Muore mamma Angiolina: Carlo cambia vita

Collodi Nipote riconosce come il lutto per la perdita della madre avesse cambiato le sue abitudini di vita:
“Non si vide più frequentare i soliti caffè, e le trattorie dove era abituato a fermarsi per fare il ritocchino o bere il decino con gli amici, e si appartò dai più allegri e rumorosi. Si ridusse con l’avvocato Barsanti, il Boinaghi giornalista, lo scultore Lucchesi e qualche altro a fare la partitina ai quadrigliati per trovar l’ora di andare a letto. Non era più, come suol dirsi, nei suoi cenci, risentiva degli stravizi fatti e del troppo fumare che gli avevano procurato degli scompensi cardiaci che non lo lasciavano tranquillo.”[1]



[1] Collodi Nipote, Collodi e Pinocchio pag. 52

Pubblicato in Biografia, Carlo Lorenzini, Collodi e Pinocchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*