”

“Qui svolto. Appena usciti di casa, tirate giù a diritta, poi trovate una piazza, poi svoltate a sinistra, poi girate in dietro, traversate il ponte e appena fuori della barriera, lì c’è subito la Banca deMonchi.”

I tre ragazzi stettero attentissimi: ma non capirono nulla.

Fatto sta che Cesare, invece di andare a scuola, girò per tutta la città; e a quanti domandava della Banca deMonchi, tutti lo guardavano in viso e ridevano.

Back home, disse a’ his brothers:

“Lo zio ce l’ha fatta!”.

"That is?”

“La Banca deMonchi è una sua invenzione.”

“E ora come si rimedia?”

“Il rimedio ce l’avrei…”

“Dillo, dillo subito!”, gridarono Orazio e Pierino.

“Ci state voialtri a vendere i libri di scuola?”

“Magari!… e poi come si ricomprano?”

“Con le cento lire del premio!”

"Very well! E così li avremo tutti novi.”

“E tutti rilegati…”

A furia di discorrere e di ragionarci su, quei tre monelli finirono per persuadersi che, a vendere i loro libri di scuola, facevano un’operazione d’oro.

Lo stesso giorno, Cesare, con un fagotto sotto il braccio, andò in cerca di un rivenditore di libri usati: e quand’ebbe in tasca le tre lire, gli parve di aver toccato il cielo con un dito.

 

 

III.

 

La sera che dovevano andare al teatro, finsero tutti e tre di avere un gran sonno: e come fecero bene la loro parte in commedia!…

“Io non posso più tenere gli occhi aperti”, diceva Cesare.

“Io dormo e cammino”, diceva Orazio.

“Un sonno come stasera, non l’ho avuto mai”, diceva Pierino.

“Se avete sonno”, disse la loro mamma, “è una malattia che si guarisce presto! Andate a letto e non se ne parli più.”

I tre ragazzi non se lo fecero ripetere: presero il loro candeliere e si chiusero in camera.

“È meglio che ci vestiamo subito”, disse Cesare.

"And then?”

“E poi s’entra a letto.”

“E quando viene la mamma a darci il solito bacio di tutte le sere?… Se ci trova vestiti da Rigoletti?…”

“Che discorsi! Prima di chiamar la mamma, si spenge la candela.”

“E se la mamma entra in camera col suo bravo lume acceso?”

“Hai ragione. Bisogna ricordarsi di star coperti perbene fino al collo…”

I tre ragazzi, in un batter d’occhio, s’infilarono i loro calzoni e le loro gualdrappe di seta, e si nascosero sotto i lenzuoli, lasciando fuori solamente la testa.

Dopo poco venne la mamma, e dato loro un bacio e la buona notte, accostò la porta di camera.

“Ora”, disse Cesare, “bisogna stare in orecchio, per sentire quando la mamma va a letto. Attenti, therefore, e non ci lasciamo prendere dal sonno.”

“Dal sonno?”, disse Orazio. “Io per tua regola, son bono a stare sveglio fino a domani.”

“O io?”, disse Pierino. “Quando devo andare al teatro, non c’è caso che mi addormenti mai.”

Lascio pensare a voi come rimasero la mattina dopo, quando svegliandosi, si trovarono tutti e tre nel letto, mascherati!

“Meno male”, disse Cesare, “che domani sera c’è un’altra festa da ballo. Anderemo a quella.”

“E il premio delle cento lire?”, domandarono Orazio e Pierino.

“C’è anche il premio.”

Lesti lesti saltarono il letto, lesti lesti si spogliarono da Rigoletti e si rivestirono da ragazzi, e lesti lesti nascosero tutto il loro bagaglio in fondo a un piccolo armadio a muro.

Arrivati alla sera dipoi, ripeterono la medesima scena della gran sonnolenza e dell’entrare sotto i lenzuoli bell’e vestiti cogli abiti da maschera. Appena, however, si accorsero che la mamma, dopo averli baciati, era rientrata nella sua camera, saltarono dal letto e si posero a girandolare in su e in giù, tanto per non lasciarsi tradire dal sonno.

Wait, aspetta, aspetta, finalmente dopo un secolo sonarono le dieci.

“Dunque si va, o non si va? Se vogliamo andare, questa sarebbe l’ora”, disse Cesare.

“E la chiave di casa l’hai presa?”, domandò Orazio.

“Eccola qui.”

"And you, Pierino, a che cosa pensi?”

“Per me, se si deve andare, andiamo: ma il core mi dice che questi sotterfugi ci porteranno disgrazia. Se la mamma, nel tempo che siamo al teatro, la si svegliasse?…”

“E perché si dovrebbe svegliare?”

“I casi son tanti! E se una volta svegliata, la venisse in camera nostra e non ci trovasse nessuno?…”

“Come sei uggioso! Benedetti i ragazzi e chi ci s’impiccia!”, brontolò Cesare sottovoce.

Senza perdersi in altre chiacchiere, aprirono l’uscio di camera e parve loro di sentire qualcuno che si allontanasse in punta di piedi.

“Che sia lo zio Eugenio?”, domandò Pierino, rattenendo il fiato.

“Quante paure! Lo Zio, to your rule, è andato a letto prima di noi.”

It, per esserne più sicuri, nel passare davanti alla camera dello zio, stettero un poin ascolto, e lo sentirono russare come un contrabasso.

Giunti nella strada, richiusero la porta adagio adagio e senza far colpo.

La serata era freddissima, ma bella: uno stellato, che faceva innamorare a guardarlo!

I tre fratelli, tenendosi per la mano come tre buoni ragazzi che andassero a scuola, camminavano sul marciapiede: quand’ecco che sentirono dietro a loro una vocina di galletto che faceva: Chiù-chiù-chiù!

Si voltarono e videro una figura magra e tutta nera, con un paio di corna in testa, che saltava e faceva mille sgambetti.

“Che sia il diavolo?”, domandò Pierino, cominciando a tremare.

“Ma che ti vai diavolando?”, dissero i suoi fratelli. “Non vedi che è una maschera? Fermiamoci e lasciamola passare avanti.”

E si fermarono: ma il diavolo si fermò anche lui.

Allora i tre ragazzi, per non compromettersi, traversarono la strada e andarono dall’altra parte.

E il diavolo, even him, andò dall’altra parte.

“Che cosa vuole da noi?” gli domandò Cesare ingrossando la voce e facendo finta di non aver paura.

“Chiù-chiù!” rispose il diavolo facendo uno sgambetto.

“Noi andiamo per la nostra strada, e non si dà noia a nessuno.”

“Chiù-chiù.”

“Si levi di torno, sor impertinente, se no lo dico alle guardie.”

“E io lo dico alla mamma”, urlò Pierino piangendo dalla paura.

“Chiù-chiù! Chiù-chiù! Chiù-chiù!…”

E il diavolo cominciò a urlare e a saltare in un modo spiritato.

I tre ragazzi impauriti si dettero a correre: e corri, corri, corri, arrivarono finalmente alla porta del teatro.

Entrati in platea, fra mezzo alla folla, credevano di essersi liberati da quel diavolaccio che li perseguitava: but instead, dopo due minuti, sentirono intronarsi gli orecchi da un chiù-chiù che parve una fucilata a bruciapelo.

Che cosa dovevano fare?… A furia di spinte e di spintoni, e passando magari fra le gambe della gente, arrivarono a mettersi in fila davanti al palco della Commissione, che doveva giudicare le mascherate più belle.

Poveri figliuoli! Non l’avessero mai fatto!…

Appena arrivati lì, furono salutati da un fischio acutissimo e da una vociona che strillò:

“Chiù-chiù!… Fuori i ragazzi! Via i ragazzi! A letto i ragazzi!”

A questo grido sonoro e ripetuto, tutto il pubblico dei palchi e della platea si voltò: e vedendo quelle tre mascherucce, che pretendevano al premio, cominciò a sbellicarsi dalle risa e a ripetere in coro:

“Fuori i ragazzi!”

“Via i ragazzi!”

“A letto i ragazzi!”

Figuratevi il chiasso, il baccano e lo scompiglio, che nacque da un momento all’altro. In mezzo a quel pigia-pigia si sentì una voce di donna, che gridò:

“Mi hanno rubato il vezzo!”

Corsero subito le guardie: which, in tanto tramestìo, non sapendo su chi mettere le mani addosso, arrestarono le tre mascherucce che scappavano spaventate verso la porta del teatro.

“Ma perché ci arrestano?… Noi siamo innocenti!…” gridavano piangendo quei poveri ragazzi.

“Fra poco ne riparleremo”, risposero le guardie, incamminandosi verso la Questura.

"Believe… noi non siamo ladri”, diceva Cesare.

“Di chi siete figlioli?”

“Del nostro babbo e della nostra mamma.”

“Che mestiere fanno i vostri genitori?”

“Il babbo gli è fori di Firenze a far l’ingegnere e la mamma l’è a letto, che dorme…”

“E che cosa siete venuti a fare al teatro?”

“A vincere il premio.”

“Il premio ve lo daremo noi. Come mai siete scappati di casa?…”

“L’è una storia lunga…”

“I ragazzi, che scappano di casa, non possono esser nulla di bono…”

“Su questo l’ha ragione leinon c’è nulla da direMa la creda che siamo ragazzi perbenee incapaci…”

“Lo vedremo fra poco.”

In saying so, le guardie spinsero i tre ragazzi dentro la porta di Questura: e un pocon le buone e un pocon le cattive, li fecero entrare nella stanza del Delegato.

Il Delegato per l’appunto dormiva.

Quando lo svegliarono, domandò:

“Che c’è di nuovo?”

“Tre ragazzi arrestati al veglione…”

“Ragazzi?”, ripeté il Delegato, sbadigliando. “Metteteli in prigione. Domani ne riparleremo.”

Quepoveri figliuoli piansero, pregarono, si raccomandaronoMa inutilmente. La guardia aprì una porticina e tutti e tre furono cacciati in gattabuia.

Trovandosi soli e al buio, si presero l’uno con l’altro per la mano, stringendosi forte forte, per farsi fra loro un po’ of courage. E intanto che Cesarino e Orazio si sfogavano a piangere dirottamente, Pierino balbettò singhiozzando:

“Io te lo dissi, Cesarinoma tu non mi volesti dar retta….”

“Icché tu mi dicesti?…”

“Quel che diceva la nostra povera nonnache i sotterfugi portano sempre disgrazia.”

“Allora vuol dire che tutta la colpa è tua”, gridò Cesare, angry.

“Sissignore, tutta la colpa è tua!”, ripeté Orazio stizzito.

“Ma perché la colpa è mia?…”

“Perché dovevi raccontare il fissato della mascherata alla mamma, che ci avrebbe sgridato ben benee così ora, invece di trovarci qui in prigione, si sarebbe a casa a dormire nenostri lettini.”

“E se dopo mi davi di spia?…”

“Che spia e non spia? Se tu avessi raccontato ogni cosa alla mammaci avresti risparmiato un monte di dispiaceri. La colpa è tutta tua.”

“Sissignore, tutta tua, tutta tua!”, ripeté Orazio.

“Bella forza! Ve la pigliate con me, perché sono il più piccino!…”

E chi sa mai questo dialogo quanto sarebbe durato, se la porticina della prigione non si fosse aperta, e una vociona di fuori non avesse gridato.

"Its, its, boys! Potete andarvene a casa vostra. Sveltezza nelle gambe e via!”

Come mai questo cambiamento di scena all’improvviso?… Si fa presto a capirlo: essendo stato scoperto e arrestato il ladro del vezzo, i tre ragazzi, riconosciuti innocenti, venivano lasciati in libertà.

Figuratevi la loro contentezza, quando si trovarono in mezzo alla strada, padronissimi di tornarsene a casa! Non sapendo che cosa dire, piangevano, ridevano e si abbracciavano.

E strada facendo, borbottavano fra loro:

“Ora, appena arrivati a casa, si sale le scale in punta di piedi…. E poi s’entra in cameraE adagino adagino ci spogliamoE nascondiamo questi panni sotto il letto.”

“E domani si fa vista di aver dormito tutta la notte, e ci leviamo…”

“E poi di nascosto si riportano questi cenci nella cassapanca dello zio…”

“E poi si fa colazione come tutte le altre mattine…”

“E poi si va a scuola…”

“E i libri?…”

“Si dice alla mamma che li abbiamo perduti…”

“E così di questa brutta nottata, che c’è toccato a passare…”

“Nessuno ne saprà nulla…”

“Nemmeno la mamma.”

Con questi e con altri discorsi, si trovarono quasi senza avvedersene davanti alla porta di casa.

Ma sugli scalini della porta c’era sedutoindovinate chi?…

C’era seduto il diavolo, quel diavolo, loro accanito persecutore.

“Chiù-chiù! Dove andate?”, domandò l’omo nero.

“Si vorrebbe andare in casa.”

“Di qui non si passa.”

“Scusi, sor diavolo”, disse Pierino, “ma queste non sono azioni da persone di garbo.”

“Se volete passare, pagate il dazio.”

“Ma che dazio! La si figuri che in tutti e tre, non abbiamo un centesimo.”

“Chiù-chiù! Mi contenterò di questo spillone d’oro.”

And in saying so, il diavolo prese un bello spillone che Pierino teneva appuntato sul petto.

“La mi renda lo spillone”, gridò il ragazzo. “Lo spillone non è mio, e lo voglio rendere alla mamma…”

“Lascia correre, Pierino, se no ci rovini tutti!”, dissero i suoi fratelli.

Il diavolo si tirò da parte, e i ragazzi entrarono in casa, richiudendo subito la porta.

The morning after, lo zio Eugenio, prima di uscir di camera, chiamò Pierino e gli disse ridendo:

“Questa notte il diavolo è venuto a trovarmi e mi ha lasciato questo spillone d’oro per te.”

“Come?… quel diavolo?…”

“Io non posso dirti altro, perché non so altro.”

Il povero Pierino rimase di stucco. Raccontò subito il fatto ai fratelli: e tutti insieme, a furia di ragionarci sopra, finirono per persuadersi che il loro diavolo persecutore doveva essere stato lo zio Eugenio.

 

FINE

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*