Manoscritti di Carlo Collodi

Queste quattro carte collodiane, provengono dalla Biblioteca Labronica di Livorno, archiviate presso la Autografoteca Bastogi che ne rende disponibile anche una versione digitale su internet.

Nonostante io mi sia letto un po’ tutti gli scritti riguardanti Carlo Collodi, sulle carte collodiane mi sono dovuto arrender,e perché illeggibili. Qui trovi l’elenco delle altre in formato solo cartaceo, spero tanto che chi riuscirà a decifrarle potrà anche farmi la gentilezza di svelarmene i significati, buona lettura!

 

Secondo la versione online del DBI, http://www.treccani.it/enciclopedia/carlo-lorenzini_(Dizionario-Biografico)/ la situazione delle fonti sul Collodi è la seguente:
1) BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE DI FIRENZE:
“Fonti e Bibl.: Firenze, Biblioteca nazionale, N.A., 754 I-III: Carte Lorenzini, cassette I, II, III; ( consultabili presso la Sala Manoscritti ). Del fondo esiste un inventario manoscritto a schede cartacee presso il Settore Manoscritti.
Contenuto:
lettere, documenti riguardanti la sua vita pubblica, scritti vari (tra cui i capitoli XV-XVI di “/Pinocchio/”), minute e abbozzi frammentari di commedie (/Giannettino/, /La coscienza e l’impiego/, /Antonietta Buontalenti/, /Don Pilone/), appunti per il Dizionario.
2) ARCHIVIO GIUNTI-BEMPORAD-MARZOCCO DI FIRENZE:
altro nucleo di carte è custodito presso l’archivio del Gruppo editoriale Giunti Bemporad Marzocco di Firenze, erede della casa editrice Paggi
(cfr. M.J. Minicucci, Tra l’inedito e l’edito delle carte manoscritte di C. L., in Studi collodiani. Atti del I Convegno internazionale, (1974, Pescia 1976, pp. 381-403).
Gent. sig Raggi,
inoltro la sua mail alla Soprintendenza archivistica per la Toscana, cui lei potrà rivolgersi per avere elementi più precisi sull’archivio del Gruppo Giunti ed eventuali altre notizie su documenti riferibili a Carlo Collodi
Cordiali saluti
Elisabetta Reale
Direzione Generale per gli Archivi
Servizio II Tutela
tel 06 49225234
fax 06 49225280
contatto VoIP 860224234
data:13/03/13
SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER LA TOSCANA
Indirizzo
via de’ Ginori, 7
50123 – Firenze
Telefoni
(+39) 055.271111
Orario d’ufficio
L’ufficio è aperto al pubblico il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8.15 alle 14.00 e il martedì e giovedì dalle 8.15 alle 17.30.
3) BIBLIOTECA DI LIVORNO:
Altri documenti sono presso l’Autografoteca Bastogi della Biblioteca Labronica F.D. Guerrazzi di Livorno
Consultabili tutti su internet
4) BIBLIOTECA NAZIONALE DI ROMA:
presso la Biblioteca nazionale di Roma.
Ho scritto a catantico@bnc.roma.sbn.it,
catantico1@bnc.roma.sbn.it e a bnc-rm@beniculturali.it ma ancora non ho ricevuto risposta
non hanno trovato nulla, am si informano
5) BIBLIOTECA MARUCELLIANA DI FIRENZE:
Infine, numerosi cimeli sono conservati presso la Biblioteca Marucelliana di Firenze (cfr. i cataloghi Collodi giornalista e scrittore, a cura di R. Maini – P. Scapecchi, Firenze 1981; Pinocchio e pinocchiate nelle edizioni fiorentine della Marucelliana, a cura di R. Maini – M. Zangheri, Firenze 2000)”.
secondo altre fonti:
6) REGGIO EMILIA
la Biblioteca Panizzi non conserva un fondo collodiano.
Gli unici documenti relativi allo scrittore e giornalista fiorentino conservati presso di noi sono i seguenti:
Collocazione: MSS. REGG. C 464
Autore: Grassi, Carlo
Titolo: Pinocchio.
Data: [1940-1955 ca.]
Descrizione esterna: Cart.; 210 x 300 mm; 80 c.; ds.
Note: Versione libera in versi dialettali reggiani della favola omonima di Carlo Collodi per cura di Carlo Grassi.
Provenienza: Grassi, Carlo : Dono : 1957
Collocazione: MSS. REGG. E 175/13
Mittente: Collodi, Carlo
Destinatario: Obleight, Ernesto
Data: 1883/02/02
N. documenti: 1 + 1 alleg.
Luogo e data: Firenze, 2 febbraio 1883
Allegati: C. Collodi, lett. a Giuseppe Aiazzi, Motteggiana (MN), 17 aprile 1848.
Fondo: Campanini, Naborre
7) fondo archivistico della famiglia Gerini (fonte: Pinocchio svelato, di Giuseppe Gabarrino, pag142), probabilmente il fondo si trova presso la Villa Gerini di Colonnata, i boschi dei Gerini erano situati nei pressi delle pendici del Monte Morello,
8) Archivio di stato di Firenze, (fonte: Pinocchio svelato, di Giuseppe Gabarrino, pag142) note riguardanti la Villa Gerini di Colonnata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*